/ Economia

Economia | 25 settembre 2021, 11:15

Blue Economy per lo sviluppo della Sicilia di domani

Se ne parla il 30 settembre sulla Nave Vespucci al Sea Future di La Spezia

Blue Economy per lo sviluppo della Sicilia di domani

Unioncamere Sicilia e la Camera di Commercio Messina hanno da tempo avviato un percorso di valorizzazione dell’economia del mare della regione, un asset che è considerato centrale anche dalla regione siciliana che l’ha inserita tra i temi prioritari del DPF Regionale. La Blue Economy può e deve diventare una delle leve trainanti dell’economia siciliana per poter competere sui mercati internazionali, partendo dal fondamentale ruolo indispensabile della ricerca e dell’innovazione.

Il Seminario “BLUE ECONOMY, PER LO SVILUPPO DELLA SICILIA DI DOMANI”, partendo dai principali risultati dell’indagine svolta dal Centro Studi Tagliacarne, affronterà gli aspetti connessi alla logistica e alla portualità da diporto e sarà anche l’occasione per lanciare la prima edizione in Sicilia, nel 2022 a Messina in collaborazione con Seafuture, della Fiera Nautica dedicata alle Tecnologie Marine, Difesa, Sicurezza, Underwater, Dual use, Ambiente, Porti, Logistica e Diporto Nautico.

“La ricerca sulla Blue Economy presentata dal Centro Studi Tagliacarne - così il Presidente di Unioncamere Sicilia Giuseppe Pace - dimostra che l’economia del mare può fungere da volano per lo sviluppo economico siciliano e la nostra regione può a pieno titolo competere in questo settore sui più importanti mercati internazionali.”

Per il Presidente della Camera di Commercio di Messina Ivo Blandina, “La filiera della blue economy genera direttamente e indirettamente 2,4 miliardi di euro, pari a circa il 24% dell’intera economia di Messina che, con un valore quasi triplo rispetto alla media nazionale – la pone sul podio delle province siciliane per l’economia del mare, al secondo posto, dietro Palermo. Rilevante è anche il peso occupazionale della blue economy, con circa 20 mila persone occupate, che rappresentano oltre il 10% del totale dell’occupazione messinese.”

Moderati da Massimo Maria Amorosini, ideatore e conduttore del noto format televisivo OK ITALIA PARLIAMONE, interverranno sulla Nave Scuola Amerigo Vespucci, l'Unità più anziana in servizio nella Marina Militare, oggi adibita ad attività addestrativa degli allievi dell'Accademia Navale, Giuseppe PACE, Presidente Unioncamere Sicilia, Ivo BLANDINA, Presidente Camera di Commercio Messina, Giuseppe TRIPOLI, Segretario Generale Unioncamere, Gaetano ARMAO, Vice Presidente e Assessore all’Economia della Regione Siciliana, Giorgio PALMUCCI, Presidente Agenzia Enit, Cristiana PAGNI, Presidente di IBG S.r.l., società organizzatrice di Seafuture, Paola Sabella, Segretario Generale Camera di Commercio di Messina, Francesco Di Sarcina, Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale.

c.s.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Leggi le notizie di Imperia e Golfo Dianese

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium