ELEZIONI COMUNE DI CAIRO MONTENOTTE
ELEZIONI COMUNE DI BORGHETTO
 / Eventi

Eventi | 17 gennaio 2022, 12:44

Sinodo diocesano, si è svolta a Savona la terza sessione

L’ondata pandemica non ha frenato i lavori dell'assemblea: in media nel fine settimana 65 membri

Sinodo diocesano, si è svolta a Savona la terza sessione

L’ondata pandemica non ha frenato i lavori del Sinodo diocesano, che il 14 e 15 gennaio nella consueta sede dell’Istituto "Rossello" di Savona ha vissuto la sua terza sessione assembleare, con una media di 65 membri presenti in entrambe le giornate: un numero considerevole, se si considera l’attuale situazione di emergenza sanitaria. Nei tempi del programma pensato dalla segreteria - ridotti rispetto all’idea iniziale, evitando la cena e il pranzo per ragioni di prudenza - si è riusciti comunque a rispettare la tabella di marcia, articolata in tre momenti: la presentazione delle "icone bibliche" scelte dalle otto commissioni, le risonanze che le pagine scritturistiche hanno avuto sui sinodali e l’avvio della successiva fase dei lavori delle commissioni, che porteranno alla prossima assemblea, prevista il 24 e 25 marzo.

Le pagine bibliche maturate dal confronto nelle otto commissioni sono tutte tratte dal Nuovo Testamento: due dal Vangelo secondo san Luca (l’invio in missione, 10,1-11, e la catechesi sulla preghiera, 11,1-13), due dal Vangelo secondo Giovanni (l’incontro di Gesù con la samaritana, 4.5-32, e l’adultera, 8,1-11), due dagli Atti degli Apostoli (la prima comunità cristiana, 2,42-48, e l’incontro di san Paolo con Lidia a Filippi, 16,11-15), una dalla prima lettera di san Pietro (2,1-10) e una dalla lettera di san Giacomo (1,16-27). Ogni presidente di commissione ha spiegato sinteticamente all’assemblea le motivazioni che hanno portato alla scelta. I testi completi delle relazioni sono stati distribuiti ai sinodali in un fascicolo. Nelle diversità degli approcci spiccavano anche le inserzioni di disegni, cartelloni di brain storming, una celebre crocifissione di Chagall e una canzone di Marco Mengoni.

Nelle due preghiere introduttive ai lavori il vescovo Calogero Marino ha voluto commentare due delle pagine bibliche sopra citate. "Al posto del 'voi' possiamo mettere il 'noi, Chiesa di Savona’ - ha detto circa la 1 Pietro 2,1-10 - Questo testo parla anche della nostra identità, che ha una radice precisa: l’avvicinarsi e lo stringersi a Cristo. Ritroviamo con gioia la consapevolezza grata di ciò che siamo e la nostra identità battesimale: questo sarà lo spirito, laudativo e quasi liturgico, con cui potremo vivere l’assemblea". Del brano di Atti 16,11-15 monsignor Marino ha evidenziato invece la chiamata ad uscire dai consueti confini in obbedienza ad una chiamata e la disponibilità ad andare in contesti sconosciuti, senza troppe certezze, con il coraggio di sbagliare. “È bello l’invito finale di Lidia a Paolo a restare nella propria casa - ha concluso - La casa è luogo simbolico, spazio di Vangelo, e la stagione del Covid-19 ci ha fatto riscoprire proprio questa dimensione domestica della fede".

Le risonanze dei presenti all’ascolto delle relazioni sulle icone bibliche si sono sviluppate in due tappe. Il venerdì sera chi lo desiderava ha potuto raccontare in un clima familiare come aveva vissuto il lavoro in commissione sulla Parola di Dio e quali erano state le gioie, le intuizioni e le difficoltà sperimentate. Il sabato mattina, durante il momento assembleare in cui ci sono stati ventuno interventi, chi ha voluto ha espresso ciò che lo aveva più colpito dei lavori delle commissioni diverse dalla propria e dove aveva percepito maggiormente l’opera dello Spirito Santo. Tanti gli aspetti evidenziati: tra questi il valore della comunità, l’obbedienza alla Parola di Dio che origina autorevolezza, la priorità dell’ascolto (che può far cambiare progettualità), l’essenzialità, il ruolo delle donne, la centralità della misericordia, l’educazione, l’attenzione al prossimo, il rispetto della dignità di ogni "altro", la condivisione dei bisogni fondamentali e il valore sacro del tempo e dello spazio.

Nell’ultima parte dell’assemblea di sabato si è dato l’avvio alla seconda fase dei lavori delle otto commissioni, che si sono riunite singolarmente iniziando il confronto sulle prospettive pastorali alla luce dei testi biblici di riferimento, dello strumento di lavoro elaborato dalla segreteria (e integrato dagli interventi delle sessioni precedenti) e di quanto è stato condiviso nella terza sessione. In particolare la domanda di partenza è stata "Come la Parola di Dio, l’ascolto dei fratelli e lo Spirito Santo illuminano la nostra riflessione pastorale?". Le commissioni avranno tempo fino al 15 marzo per incontrarsi, nelle sedi e nelle modalità che prediligeranno (comunque in presenza), e produrre un documento di sintesi da consegnare alla segreteria. Il desiderio di camminare insieme come Chiesa sta certamente prevalendo sui timori e le incertezze dell’attuale periodo.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium