Leggi tutte le notizie di DICA 33 ›

Il Salvadente | 07 novembre 2021, 06:00

La buona tavola si impara da (molto) piccoli: variare l’alimentazione aiuta a crescere!

I lattanti sono “geneticamente programmati” per apprezzare il dolce ma sono attratti anche dal salato e dall’umami

La buona tavola si impara da (molto) piccoli: variare l’alimentazione aiuta a crescere!

Cari Lettori, sapete a che età si sviluppano il senso del gusto e dell’olfatto? Provate a dire… chi offre di meno? No, ancora prima!!! Parliamo della trentesima settimana di vita intrauterina!

I lattanti sono “geneticamente programmati” per apprezzare il dolce ma sono attratti anche dal salato e dall’umami (il gusto lasciato dal formaggio grana, per intenderci), ma la curiosità di provare e gradire nuovi sapori è fortemente condizionata dall’alimentazione della mamma che, prima attraverso il cordone ombelicale ed il liquido amniotico e poi attraverso il latte trasmette i sapori al suo bambino.

Il periodo dallo svezzamento ai primi due anni di età è poi essenziale per far conoscere nuovi alimenti al bambino perché a quell’età non si è ancora instaurata la neofobia (la naturale diffidenza dei bambini verso le nuove esperienze).

Nei primi 1000 giorni a partire dal concepimento si costruisce la maggior parte di quelle che saranno abitudini e preferenze future, che condizioneranno fortemente anche la salute dell’individuo adulto (pensiamo solamente alle maggiori probabilità di ammalarsi di diabete che hanno coloro che fin da bambini erano obesi…).

L’atteggiamento più costruttivo è quello di far arrivare già al feto tanti stimoli diversi dovuti ad una alimentazione variata, per proseguire proponendo al bambino una dieta che, oltre a coprire le esigenze nutrizionali, stimoli la sua curiosità. Tutto questo, ovviamente, viene ottenuto con l’esempio: i bambini vogliono sempre assaggiare il cibo dei “grandi”: se vedono nei piatti dei genitori solo del “cibo spazzatura” difficilmente li convinceremo ad provare le verdure di stagione…

In ogni caso andiamo per gradi: se siete incinte non limitatevi alle minestrine ma guidate le vostre voglie anche verso il pesto e la focaccia con la cipolla: il vostro bambino ve ne sarà grato per tutta la vita!

Se avete dubbi o domande sul vostro sorriso visitate il sito www.ildentistadeibambini.it o scrivetemi a dottore@attiliovenerucci.it , risponderò privatamente e, se l’argomento sarà di interesse generale, potrà essere il tema di un prossimo Salvadente 

Dr. Attilio Venerucci

Prof. A contratto c/o

Master in Laser Dentistry

Università degli Studi di Genova

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium