/ Solidarietà

Solidarietà | 18 giugno 2021, 12:31

Pietra Ligure, una palma vicino al comando della polizia locale per ricordare Fedele Bottaro

L'omaggio di amici e conoscenti, con il contributo del gruppo goliardico pietrese "Pulp in Valmaremola"

Pietra Ligure, una palma vicino al comando della polizia locale per ricordare Fedele Bottaro

Il ricordo di Fedele Bottaro continua a vivere nel cuore della comunità di Pietra Ligure.

Dopo la donazione, da parte della leva 1955, a favore della RP 'Santo Spirito' come contributo per l’acquisto dell’interfono installato in prossimità della vetrata della casa di riposo, nella giornata di ieri è stata messa a dimora una palma nei pressi del comando pietrese della polizia locale: presenti per l'occasione il sindaco Luigi De Vincenzi, il comandante della polizia locale Domenico Colnaghi, il parroco cittadino Don Giancarlo Cuneo oltre ai familiari dell'agente della polizia locale in pensione, scomparso nel marzo scorso al San Martino di Genova dopo aver lottato contro il Covid-19.

Ad omaggiare la memoria di Fedele questa volta sono stati amici e conoscenti, con il contributo del gruppo goliardico pietrese "Pulp in Valmaremola".

Con questo gesto semplice, ma per tutti noi carico di significato, vogliamo ricordare Fedele – esordisce il Sindaco di Pietra Ligure Luigi De Vincenzi -  Ringrazio Paola, Vanessa, Sandro e Lidia per aver voluto condividere con noi questo momento. Ringrazio gli amici per aver avuto questo pensiero al quale ho subito aderito come Sindaco ma soprattutto come amico. Ringrazio l’ex Comandante Nicola Varaglioti, sotto il cui comando ha iniziato a lavorare Fedele, per aver voluto essere presente e naturalmente ringrazio l’attuale Comandante Domenico Colnaghi, con cui Fedele ha condiviso gran parte della sua carriera lavorativa, per essere qui. Ringrazio la mia Amministrazione, oggi rappresentata dal Vice Sindaco Daniele Rembado e dall’Assessore Francesco Amandola, per aver concretamente e immediatamente sostenuto questa iniziativa. Ringrazio, ancora, Don Giancarlo Cuneo, parroco della basilica di San Nicolò, per la sua benedizione – continua De Vincenzi – Questo albero metterà radici e crescerà forte e rigoglioso come l’amicizia con Fedele, che ha radicato nel profondo e ha generato tante attestazioni di affetto, come l’iniziativa di oggi ma anche l’interfono donato dalla leva del ‘55 alla casa di riposo Santo Spirito testimoniano. Con Fedele c’era un’amicizia personale iniziata addirittura sui banchi di scuola. Siamo stati compagni di classe, colleghi e poi sono stato ‘il suo “sindaco” durante i miei mandati in amministrazione. Con lui, tutti noi abbiamo condiviso tanto. Mi piace e ci piace ricordarlo con questo segno che è insieme di speranza, di futuro, di gentilezza e di generosità. Questo non sarà un albero qualunque, ma sarà una pianta speciale”, conclude il Sindaco. 

Roberto Vassallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium