Politica - 23 ottobre 2021, 13:18

M5S Albisola, Stefania Scarone: “Comune di Albisola in pre-dissesto: grosse nubi all’orizzonte”

In una nota stampa l’analisi della situazione attuale della capogruppo M5S Albisola

M5S Albisola, Stefania Scarone: “Comune di Albisola in pre-dissesto: grosse nubi all’orizzonte”

 

Martedì 19 ottobre, l’Amministrazione Comunale di Albisola Superiore  ha approvato il Piano di riequilibrio finanziario, previsto dall’art. 243bis del TUEL per i Comuni la cui grave situazione finanziaria è atta a provocarne il dissesto, per ripianare in 10 anni una massa passiva di ben 4.600.000 Euro. Una situazione anche peggiore rispetto a quella presentata dalla stessa Amministrazione lo scorso 29 giugno , nel corso dell’approvazione del Rendiconto 2020, in cui risultava un disavanzo di amministrazione di 2.367.000 Euro. Quando si arriva ad accedere a questa forma di ‘salvagente’ è necessario chiedersi quali siano state le cause che hanno portato l’Ente in questa gravissima situazione che si configura come pre-dissesto e quali saranno le conseguenze sui cittadini e non costituisce sicuramente un’attenuante il fatto che sia accaduto anche in altri Comuni; quando si tratta di conti, la teoria del ‘mal comune, mezzo gaudio’ non riduce le responsabilità dell’Amministrazione”. Così in una nota stampa Stefania Scarone, capogruppo M5S Albisola.

“La situazione negativa sussisteva da anni  - spiega -  ma il Bilancio  risultava artificiosamente migliore poiché non venivano eliminati crediti di ammontare elevato ( Residui attivi per milioni di Euro), i quali ormai avevano ben poca ragione di essere riscossi e celavano la ‘voragine’ che si è aperta con il loro stralcio, avvenuto in questi ultimi mesi”.

Quello che indubbiamente colpisce  - prosegue Scarone - è la minimizzazione della situazione da parte dell’Amministrazione Garbarini, la quale, nei primi due anni, ha sempre negato l’esistenza di problemi di Bilancio, nonostante i rilievi puntualmente sottolineati dalla sottoscritta in diverse occasioni; problemi  che sussistevano già dal 2015, con l’Amministrazione Orsi, di cui l’attuale Amministrazione costituisce la continuità’”.

Tutto ciò quindi è frutto di una cattiva amministrazione passata e presente, che non ha il coraggio di ‘guardare lontano’ e programmare una propria ‘visione’ di città. Come cittadini albisoIesi ,cosa ci dobbiamo aspettare per i prossimi anni?” si chiede la capogruppo pentastellata.

I servizi essenziali, quali scuolabus, refezione scolastica, servizi cimiteriali, gestione e manutenzione del patrimonio comunale, illuminazione pubblica, sicurezza nella circolazione veicolare e pedonale , che già oggi vengono coperti  a  malapena dal Comune, si può solo sperare che non vengano ridotti, ma non si potrà aspirare ad un loro miglioramento, se non con Fondi provenienti da Enti esterni”.

Gli Investimenti , l’ossatura di una ‘sana’ amministrazione, saranno ridotti al lumicino, se non un miraggio. Per salvare il salvabile, il comune sarà costretto, come prevede il Piano di riequilibrio finanziario, all’alienazione del proprio patrimonio immobiliare, a valori  lontani dal prezzo di mercato (come dimostra già l’operazione del complesso di San Pietro), al fine di realizzare le somme necessarie  alle varie scadenze previste dal Piano stesso”.

Grosse nubi si addensano sul futuro a medio/ lungo termine del nostro Comune , che imporrebbero una maggiore consapevolezza della situazione e una maggiore trasparenza nei confronti dei cittadini albisolesi, i quali , compresa la sottoscritta, tifano comunque per una soluzione positiva della  grave situazione finanziaria attuale”, conclude Scarone.

 

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU