/ Attualità

Attualità | 06 dicembre 2021, 18:31

Savona, il sindaco Russo incontra i residenti del Santuario: "Rimbalziamo contro le risposte negative di Provincia e Regione, il comune faccia da tramite" (FOTO)

Sarà previsto tramite l'ordinanza del primo cittadino il taglio dei tronchi da Lavagnola a Montegrosso e verrà effettuato un intervento sulla terra portata dall'alluvione su via dei Governanti e a San Bernardo

Savona, il sindaco Russo incontra i residenti del Santuario: "Rimbalziamo contro le risposte negative di Provincia e Regione, il comune faccia da tramite"

Una settantina sono stati i cittadini del Santuario presenti questa sera nel Palazzo delle Azzarie all'incontro con il sindaco Marco Russo per fare il punto post alluvione dello scorso 4 ottobre.

Diverse le criticità segnalate dai residenti, dallo stato della località di San Bartolomeo e San Bernardo, passando per la pulizia di via dei Governanti.

Il primo cittadino savonese in prima battuta si è concentrato sull'ordinanza sindacale che verrà emessa nei prossimi giorni, che riguarderà la pulizia del torrente e la ridefinizione dell'alveo in due punti particolarmente sensibili e pericolosi.

Ad oggi non sono ancora pervenute notizie rispetto alla definizione dello stato di calamità naturale per il territorio dopo l'alluvione, e considerato che gli interventi necessari sono urgenti, finalizzati a scongiurare situazioni di pericolo e non consentono di attendere l'iter autorizzativo ordinario di competenza della Regione, il sindaco ha così deciso di emetterla per procedere immediatamente alla pulizia del Letimbro tra Lavagnola e Montegrosso.

"Sarà interessante ragionare insieme su un rilancio del Santuario e cercare di dare un seguito. Ci sembrava utile oggi concentrarci sull'alluvione dello scorso 4 ottobre ed è stato immediatamente verificato se lo stato di calamità fosse prossimo ad essere dichiarato, preso atto che non c'erano avvisaglie di soluzioni immediate anche se qualcosa si sta muovendo e non è del tutto ferma, abbiamo deciso di avviare un iter interno con un'ordinanza per effettuare determinati interventi - ha detto Russo alla presenza dei tecnici e degli assessori Lionello Parodi, Francesco Rossello, Maria Gabriella Branca, Riccardo Viaggi e alcuni consiglieri - Abbiamo dovuto reperire le risorse ed effettueremo il taglio di tutti tronchi presenti nel fiume da Lavagnola a Montegrosso che verranno lasciati nell'alveo. Interverremo sulla terra portata dall'alluvione, ridisegnando l'alveo, concentrandoci su via dei Governanti e a San Bernardo. Chiederemo inoltre alla Provincia di intervenire sul ponte della locanda".

Dal 2022 il sindaco inoltre ha specificato che  si attiveranno per programmare interventi di maggiore respiro dal punto di vista della prevenzione.

"Resterà sicuramente da fare un lavoro di programmazione sul rischio residuale del torrente ed è infatti da studiare nuovamente il percorso - ha specificato l'assessore ai lavori pubblici Parodi - ci mettiamo a disposizione per valutare caso per caso anche per dare un'assistenza sugli iter e su cosa ci sarà da fare. Speriamo che ci diano lo stato di calamità, noi abbiamo fatto il possibile per attivarci".

"Molte persone che hanno dovuto sgomberare casa hanno anche dovuto portare i detriti a proprie spese, ci ha fatto parecchio male questa cosa - il commento critico di un cittadino di San Bernardo in Valle - Abbiamo segnalato una problematica già dal 2016 con un esposto alla Procura e dal comune ci hanno intimato di mettere a posto le case e abbiamo dovuto spendere soldi per creare un muro di contenimento".

"Chiediamo che il comune si faccia carico di fare da tramite con la Regione e la Provincia, perchè rimbalziamo contro le risposte negative degli enti, ci troviamo ad affrontare ogni volta questa situazione. Se la sensibilità della giunta e degli uffici è quella di capire l'esigenza dei cittadini e mediare invece di dire no subito, riusciremo ad aiutarci gli uni con gli altri" ha continuato una residente.

"Siamo soddisfatti che si sia riusciti a trovare una soluzione nonostante l'inerzia della Regione. Dopo la recente alluvione del 4 novembre scorso, grazie al lavoro degli uffici comunali e di ATA che hanno individuato i punti in cui poter intervenire, il Sindaco, vista la situazione di pericolo e di urgenza, in attesa della dichiarazione dello stato di calamità naturale, ha potuto emettere un'ordinanza che consente così l'inizio dei lavori di pulizia del Letimbro tra Santuario e Montegrosso e della ridefinizione dell'alveo in Via dei Governanti ed a San Bernardo" ha dichiarato la capogruppo del Pd in consiglio Alessandra Gemelli

Luciano Parodi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium