/ Eventi

Eventi | 23 settembre 2021, 08:31

Urbe pianta l'Albero della Legalità, la cerimonia il 30 settembre nella scuola "Don Carlo Canepa"

L'evento è organizzato dal Progetto di Vita in collaborazione col comune

Urbe pianta l'Albero della Legalità, la cerimonia il 30 settembre nella scuola "Don Carlo Canepa"

Giovedì 30 settembre alle ore 11 presso la scuola "Don Carlo Canepa" in località Campè, si terrà la piantumazione dell'Albero della Legalità organizzato dal Progetto di Vita in collaborazione col comune di Urbe. 

Dopo aver piantumato l’Albero della Legalità a Verzino (Kr), Pallagorio (Kr), Umbriatico (Kr), Cirò Superiore (Kr), Carfizzi (Kr), Torre Melissa (Kr), Colle (Ba), Casamassima (Ba) e Quirinale, la cerimonia vuole continuare a mantenere vivo il ricordo delle vittime di mafia e dei servitori dello Stato, onorando il ricordo di coloro che hanno pagato con la vita la lotta contro le mafie e di tutti coloro che continuano a lottare per un Paese più giusto e pulito.

"Non ci si deve rassegnare al semplice ricordo, ma si deve essere esempi di continuità e di legalità sempre. L'Albero della Legalità vive grazie all’humus fertile delle persone oneste, dei veri uomini d'onore che ogni giorno vivono seguendo e rispettando la Legge. In contrapposizione all'albero della malavita, la Legalità non è gratuita, va piantata, radicata, resa prospera e diffusa ovunque. La Legalità è vita, la nostra vita. Tutti insieme dobbiamo lottare per fare prendere coscienza di questo cancro, dobbiamo ripudiarlo e combatterlo e i primi dobbiamo essere noi cittadini accanto alle istituzioni e alle forze dell'ordine" spiegano gli organizzatori dell'evento. 

All'evento interverranno Fabrizio Antoci, sindaco di Urbe; Adriana Colacicco, co-fondatrice del Progetto di Vita encomiato dal Presidente della Repubblica Italiana e dal Presidente della Repubblica francese; Gerardo Gatti, co-fondatore del Progetto di Vita encomiato dal Presidente della Repubblica Italiana e dal Presidente della Repubblica francese; Luigi Leonardi, testimone di giustizia-imprenditore anti-camorra-autore del libro "La paura non perdona"; Maria Battaglia, dirigente Istituto Comprensivo di Sassello; Giorgio Leoncini, sindaco di Taglieto; Lia Zunino, vice sindaco di Sassello. Saranno presenti anche le autorità civili, militari e religiose. L'evento si svolgerà nel pieno rispetto delle norme anti-Covid. 

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium