/ Politica

Politica | 30 luglio 2021, 17:06

Parco San Pietro in Carpignano, la minoranza "Chiesto solo chiarimenti, il sindaco non ha risposto alle preoccupazioni delle famiglie"

"Ogni azione su questo progetto può avere un pesante impatto sul welfare dei quilianesi"

Parco San Pietro in Carpignano, la minoranza "Chiesto solo chiarimenti, il sindaco non ha risposto alle preoccupazioni delle famiglie"

"Siamo stupiti e imbarazzati dalla risposta del sindaco nel Consiglio comunale di lunedì 26 e dalle successive dichiarazioni agli organi di stampa, perché ha nuovamente, e auspichiamo non volutamente, travisato il senso dell’interrogazione consiliare del gruppo di minoranza 'Quiliano domani' in merito alla questione della fattoria didattica".

Così in una nota il consigliere di minoranza Rodolfo Fersini controbatte al sindaco Nicola Isetta sui chiarimenti richiesti dal gruppo consiliare circa il futuro del Parco di San Pietro di Carpignano. 

"Il nostro intento e la nostra iniziativa in consiglio, di cui rivendichiamo piena legittimità e per la quale respingiamo ogni accusa di perseguire interessi di parte - specifica il rappresentante del gruppo - era di comprendere quali azioni intenda mettere in atto l’amministrazione qualora si pervenga alla risoluzione del contratto con 'Gli Amici del Corbezzolo' in considerazione della rilevanza da un punto di vista sociale delle attività svolte a favore di decine di nostri piccoli concittadini e delle loro famiglie".

"Tutto questo - sottolinea Fersini - perché la fattoria didattica di San Pietro in Carpignano interagisce con una pluralità di soggetti e lavora in sinergia con le associazioni sportive del territorio, con la Pro Loco, con Aias per i bambini del doposcuola, con Astrolabio per l’inserimento in stage di ragazzi che risiedono in case famiglia, con Isforcoop, con la Società Nazionale di Salvamento, con l’Università di Genova, con i ragazzi dell’orto sociale, con le scuole del territorio e con numerose famiglie sia delle parti cittadine che delle frazioni e borgate, e siamo quindi consapevoli che ogni azione verso questo disegno associativo possa comportare un impatto pesante alle attività sociali ed al welfare dei quilianesi".

"Abbiamo invece chiesto chiarimenti pubblici in merito all’azione di politica amministrativa, un'azione che deve essere trasparente e rivolta all’interesse dei cittadini" afferma il consigliere.

"Non è ovviamente nostra intenzione interferire in attività che non competono ai consiglieri, bensì agli uffici che devono, nell’interesse del bene pubblico, fare tutte le legittime verifiche sugli adempimenti alle prestazioni contrattuali, come erroneamente sostiene o vorrebbe far intendere il sindaco" ribadisce l'opposizione

"Sindaco che invece non dà alcuna risposta all’essenza della nostra interrogazione e soprattutto alle preoccupazioni delle famiglie che usufruiscono di servizi quali doposcuola o campi solari, implementando così la buona pratica di una virtù universalmente riconosciuta agli italiani, ossia l’arte di arrangiarsi a trovare soluzioni alternative" continua.

"Lasciamo al lettore la valutazione sull’attenzione e la sensibilità dimostrata nei confronti delle attività sopra citate" conclude Fersini. 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium