/ Economia

Economia | 06 agosto 2022, 08:19

Dl Aiuti bis, Coldiretti: "Bene rinnovo del credito d'imposta sul gasolio per pesca e agricoltura"

La Confederazione ricorda anche i danni della siccità al settore pesca: "Temperature dell'acqua più alte riducono il pescato e quindi le vendite"

Dl Aiuti bis, Coldiretti: "Bene rinnovo del credito d'imposta sul gasolio per pesca e agricoltura"

L’approvazione delle misure del Decreto Legge Aiuti Bis – spiega la Confederazione Nazionale Coldiretti – rappresenta un altro importante intervento del Governo Draghi per il sostegno a imprese e famiglie”. In questo scenario, “contro il caro carburanti è importante l’estensione del credito d’imposta sull’acquisto di gasolio per le barche da pesca e tutti i macchinari agricoli, in modo da garantire la produzione agroalimentare in un momento difficile per l’agricoltura e la pesca nazionali”.

Le dichiarazioni della Coldiretti seguono le decisioni adottate nell’ultimo Consiglio dei Ministri, grazie alle quali saranno messe in atto alcune delle significative misure a sostegno delle imprese agricole richieste dalla Confederazione lo scorso 28 luglio in occasione dell’Assemblea nazionale.

Tra le richieste avanzate nel corso dell'ultima Assemblea nazionale e accolte dal Governo – spiegano Gianluca Boeri, Presidente di Coldiretti Liguria, e Bruno Rivarossa, Delegato Confederale, entrambi presenti a Roma lo scorso 28 luglio – è di grande rilievo la previsione di un ulteriore credito di imposta per il terzo trimestre 2022 finalizzato all’acquisto di carburante da parte delle imprese ittiche, motore portante dell’economia ligure, e da quelle agricole. Un credito che, ricordiamo, era stato già riconosciuto agli imprenditori della pesca per il primo e secondo trimestre 2022”.

Sempre in materia di pesca, non si può dimenticare che con la siccità “il settore ittico è stato colpito sia da un’importante riduzione delle vendite – sottolinea Daniela Borriello, responsabile di Coldiretti Impresa Pesca Liguria – che da una diminuzione quantitativa del pescato”. A causa dell’aumento della temperatura dell’acqua nelle aree limitrofe alla costa, infatti, il prodotto ittico si è ridotto. Non potendo, però, spingersi oltre quelli che sono i limiti consentiti, i pescherecci si sono ritrovati a fare i conti con una forte scarsità di pescato.

Altrettanto importante è poi “l’aumento di 200 milioni di euro del Fondo di Solidarietà nazionale – concludono Boeri e Rivarossa – per indennizzare le imprese agricole che, oltre ad aver subito danni a causa dell’eccezionale siccità sorta a partire da marzo 2022, non beneficiavano, al verificarsi dell’evento dannoso, della relativa copertura assicurativa”.

Accanto ai cali produttivi registrati nelle campagne e alla forte scarsità d’acqua nei pascoli montani, se si parla di siccità a preoccupare oggi sono anche la vendemmia, per la quale già da ora si prospetta un probabile calo del 10% delle uve, e l’allarme registrato negli uliveti, realtà fondamentale per l’economia ligure, dove il caldo rischia di far crollare la produzione.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium