/ Politica

Politica | 04 maggio 2021, 15:25

Successore di Vigliercio, Alessandra Gemelli si autocandida alla segreteria provinciale Pd, ma una parte del partito vuole un nome condiviso

La vicesegretaria regionale dem: "Consapevole della responsabilità ed onorata della fiducia manifestatami, ho deciso di accettare la proposta formulatami esclusivamente sino al periodo che ci porterà al Congresso"

Successore di Vigliercio, Alessandra Gemelli si autocandida alla segreteria provinciale Pd, ma una parte del partito vuole un nome condiviso

"A seguito delle rassegnate dimissioni del segretario provinciale, al fine di gestire questa fase di transizione che ci porterà al Congresso e che si svolgerà immediatamente dopo aver traguardato quello che, per noi tutti, rappresenta un momento di straordinaria importanza ovvero le elezioni amministrative che si terranno in autunno, ho ricevuto da molti iscritti e dirigenti la proposta di presentare la mia candidatura alla Segreteria Provinciale".

Con queste parole, in una lettera inviata ai componenti dell’Assemblea Provinciale del PD di Savona, la vicesegretaria regionale l'avvocato Alessandra Gemelli si è autoproposta come successore di Giacomo Vigliercio che oltre a presentare il 20 aprile le dimissioni dai dem, il suo mandato si era già concluso nel frattempo.

"Le sfide che ci attendono sono davvero importanti e saremo capaci di affrontarle e superarle con successo solo insieme, attraverso un lavoro corale, con una squadra forte e coesa che veda protagonisti i territori, i Circoli e tutti gli iscritti. Un lavoro da svolgersi, in un momento storico particolarmente difficile, colmo di tensioni e di incertezze ma in un’ unità d’intenti che, facendoci anzitutto riscoprire il valore di sentirci 'comunità' e l’ orgoglio del senso di appartenenza, ci porterà a realizzare, con la passione e la determinazione di cui siamo capaci , quelli che sono gli obiettivi comuni" continua Alessandra Gemelli che alle ultime elezioni aveva raccolto 1004 preferenze, piazzandosi al quarto posto dietro Roberto Arboscello, Mauro Righello e Massimo Niero.

"Dopo seria ed attenta riflessione, alle sole ed uniche condizioni appena descritte, consapevole della responsabilità ed onorata della fiducia manifestatami, ho deciso di accettare la proposta formulatami esclusivamente sino al periodo che ci porterà al Congresso e di mettermi a disposizione del “mio” Partito e di quella che, da sempre, sento essere la 'mia' Comunità. Sono pronta a lavorare con impegno, spirito di servizio e massima disponibilità all’ascolto degli iscritti, dei Dirigenti e dei rappresentanti del PD nelle Istituzioni, cui sin d’ora, se così deciderete, chiedo collaborazione ed aiuto nell’affrontare questo percorso indubbiamente non semplice ma di certo entusiasmante" precisa l'esponente Dem.

"Sono tanti gli appuntamenti elettorali e non solo che ci aspettano nell’arco di pochi mesi, tanti i Comuni che andranno al voto e credo fortemente che questa fase così delicata e decisiva debba vedere un Partito nella pienezza delle sue funzioni e non commissariata . 

Tra i diversi Comuni al voto c'è Savona, Comune capoluogo della nostra Provincia. Con Marco Russo e tutte le associazioni ed i partiti che hanno aderito al suo progetto possiamo vincere le prossime elezioni di Savona" conclude la vicesegretaria regionale del Partito Democratico.

Una "fuga" in avanti che però pare non convinca una parte del Partito Democratico che auspica ad un nome che possa mettere d'accordo tutti. 

E il commissariamento, però se non verrà trovata una quadra interna ancora prima dell'assemblea provinciale, potrebbe essere uno scenario più che possibile.

Bisognerà anche capire anche quale posizione potrebbe prendere il candidato alla poltrona da sindaco di Savona Marco Russo. In caso di appoggio ad Alessandra Gemelli e se non ci fossero i numeri per sostenere la sua candidatura, non è da escludere che qualcuno per le amministrative possa richiedere che vengano effettuate le primarie.

 

Intanto dal 15 giugno potrà essere richiesta l'attivazione dei nuovi iter congressuali proprio a seguito di dimissioni o decadenza del segretario provinciale.

Luciano Parodi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium