/ Sanità

Sanità | 27 febbraio 2021, 15:30

Covid, si torna in zona gialla dall'1 marzo ma l'attenzione resta alta. Tersidio (FIMMG): "Ancora troppe persone senza mascherina"

Dopo i problemi dei primi giorni i medici di famiglia proseguono le prenotazioni dei vaccini, a marzo inizieranno quelle per Astrazeneca per le categorie dedicate under 65

Covid, si torna in zona gialla dall'1 marzo ma l'attenzione resta alta. Tersidio (FIMMG): "Ancora troppe persone senza mascherina"

Il portale sanitario Poliss aveva stoppato le prenotazioni dei vaccini ai medici di famiglia e i primi giorni non erano stati semplici ma pare che ora la situazione si sia stabilizzata anche perché le richieste dei pazienti sono state pressanti.

"Il problema è stato risolto, non si riusciva a prenotare ma nessuno ci aveva detto di profilarci su Poliss, noi ad esempio lo usiamo per vedere i nostri report e le casistiche, non ci stiamo ad essere considerati degli sciocchi perché non siamo stati avvertiti" il commento del segretario provinciale della Fimmg Angelo Tersidio.

Intanto a marzo potrebbero partire le prenotazioni per il vaccino Astrazeneca agli under 65 di diverse categorie (forze dell'ordine, personale scolastico, ufficiali giudiziari e protezione civile) da parte degli stessi medici di famiglia che però al momento ancora non hanno certezze sulla futura somministrazione.

"Ci sono ancora cose da limare, ci chiediamo quando dovremo vaccinare se basterà l'adrenalina o se avremo bisogno anche dei defibrillatori. Per ora la situazione non è ancora chiara" ha continuato Tersidio.

La Asl2 potrebbe continuare a mettere a disposizione il Palacrociere a Savona, la scuola agenti di Cairo, il Campolau di Albenga e a Finalborgo all'Auditorium di Santa Caterina, ma al vaglio ci sarebbero altre sedi oltre agli studi dei medici. 

Intanto la variante inglese continua a circolare e se nell'imperiese si è passati alla zona arancio scura, nel savonese come nel resto della Liguria da lunedì 1 marzo si torna in zona gialla ma l'attenzione deve continuare a rimanere alta.

"In questo momento la situazione nel savonese è stazionaria ma non è così intensa come nelle settimane scorse, vedremo, comunque ci sono troppe persone senza mascherine o che non le indossano al meglio, che si assembrano" conclude il segretario della federazione medici di medicina generale.

 

 

Luciano Parodi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium