/ Attualità

Attualità | 27 aprile 2021, 12:36

Cantiere sull'Aurelia a Capo Noli, il grido di protesta delle categorie del turismo: "Chiediamo rispetto, siamo pronti alla lotta fino alla fine" (FOTO e VIDEO)

"La chiusura del Malpasso è l'emblema della superficialità con cui vengono gestite le cose"

Cantiere sull'Aurelia a Capo Noli, il grido di protesta delle categorie del turismo: "Chiediamo rispetto, siamo pronti alla lotta fino alla fine" (FOTO e VIDEO)

Turismo savonese. Ultima chiamata. Il tavolo del turismo della provincia di Savona ha lanciato un vero e proprio grido di allarme nei confronti di alcune lavorazioni di messa in sicurezza attraverso la sostituzione delle reti protettive ammalorate lungo il versante di Capo Noli che sono partite lo scorso 19 aprile da parte di Anas.

Il cantiere (che si aggiunge a quelli già presenti a Capo Mele tra Laigueglia ed Andora e a Celle) sarà presente dalle 8 alle 18 tutti i giorni feriali e rimosso tutte le sere e i fine settimana, portando all'istituzione di un senso unico alternato fino al 15 luglio. I lavori poi dovevano riprendere il 15 settembre fino all'incirca a Natale: in quel periodo però saranno previste anche chiusure totali del tratto di statale, con riacquisto della viabilità la notte e nel fine settimana.

A questo però andava aggiunto un ulteriore e contemporaneo stop alla circolazione sulla A10, per la messa in sicurezza di due gallerie nel tratto tra Finale e Savona, con la chiusura del traffico nelle ore notturne fino al termine di aprile.

Il piano era stato non solo discusso, ma addirittura presentato durante una riunione tenutasi stamani in videoconferenza con la Prefettura, Anas, Autofiori e le amministrazioni comunali interessate dai disagi. E le categorie economiche savonesi avevano iniziato a preoccuparsi per le ricadute sulla viabilità delle opere in corso di messa in sicurezza dell’area, anche in vista della ripartenza, mettendo in atto tutte le attività possibili per contrastare quella decisione.

Nella giornata di ieri è intervenuta in aiuto la Regione tramite l'assessore regionale alla protezione civile Giacomo Giampedrone che ha incontrato Anas ed è stato concordato che tra Noli e Finale Ligure, avverrà una sospensione dal venerdì alla domenica a partire dal 14 maggio per chiudersi il 25 giugno, invece del 29 luglio, come previsto inizialmente dal cronoprogramma dei lavori.

"Economia e turismo chiedono il rispetto guadagnato sul campo e la possibilità di lavorare al pari degli altri. Con i semafori sulla via Aurelia e i problemi sull'autostrada non si può partire, quindi la politica deve fare del turismo una cifra definitiva, deve essere parte strategica della Regione - ha dichiarato Angelo Berlangieri, presidente Unione Provinciale Albergatori - Basta navigare a vista, siamo pronti al confronto e alla lotta fino alla fine. La chiusura del Malpasso è l'emblema della superficialità con cui vengono gestite le cose".

"La scorsa estate siamo finiti sulla cronaca nazionale come una regione irraggiungibile. Abbiamo subito questa cosa in un momento di grande difficoltà e siamo stati vittime di una grande ingiustizia - ha proseguito Enrico Schiappapietra, presidente regionale del Sib - Saremo vigili su questa situazione e non è vero che si può lavorare sulla strade solo nei mesi estivi. Durante l'inverno nessun cantiere e poi ci troviamo durante l'estate in piena emergenza che programmino gli interventi, da svolgere da settembre in avanti. Il danno della scorsa estate non è accettabile".

"È assurdo essere in questa situazione a qualche giorno dal weekend del primo maggio. Vogliamo avere lo stesso rispetto che abbiamo avuto noi in questi mesi, ora dobbiamo lavorare ma non vogliamo essere presi in giro. Ci devono ascoltare, non possiamo andare in Prefettura dove viene preso atto di qualcosa. È irrispettoso nei nostri confronti" ha proseguito Barbara Bugini, presidente Fatta Liguria.

Durante la giornata si susseguiranno gli incontri con i sindaci della provincia, i sindacati del turismo e i consiglieri regionali e parlamentari del territorio e in videoconferenza verrà fatto il punto della situazione con il presidente della Regione Giovanni Toti.

In conclusione il Tavolo del Turismo verrà ricevuto in Prefettura dal Prefetto Antonio Cananà.

 

Luciano Parodi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium