Elezioni comune di Savona

Elezioni comune di Varazze

Elezioni comune di Loano

 / Politica

Politica | 28 luglio 2021, 12:19

Parco di San Pietro e gestione del contratto con "Gli amici del Corbezzolo": il sindaco di Quiliano risponde alla minoranza

"L'interrogazione rappresenta un clamoroso elemento distorsivo sul piano delle relazioni istituzionali" replica il primo cittadino. La minoranza: "Vedremo però se è un’attività volta a risolvere i problemi o se è stato fatto per mandarli via"

Parco di San Pietro e gestione del contratto con "Gli amici del Corbezzolo": il sindaco di Quiliano risponde alla minoranza

Il Consiglio comunale di Quiliano è stato chiamato a discutere su richiesta dell’opposizione consiliare in merito alla gestione de “Gli amici del Corbezzolo”, sulle loro attività e sul futuro dell’area di San Pietro di Carpignano.

"L’amministrazione comunale ritiene che questa interrogazione rappresenti un clamoroso elemento distorsivo sul piano delle relazioni istituzionali. Gli argomenti sui quali l’amministrazione in carica è stata chiamata a rispondere dal Gruppo “Quiliano Domani” appartengono infatti agli indirizzi gestionali derivanti da precise e vincolanti scelte compiute dalla precedente giunta comunale" commenta il sindaco Nicola Isetta.

"In realtà, l’Ufficio Tecnico comunale sta semplicemente compiendo il proprio dovere tecnico, nel rispetto dei principi di legalità e trasparenza amministrativa, al fine di verificare puntualmente e in modo attivo la fase di attuazione del contratto gestionale in essere. Questo lavoro è conseguente ad un sopralluogo dal quale lo stesso ufficio aveva riscontrato come la condizione di utilizzo e la situazione manutentiva relativa ai terreni in concessione non corrispondesse pienamente a quanto previsto dagli obblighi convenzionali". 

"È doveroso evidenziare che la parte più rilevante delle scelte strategiche di gestione delle aree in questione è legata e vincolata da contratti in essere, in entrambi i casi avviati dalla precedente amministrazione comunale; uno di essi, quello che riguarda “Gli amici del Corbezzolo” è stato affidato addirittura in scadenza di mandato. Tali scelte sono state fatte nei dieci anni precedenti e oltretutto imposte per l’intera durata dei cinque anni successivi del nostro mandato" prosegue. 

"L’intento di questa amministrazione, come anche dichiarato nel programma di Governo, prevede invece per il Parco di San Pietro di Carpignano la piena valorizzazione, la fruizione mediante la promozione di iniziative di vario tipo (musicali, sportive, cinematografiche) e sono previsti appositi interventi di gestione dell’area archeologica e naturalistica con la partecipazione di Enti pubblici, Associazioni e privati". 

"È stata attivata la promozione delle principali colture agricole tradizionali e prosegue il lavoro di progettazione per la ricerca di finanziamenti disponibili con l’obiettivo di garantire un corretto sviluppo e un necessario incremento delle attività, sempre nell’ottica di un approccio sostenibile e rispettoso del sito e della tutela dell’interesse di tutta la comunità. Resta evidente che l’operato per la riqualificazione del Parco proseguirà nel rispetto dei contratti esistenti, ma con il dovere istituzionale di vigilare e verificare se i patti e le condizioni sono rispettati nell’attuazione della gestione. Siamo convinti che i consiglieri comunali, a prescindere dalla loro collocazione, debbano sentirsi prioritariamente tutti impegnati a tutelare gli interessi e il buon nome della Città di Quiliano. Proprio per questo nel caso della ditta individuale “Gli Amici del Corbezzolo” si stanno valutando se le condizioni stabilite dalla precedente Amministrazione Comunale sono rispettate". 

"Rileviamo peraltro per “Gli Amici del Corbezzolo”, la problematica della corresponsione del dovuto nelle diverse annualità. E non solo: non è stata richiesta neppure alcuna riconversione e rinegoziazione dei contratti in essere dovuti alle mutate condizioni per la pandemia. Questo è stato rilevato dai funzionari del Comune durante il loro lavoro e nelle loro funzioni. Che l’opposizione venga a chiedere ragione di questi interventi, finalizzati al rispetto delle regole di buona amministrazione, è quantomeno ambiguo e fuorviante".

"Per questo siamo rimasti molto sorpresi e amareggiati dall’interrogazione presentata dal Gruppo Consiliare “Quiliano domani”, in ragione di una narrazione mediatica per nulla rispondente alla realtà dei fatti amministrativi, come riscontrati da parte degli uffici comunali. L’intento di questa Amministrazione è invece quello di costruire il bene comune e armonizzare all’interno del Parco tutte le forze esistenti, affinché da questa armonia si giunga a una fruizione completa e funzionale di questa fondamentale risorsa per la nostra comunità - conclude il sindaco Isetta - La maggioranza consiliare del comune sta infatti lavorando per raggiungere questo obiettivo, e lavorerà verso tale direzione nel corso del mandato". 

"Ci sembra una cosa sproporzionata, basterebbe una richiesta di adempiere e trovare una soluzione, ci sono tante attività ed è un patrimonio da tutelare - ha dichiarato il capogruppo di Quiliano Domani Rodolfo Fersini - Hanno confermato la loro linea e mi pare di capire che questa sia una verifica non per mandarli via ma per verificare gli inadempimenti. Vedremo però se è un’attività volta a risolvere i problemi o se è stato fatto per mandarli via. Se non rientra il problema faremo qualcosa, mi sembra una cosa veramente pesante, questo metro di misura non viene usato con nessuno".

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium