/ Politica

Politica | 10 maggio 2021, 20:15

Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, Di Padova (Pd): "Solo due progetti dal Comune di Savona, davvero non abbiamo bisogno di altro?"

"Non vorremmo che in coda a questa fallimentare amministrazione ci ritrovassimo un ultimo regalo: il treno perso dell'occasione del Recovery Fund"

Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, Di Padova (Pd): "Solo due progetti dal Comune di Savona, davvero non abbiamo bisogno di altro?"

"Solo due. Tra gli argomenti che dominano la discussione politica nel panorama nazionale ci sono senza dubbio le moltissime risorse che arriveranno sul territorio grazie al Piano nazionale di Ripresa e Resilienza. Il PNRR è parte di un'ampia strategia per l’ammodernamento del nostro Paese e per risollevare l'economia dopo la pandemia. Una quantità di risorse che da anni non si vedevano sul nostro territorio e che rischiano di essere l'ennesima opportunità non colta dalla città con conseguenze molto gravi. L'assessore Arecco dopo avere risposto a una interpellanza su questo tema in Consiglio ha fatto pervenire ai Consiglieri le schede progetto che sono state predisposte e inviate a Regione Liguria affinché fossero finanziati con il PNRR". Così, attraverso una nota stampa, Elisa Di Padova, capogruppo consiliare del partito Democratico a Savona.

"Sono solo due - prosegue l'esponente dem - Abbiamo riascoltato il suo intervento in Consiglio comunale per essere proprio sicuri e abbiamo chiesto chiarimenti. Sono solo due. Il Comune di Savona ha inviato il progetto di Palazzo della Rovere e progetti per il dissesto idrogeologico con la messa in sicurezza del Letimbro. Ci chiediamo come possano per questa amministrazione non essere presenti, insieme a queste, anche altre scommesse che hanno a che fare con il rilancio della Città e previste nel PNRR. Perché ricordiamoci che le infrastrutture sono importantissime ma le missioni del PNRR sono molte: transizione ecologica, transizione digitale, inclusione sociale, salute, istruzione e formazione, tutti temi su cui la nostra città avrebbe un gran bisogno di investire in progettualità per fare un deciso salto in avanti e avviare la ripartenza con l'ossigeno di nuove e mirate risorse economiche".

"Città come Varese e come Terni (solo per fare qualche esempio, non stiamo quindi parlando di Roma o Milano) hanno costruito dossier con molte e diverse progettualità, correttamente distribuiti rispetto alle varie opportunità delle missioni del PNRR, interpretando inoltre con forza il loro ruolo comprensoriale. Hanno sviluppato progettualità e portato a sistema anche progettualità precedenti realizzate con la partecipazione dei cittadini. Mettendo a frutto le idee e le competenze per la migliore ricaduta sul territorio. Non vorremmo che in coda a questa fallimentare amministrazione ci ritrovassimo un ultimo regalo: il treno perso dell'occasione del Recovery Fund. Regione Liguria ha presentato 136 progettualità per un valore di 18miliardi di euro. Il Comune di Savona solo due, per un valore di circa 27 milioni di euro. Davvero non abbiamo bisogno di altro?" conclude infine Elisa Di Padova a nome del gruppo consiliare PD Savona.

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium