/ Economia

Economia | 08 maggio 2021, 14:00

Festa della Mamma, Coldiretti: "Nonostante la crisi 6 italiani su 10 scelgono l'omaggio floreale"

Le dichiarazioni si basano su quanto emerso dal sondaggio on line effettuato sul sito www.coldiretti.it

Festa della Mamma, Coldiretti: "Nonostante la crisi 6 italiani su 10 scelgono l'omaggio floreale"

Stravincono i fiori tra i regali più gettonati per la Festa della Mamma 2021, con quasi 6 italiani su 10 (59%) che appunto scelgono un mazzo di fiori o una pianta in vaso, rispetto a cioccolatini e dolciumi, regalati da appena un 6% di italiani, mentre una minoranza del 2% ha acquistato gioielli e altrettanti (2%) si sono indirizzati verso capi di abbigliamento. Per questa ricorrenza i fiori Made in Liguria più indicati sono Peonie, Ranuncoli e Rose, ma non manca chi sceglie piante in vaso per abbellire terrazzi e balconi, tra cui i più gettonati sono Margherite, Gerani, Fucsia, Calibrachoa, Mesembriantemo, Dipladenia e Dimorfoteca. A fronte di una maggioranza assoluta che dona fiori, c’è però anche quasi 1 cittadino su 5 (19%) che quest’anno non regalerà nulla a causa della crisi economica, mentre un ulteriore 12% non fa mai regali in queste occasioni.

E’ come commenta Coldiretti Liguria quanto emerso dal sondaggio on line effettuato sul sito www.coldiretti.it sottolineando che grazie alle oltre 4200 imprese florovivaistiche presenti in Liguria, ognuno può, in ogni occasione,  esprimere il proprio affetto nel migliore dei modi.

“Il fatto che la stragrande maggioranza dei cittadini si sia indirizzato verso un omaggio floreale – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa – rappresenta una boccata di ossigeno anche per il florovivaismo locale, uno tra i settori più colpiti dall’emergenza Covid con un danno stimato dalla Coldiretti, a livello nazionale, pari a 1,7 miliardi di euro. Un conto pesante dovuto a problemi sull’export, ritardi e problemi nel trasporto su gomma e chiusura a singhiozzo dei canali distributivi, situazione aggravata dalle limitazioni a cerimonie come battesimi, matrimoni, lauree e funerali e dalla cancellazione di tutte le manifestazioni fieristiche dedicate agli appassionati. Il nostro consiglio è di acquistare sempre piante e fiori locali, direttamente dal produttore o nei mercati contadini di Campagna Amica per essere sicuri di mettere nel vaso un prodotto italiano al 100%, che sostiene i territori, rispetta l’ambiente e l’occupazione, peraltro in una fase difficile per il Paese”.

I CONSIGLI COLDIRETTI PER CONSERVARE I FIORI


Acquistare fiori in ottimo stato, senza ammaccature o foglie di colore scuro e con lo stelo abbastanza robusto.

Giunti in casa accorciare il gambo tagliando i 3- 4 cm finali dello stelo, non con le forbici che schiaccerebbero i canali di transito dell’acqua all’interno del fiore, ma con un coltello affilato e con un taglio netto e obliquo.

Cambiare l’acqua ogni giorno, e fare attenzione che sia sempre fresca e pulita.

Sciogliere nell’acqua un’aspirina o 3-4 gocce di candeggina per litro d’acqua al fine di impedire la formazione di batteri che ostruirebbero i canali per portare l’acqua al fiore.

Evitare l’esposizione alla luce diretta e le correnti d’aria sia calda sia fredda e la vicinanza a fonti di calore.

Tenere i fiori lontani dalla frutta che ne accelera la maturazione e ne accorcia la vita.

Un fiore, come un ricordo, è per sempre. Quando inizia a deperire, essiccalo e conservalo per abbellire la tua casa.

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium