/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 21 aprile 2021, 12:24

Sciopero lavoratori Leonardo, Gianni Pastorino (Linea Condivisa): "E' necessario mobilitarsi e chiedere un intervento urgente al Governo"

Questa mattina i dipendenti dell'azienda hanno manifestato per le vie di Genova

Sciopero lavoratori Leonardo, Gianni Pastorino (Linea Condivisa): "E' necessario mobilitarsi e chiedere un intervento urgente al Governo"

Il capogruppo di Linea Condivisa Gianni Pastorino questa mattina è sceso in corteo al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori della Leonardo S.p.a., preoccupati per il comparto dell’Automazione, che metterebbe a repentaglio il sito genovese.

“Le questioni aperte alla Business Unit sono strategiche per l’occupazione a Genova, – dichiara il consigliere regionale Gianni Pastorino – cedere l’automazione, come sembra voler fare Leonardo, con l’intento evidente di fare cassa, significherebbe, da una parte mettere in discussione la presenza stessa dell’azienda a Genova, dall’altra mettere a repentaglio centinaia di posti di lavoro, soprattutto in un momento delicato e complicato come quello che stiamo vivendo”.

È doveroso ricordare che la Business Unit, erede della storica Elsag, operante nell’automazione dei sistemi di smistamento per il settore della logistica degli aeroporti, è fortemente radicata su Genova e conta circa 400, tra lavoratrici e lavoratori. E rappresenta, inoltre, uno dei pilastri della presenza di Leonardo nel nostro capoluogo.

“Per questo oggi siamo scesi in piazza, per questo oggi abbiamo ritenuto importante che ci fossero anche le lavoratrici delle mense di Leonardo, – prosegue il capogruppo di Linea condivisa Pastorino – perché è evidente che questa città non riuscirebbe a tollerare un attacco occupazionale così forte da mettere in discussione non soltanto i 400 posti della Business, ma anche quello delle lavoratrici impegnate nelle mense aziendali”.

Presenti questa mattina, tra le vie del centro di Genova, anche altre forze politiche liguri. “Riteniamo necessario mobilitarsi per chiedere al Governo un immediato intervento che eviti il ridimensionamento della struttura, – aggiunge Pastorino – per evitare la cessione dell’attività del sito di Genova e garantire che i lavoratori della Business Unit restino a tutti gli effetti incardinati dentro la struttura di Leonardo S.p.a., con ripercussioni favorevoli anche per le lavoratrici e i lavoratori dell’indotto”.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium