Eventi
lunedì 12 dicembre 2011, 14:54

Savona: incontro - presentazione "All'ombra delle ciminiere" in Sala Rossa

Savona: incontro - presentazione "All'ombra delle ciminiere" in Sala Rossa

 

“Dove c’è carbone non volano le farfalle…”

 

La storia che non vi hanno mai voluto raccontare sulle centinaia di morti in più intorno alla centrale a carbone…

  

 

Venerdì 16 dicembre ore 18 Sala Rossa del Comune:

presentazione del libro

All’ombra delle ciminiere

40 anni di carbone

e tumori a Savona

 

(prefazione di ANTONIO RICCI)

 

 

 

Incontro con l’autore

GIOVANNI BORRELLO

Sarà presente

ANGELO BONELLI

Presidente Nazionale della Federazione dei Verdi.

Introduce FRANCO ZUNINO di PRC, ex Assessore Regionale all’Ambiente.

 

Saranno presenti diverse associazioni e partiti che sostengono la battaglia contro il carbone.

 

 

“…Perché dobbiamo morire in silenzio per non ostacolare gli interessi economici di un grande gruppo privato?

 

Perché, nel momento in cui alcune persone devono decidere su un progetto dal devastante impatto ambientale, scompaiono i volti delle persone, le storie spezzate, la rabbia dei cittadini malati?..”

 

 

 

 La centrale termoelettrica di Vado Ligure, entrata in funzione nel lontano 1970, non ha mai smesso di far parlare di sé negli ultimi quarant’anni a causa degli allarmi e delle critiche sollevati da medici, scienziati e politici riguardo alla fuoriuscita di elementi inquinanti dai fumaioli. Una questione calda, scomoda che ha spesso preso le sembianze di mera diatriba politica, ma che nella realtà coinvolge le vite di migliaia e migliaia di abitanti della provincia di Savona che respirano un’aria secondo molti inquinata all'inverosimile.

Il libro cerca di ricostruire, con un linguaggio accessibile a tutti, i quarant’anni di storia della centrale, delle lotte contro l'inquinamento, delle ricerche atte a rilevare le quantità di inquinanti, delle rassicurazioni sulla salubrità dell’aria, delle incredibili contraddizioni tra schieramenti politici avversi.

Un'opera che, per la prima volta, porta il lettore a comprendere e conoscere tutte le varie fasi di quel “problema Vado” che ha imparato a conoscere negli ultimi anni grazie al massiccio interesse dei media per l'argomento. Dalla gestione ENEL all’attuale società Tirreno Power, dagli anni Settanta agli albori del nuovo millennio; una carrellata di informazioni ricostruite cronologicamente e supportate da documentazione giornalistica, scientifica e culturale in genere.

Per decenni è stato detto ai savonesi che ‘va tutto bene’, ‘non ci sono pericoli…’

Ora i dati ci sono, e parlano per la Provincia di Savona di migliaia di morti premature in più rispetto alla media regionale (1.356 decessi in più fra i maschi e 1.308 nelle femmine in soltanto 16 anni), con percentuali che peggiorano quanto più ci si avvicina alla centrale, in particolare per i tumori al polmone, vescica e laringe, le patologie cardiovascolari come infarti, emorragie cerebrali, ictus.

Migliaia di morti in più a Savona, senza che nessuno degli amministratori abbia mai provato a fornire una spiegazione.

La centrale ha iniziato a funzionare negli anni ’70 in via sperimentale, e continua a funzionare ancora oggi, pur non essendo allineata alle normative in materia e benché sia ancora priva della obbligatoria Autorizzazione Integrata Ambientale. Nonostante tutto ciò, i manager di questa centrale hanno chiesto e recentemente ottenuto l’ampliamento di potenza, nonostante la contrarietà del territorio e della popolazione (tutti i 18 Comuni interessati hanno deliberato contro, oltre che partiti, associazioni, personalità locali, ordine dei medici, curia), una cittadinanza che non vuol veder compromessa la sua importante vocazione turistica e agroalimentare.

Guarda lo scioccante servizio del TG3

sui malati di tumore nelle valli savonesi:

 

http://www.youtube.com/watch?v=mskzVij0J3M

 

 

 

Guarda il servizio del TG3 Nazionale:

 

http://www.youtube.com/watch?v=QFIgKgGJtAs&feature=player_embedded

 

 

 

Guarda il video de Il Fatto Quotidiano:

 

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/08/27/vado-ligure-la-centrale-che-inquina-e-raddoppia/153859/

 

 

Esposto in Tribunale contro la centrale a carbone  “per lesioni personali e omicidio”:

 

http://www.youtube.com/watch?v=FLcmLfOcHSc

 

 

Guarda i nuovi servizi di Striscia la Notizia sulla Tirreno Power di Vado:

 http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?12966

 

Guarda i nuovi servizi di Striscia la Notizia sulla Tirreno Power di Vado:

 

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?12750

 

 

Guarda  commenti di Grillo contro la centrale:

http://www.youtube.com/watch?v=U7qk7KiT5j0

http://www.beppegrillo.it/2010/10/de_benedetti_e.html

http://www.youtube.com/watch?v=YfM2dnOOlVU


 http://www.youtube.com/watch?v=U7qk7KiT5j0

 

 

Guarda il video che fa vedere le 30 tonnellate di polveri, ossidi e metalli pesanti che escono ogni giorno dalle ciminiere della centrale:

 http://www.youtube.com/watch?v=bhi9RAc3PZU&feature=player_embedded


 

 

 

 

 

 

 

 

BRANI SCELTI DAL LIBRO

 

 

 

 

 

 

 

“…nel 1977 iniziò la vera e propria sperimentazione a regime massiccio del carbone, Enel-Enti locali sottoscrissero un apposito accordo. Si sarebbe dovuto trattare solo di 8 mesi di sperimentazione (2 mesi per gruppo elettrogeno), poi si sarebbe deciso il da farsi.

Nell’accordo d’intesa era anche specificato che nel caso del superamento dei limiti di legge degli inquinanti ci sarebbe stata una immediata cessazione dell’esperimento. Subito la popolazione insorse (si parlava dell’immissione in atmosfera di ossidi di azoto, ossido di zolfo e altre polveri): nel giro di pochi anni si poté constatare che la centrale era sprovvista di impianti di desolforazione e gli elettrofiltri erano insufficienti a trattenere le polveri…

 

 

…1970 Da una ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche Americane, eseguita per conto dell’Air Pollution Control Administration (poi EPA) e pubblicato in un articolo sotto il titolo “Abbattimento della emissione di ossidi di zolfo in fonte di emissioni stabili”, si rilevava che “tecnologie commercialmente provate per il controllo degli ossidi di zolfo dei processi di combustione non esistono…”

 

 

…si denunciava l’assoluta mancanza di abbattitori per l’anidride solforosa (in assoluto la sostanza più pericolosa per la salute) e l’inadeguatezza dei filtri elettrostatici per il trattenimento del particolato che non fermavano le particelle di diametro submicron (proprio le più pericolose); il carbone in combustione produce moltissime polveri, a differenza dell’olio, e gli alveoli polmonari umani assorbivano qualcosa come il 50%-80% di particelle tossiche e cancerogene con diametro submicron (tra queste il piombo, l’antimonio, l’arsenico, il cadmio, il selenio, il mercurio, il cromo, il berillio, lo zinco, il nichel)…

 

 

il manualetto “Conoscere per decidere” aveva suscitato molte polemiche nei mesi di bella stagione del 1981. Il libello informativo per la popolazione sintetizzava i dati dei controlli sui fumi e gli scarichi Enel; fin da subito iniziarono a girare voci tra membri dei diversi schieramenti di minoranza, che riferivano sostanzialmente che erano state pubblicate delle madornali falsità e che le amministrazioni, alleate con i magnati del settore, s’erano decise a prendere la gente per i fondelli con lo scopo di diffondere rassicuranti dati sulla questione della centrale…

 

 

 

…L’attacco più duro si ebbe nel momento in cui si accusò direttamente l’Enel di aver controllato i rilevamenti e di averli conseguentemente contraffatti; tutto ciò che era stato scritto a proposito lo si doveva considerare una spavalda falsità. Si chiese così un riesame dei dati forniti dall’Enel da parte di un ente esterno,  e i valori desunti dai rilevamenti sarebbero stati “più che doppi rispetto a quelli riferiti nella pubblicazione” e maggiori dei valori massimi ammessi dalle nazioni straniere. Tutta la parte di rilevamento sarebbe stata gestita direttamente dall’Enel senza controlli…

 

 


 

 

…Nel 1982 nelle acque circostanti la discarica abusiva di ceneri Enel a Bastia d’Albenga, di cui era stata ordinata la rimozione per scongiurare altri problemi, vennero trovate tracce di cromo e vanadio (elementi chimici tossici)…

Molti altri camion arrivarono a Cavallermaggiore in occasione della costruzione di cento metri di una strada nuova, poi ricoperta di terreno, e per riempimenti di vari capannoni.

Si disse ancora che lungo la provinciale per Sommariva c’era un deposito di grandi dimensioni che si credeva di materiali inerti, rimasti a cielo aperto per molto tempo per lavori di riempimento; alla fine si seppe che erano le ceneri di Vado…

 

 

…I tumori 1976 al 1981 sarebbero aumentati infatti da 734 a 873, benché in cinque anni la popolazione fosse diminuita di più di 4000 abitanti…

 

 

Il 5 luglio 1984 venne fuori che la Cta (Commissione Tecnica Ambientale ligure) affermava che le polveri erano superiori ai limiti di legge così come l’anidride solforosa la rappresentanza radicale della Camera chiese ai vari ministri competenti (del trasporto e l’energia) di sapere “come mai, alla luce dei risultati dell’indagine svolta dalla commissione tecnica ambientale ligure, la sperimentazione non sia stata sospesa”

 

 

 

 

Da alcune indagini emersero documenti che dimostravano possibile un collegamento tra l’inchiesta Teardo e le speculazioni lucrose riguardanti gli impianti di Vado-Quiliano. I giudici ebbero tra le mani una cartella dove erano evidenti progetti di speculazione sulla realizzazione del consorzio e del trasporto e lo stoccaggio del carbone a Vado…

 

 

 

 

 

Ai primi di dicembre del 1984, “Italia Nostra”, ecologisti del Moda, partito radicale ed altre associazioni per la difesa dell’ambiente mandarono un esposto alla magistratura per denunciare la presenza di una discarica abusiva dove venivano seppellite le ceneri della centrale nei pressi del pontile Enel, sulla spiaggia ( innanzi ai bagni “Au scoeggiu”). La cosa non si era ripetuta perché alcuni membri delle associazioni si opposero sul posto e le ruspe e gli autocarri non si fecero vedere all’opera.

Il reato, poi, rientrò in amnistia “L’Enel non può rifugiarsi dietro le solite giustificazioni, di ignorare cioè la destinazione delle scorie, a meno che non sia in grado di dimostrare, con prove, di essere stata ingannata dalla cooperativa che ha vinto l’appalto del trasporto delle ceneri”…

 

 

“Come misura di sicurezza, l’Enel alza le ciminiere: non per questo evidentemente anidride solforosa e polveri di carbone vengono eliminate. Anzi, si allarga l’area di contaminazione”.

 

…Ci si poneva una domanda ben precisa: dove diamine andavano a finire le decine di autocarri che quotidianamente uscivano dalla centrale cariche di cenere? Si diceva che qualcuno di quei camion era autorizzato a raggiungere il basso Piemonte dalla Provincia di Alessandria. Ma visto che in passato erano state scoperte varie discariche abusive…

 

 

…l’Enel non faceva cenno alla costruzione o all’installamento di impianti di desolforazione per l’abbattimento delle emissioni di SO2 che lo stesso Ricino confermava “presenti e rilevate soprattutto nel periodo invernale” ma “in parte dovute alle emissioni dei riscaldamenti civili. In atmosfera sappiamo che ci sono, ma non ricadono”

 

 

 

 

 

…Mentre i dibattiti infervoravano, dal cielo scese ancora una volta qualcosa… In quei giorni più volte le piogge annerirono un po’ tutto ciò che era esposto all’aria aperta. La maggior parte delle madri erano preoccupate per la salute dei figli. Ci fu chi dovette chiamare delle imprese di pulizie per ripulire piazzali e androni. E ovviamente le polveri filtrarono anche nelle stanze…

anche tramite le lenzuola stese fuori, ritirate completamente deturpate.

Ci fu un incredibile corsa alla macchina da scrivere; il Comune venne sommerso di lettere di protesta e di sdegno, così come la Procura della Repubblica e la Pretura.

I più rabbiosi erano i lavoratori dell’Enel abitanti in zona:

“Bisognerebbe trasferirsi come fecero gli amministratori di Vado qualche anno fa. Dopo aver spianato la strada all’Enel e rassicurato la popolazione sulla salubrità dell’impianto a carbone, traslocarono in massa sulle colline di Albissola Marina, fra mimose ed eucalipti balsamici” affermò, rabbioso, uno di loro ai giornalisti;

e nella zona scoppiò una sorta di psicosi: “Corrono le voci più assurde e preoccupanti. Abbiamo diritto ad una informazione precisa sui pericoli costituiti dalle emissioni della centrale”.

Si diceva che l’acqua per irrigare le fasce era contaminata e per quella ragione gli ortaggi o morivano o crescevano a stento…

 

 

…Continuavano, intanto, gli incontri pubblici. Si discuteva sulle mille tonnellate al giorno di ceneri che non si sapeva che fine facessero. Tutti volevano sapere dove venivano smaltite e “i nominativi delle ditte che le hanno acquistate o ricevute, gli impieghi che tali ceneri hanno avuto, l’elenco delle ditte autorizzate e appaltatrici, con l’Enel, del servizio di trasporto dei residui”

 

 

1986: Il professor F. Ippolito, membro del comitato energetico del PCI di Roma, disse che una centrale a carbone di 1000 Mw provocava ogni anno almeno 25 decessi, 60 mila casi di malattie respiratorie e danni alle cose per dodici milioni di dollari.

 

 

 

 

 

…1985, circa 40.000 persone di dodici comuni calabresi (il 52% degli aventi diritto di voto) si recarono alle urne per un referendum indetto da Lega Ambiente, dall’Arci e dagli amministratori locali, secondo dopo quello organizzato precedentemente dalla Regione. Il 97% dei votanti si espresse contrario alla costruzione di una megacentrale a carbone da 2.640 Mw a Gioia Tauro. Benché visto come un grande atto di democrazia e libertà in una terra in cui la mafia deteneva buona parte del monopolio sugli appalti, una certa parte politica non si lasciò sfuggire l’occasione di rilevare che si rinunciava a creare nuovi posti di lavoro (la solita giustificazione per tentare di costruire l’impianto). L’opera non venne mai realizzata…

 

 

Lodi si protestò contro un nuovo impianto a Tavazzano; a questo proposito il presidente della Regione Lombardia spiegò che non si fidava delle promesse riguardo alla tutela ambientale perché “l’Enel non sta ai patti”: “I tentativi che si fanno per discutere come attuare le condizioni di salvaguardia purtroppo vanno a vuoto; tu cerchi di parlare e loro intanto vanno avanti con i lavori come niente fosse”

 

 

Tra il 1980 e il 1984 venne costruita la grande centrale Enel (ad olio combustibile) di Porto Tolle, in Veneto; nel 2006, dopo lunghe e complicate peripezie giudiziarie, si ebbe la condanna di alcuni dirigenti Enel a seguito delle denuncie di alcuni gruppi ambientalisti veneti riguardo all’alto tasso di inquinamento che si sosteneva fuoriuscisse dall’impianto…

 

 

 

 

 

Estate 1986: il “Dipartimento protezione ambientale e salute dell’uomo” dell’Enea, il Cnr e l’università di Pavia iniziano a tenere sotto sorveglianza Vado, Quiliano e i comuni limitrofi sarebbe ben presto venuto il momento di esaminare le conseguenze delle emissioni sul terreno, e quindi inevitabilmente anche nelle acque dei torrenti e nei pozzi, nelle falde acquifere, sulle colture che erano disseminate nelle valli di Vado e Quiliano…

 

 

In risposta si fece sentire anche la Dc che condannò al solito l’inquinamento (144 tonnellate al giorno di polveri che fuoriuscivano dalle ciminiere) dei due gruppi a carbone esistenti e propose la ristrutturazione dei quattro gruppi in funzione, abbandonando il carbone per il ben più pulito metano…

 

 

le dichiarazioni espresse dall’Enea nel proprio rapporto sull’inquinamento a carbone delle centrali elettriche, secondo la Disp (Direzione sicurezza e protezione dell’Ente) le conseguenze principali e più drammatiche erano: le piogge acide che ricadevano anche a diversi chilometri di distanza dal punto di immissione dei gas di scarico in atmosfera (con conseguente insorgenza di patologie acute e croniche all’apparato respiratorio, almeno nell’essere umano), la produzione di 8 milioni di tonnellate annue di polveri conseguenti alla combustione del carbone per 1000 Mw di resa (con specificato che per il tempo “non esistono tecnologie che ne limitino le emissioni”) e di 7 metri cubi annui di ceneri per ogni 1000 Mw le quali avrebbero avuto un contenuto di “alcune migliaia di tonnellate di sostanze tossiche, tutte nella lista di sostanze tossiche edita dalla Cee”

 

 

 

 

 

…A Vado però, sempre l’Enea, affermò che il rischio inquinamento era pari a zero o quasi. C’era qualcosa che non tornava; Torcello disse che ci si trovava di fronte “ad un atteggiamento schizofrenico dell’Enea”, la quale in un caso dà un giudizio negativo e nell’altro, invece, assai ottimista…

 

 

…A maggio una petizione-esposto, firmata da cinquanta persone, e due documenti sindacali (redatti dall’assemblea dei lavoratori della centrale e dalle segreterie provinciali di Fnle-Cgil, Flaei-Cisl e Uilsp-Uil), furono inviati alla Procura della repubblica, al Sindaco, alla Guardia di Finanza, ai carabinieri e all’Ufficio d’igiene di Savona. Motivo principale: verificare se nell’impianto erano in vigore “le più elementari norme anti-inquinamento”.

Si denunciava anche la continua fuoriuscita di ceneri tossiche dai fumaioli, che avveniva di solito di notte, cosicché nessuno se ne sarebbe potuto accorgere, salvo poi ritrovarsi all’alba a dover ripulire macchine e balconi…

la solita infinita questione già descritta più volte. I sindacati poi scrissero di come i lavoratori venissero trattati…

 

 

si pregava, in via definitiva, i sindaci dei due comuni di voler essere una buona volta incisivi sulla questione, di smetterla di predicar bene e razzolar male (“non è più possibile ergersi a paladini della salute pubblica e poi permettere che si continuino ad utilizzare al massimo gli impianti, pur nelle peggiori condizioni”)..

 

 

…1988, presso il palazzetto dello sport di Spotorno, si svolse il convegno: “La centrale Enel di Vado Ligure: analisi ed effetti sul territorio”. I professori Scalia, Mattioli, Marano, Falqui e Cortellessa – scienziati della Commissione Scientifica convocata da Spotorno – dopo approfonditi studi e dopo aver valutato il gravissimo impatto ambientale della Centrale a carbone in pieno centro abitato – che venne per questo soprannominata “Centrale in città” – proposero l’immediato depotenziamento dell’impianto e la sua completa metanizzazione; questo tenendo anche presente che 2/3 dell’energia prodotta erano esportati fuori della Liguria, che subiva però tutto il problema ambientale. Fu la prima posizione ferrea contro il progetto di ampliamento a carbone…

 

 

 

 

 

Nel 1990 sotto la spinta dell’opinione pubblica e grazie al Convegno di Spotorno del 1988, ormai nota la gravità dell’impatto ambientale della combustione del carbone sulla salute e sull’ambiente, anche i Comuni di Vado (il 17 agosto del ’90) e di Quiliano (il 30 agosto ’901) decretarono, con voto unanime, per il depotenziamento e per la completa metanizzazione della centrale di Vado2.

In un manifesto del 6 settembre affisso in città dall’amministrazione si poteva così leggere:

I gruppi consigliari PCI, DC, PSI e VERDI

a breve distanza dalla Delibera Consigliare dei 17/8/1990 sottoscritta dalla stragrande maggioranza dei Consiglieri, con la quale si prendeva ferma posizione contro il progetto di ristrutturazione presentato dall’ENEL, perché di fatto esso non si presenterebbe come un semplice intervento di risanamento, ma come un progetto di radicale modifica dell’impianto esistente con ulteriore e gravi deturpamenti all’ambiente inteso nelle sue componenti unitarie (atmosfera, ambiente idrico, suolo, sottosuolo, vegetazione, ecosistemi, salute, rumori, vibrazioni, radiazioni, viabilità, abitato), e perché aggraverebbe inverosimilmente il traffico veicolare e imposterebbe la costruzione di enormi impianti poco affidabili per l’abbattimento delle emissioni a ridosso dell’abitato;

a seguito delle notizie sentite circa il Documento pervenuto per la centrale di La Spezia, a seguito delle notizie pervenute dal Ministero sulle conclusioni dei Gruppo di Lavoro e della firma di tale operato da parte dei Ministero dell’Ambiente;

giudicando la situazione grave e pericolosa per le conseguenze che si verrebbero a ritrovare qualora tutto accadesse come imposto dal progetto ENEL; convinte della inattendibilità.

pericolosità e della sempre più alienante soluzione imposta dall’ENEL, RIBADISCONO E SOTTOSCRIVONO nuovamente quanto contenuto nella Delibera, insistono nell’alternativa dell’alimentazione a metano e relativo depotenziamento e si impegnano a perseguire ogni via giuridica, amministrativa e politica d’accordo con altri Comuni dei comprensorio savonese, con la Provincia e la Regione Liguria.

 

 

La Liguria ha prodotto e produce energia elettrica in misura largamente eccedente la sua domanda mentre il suo territorio, il suo ambiente e Vado in particolare sono stati già fortemente danneggiati dagli inquinamenti legati alle produzioni industriali e alla generazione di energia elettrica. Tali azioni sono intese, naturalmente, non a danno dei livelli occupazionali e neppure contro disegni energetici, ma solo per far rientrare un progetto, giudicato assurdo, in un contesto urbano, per garantire sicurezza e tutelare l’interesse e la salute dei cittadini…

 

 

…tale posizione di depotenziameno e completa metanizzazione fu poi votata all’unanimità per ben 2 volte successivamente dal Consiglio Provinciale di Savona il 15 novembre 1995 e il 20 marzo 1998…

 

 

 

 

 

…la delibera n. 81 tra l’altro ribadiva che “la Comunità Scientifica Internazionale considera Il carbone (usato dall’ENEL, perché costa meno) un combustibile altamente inquinante e ritiene che se non si cambia modo di produrre energia, pur tenendo conto delle necessità del risparmio energetico, sia in grave pericolo, se non addirittura in forse, l’esistenza stessa dell’uomo. Tornando all’ENEL, ribadisce come quest’ultima voglia nuovamente proporre una centrale che funzionerà a carbone per decenni, si tratta di un Impianto ad alto rischio; Infatti verrebbero prodotte grandi quantità (tonnellate giornaliere) di residui solidi (ceneri, gessi, etc.) di difficile smaltimento. Ne deriverebbero effetti negativi all’ambiente, all’atmosfera, al suolo, al territorio, alla vegetazione. è necessario pertanto contrastare e respingere le manovre dell’ENEL. Le Amministrazioni locali e le popolazioni devono poter essere maggiormente sentite, quando chiedono Il depotenziamento della Centrale, l’uso dei metano e l’adozione delle tecnologie più avanzate ed idonee per un’adeguata ed efficiente tutela ambientale: soprattutto quando chiedono un serio studio sul VIA”…

 

 

…Nel Luglio 1991 la 7° USL di Savona pubblicò uno Studio dell’Università di Trieste del professor Nimis in cui, utilizzando i licheni come bioindicatori e bioaccumulatori, si dimostrava il gravissimo inquinamento del comprensorio savonese, in particolare per SO2 e polveri con alti valori di metalli cancerogeni quali cromo e nickel, di sicura origine industriale e di molte volte superiori al background naturale. Tale importante studio venne tenuto nascosto dagli Enti pubblici ma, ottenuto per vie traverse, venne poi divulgato e reso pubblico definitivamente con il successivo articolo su Biologi Italiani del Giugno 1992…

 

 

Nel 1992 la Provincia pubblicò uno studio in cui si dimostrava che le centraline ENEL “non sono a norma di legge”. I valori per SO2 e polveri risultavano del 30% inferiori rispetto a quelli misurati con strumentazione a norma di legge.

 

 

…Il 17 gennaio 1993 gli Enti locali firmarono un protocollo d’intesa con l’Enel per evitare una ristrutturazione che avrebbe comportato la totale conversione a carbone degli impianti; tra le condizioni d’accordo ribadite anche dal Comune di Vado vi era la promessa di riduzione del 75% degli inquinanti, di costruzione di desolforatori per i gruppi 3 e 4, di impiego di olio combustibile a bassissimo tenore di zolfo per i gruppi 1 e 2 e l’arrivo di 500 metri cubi annui di metano.

Il 23 giugno 1993 venne emanata dal Ministero dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato (d’intesa con il Ministero dell’Ambiente e della Sanità) il decreto governativo che stabiliva la ristrutturazione della centrale, della durata di circa 6-7 anni, con alcune certezze quali: un nuovo collegamento su nastro per il carbone tra la Nuova Italiana Coke e l’Enel entro il ‘96, l’allaccio alla rete dei metanodotti Snam,…

 

 

 

 

 

Dulcis in fundo, come era avvenuto dieci anni prima con il “caso Teardo”, uscì fuori che la centrale era entrata ancora una volta nell’orbita del malaffare politico: i desolforatori di Vado risultarono implicati nel giro di tangenti (PCI, DC e PSI) dell’inchiesta “Mani pulite” 4. Su “La Stampa” del 18 febbraio 1993 apparve un articolo nel quale si leggeva che l’ingegner Valerio Bitetto aveva raccontato al giudice Antonio Di Pietro che “l’impianto di Vado Ligure fa parte del giro d’affari spartito tra gli imprenditori” come “Cifa, Ansaldo,De Bartolomeis e COOP” ai quali furono appaltati “circa 870 miliardi di lavoro per la desolforazione delle centrali di Sulcis, Brindisi e Vado Ligure”. Sul “Corriere della Sera” del 28 febbraio apparve un articolo dal titolo SPUNTA UN CONTO SVIZZERO DEL PDS – Un manager della Ferruzzi ai giudici: “Versai al partito 621 milioni di una tangente ENEL” e su “La Stampa” del 4 marzo un chiarimento locale: “l’inchiesta sul presunto conto svizzero ha chiamato in causa anche il piano di restrutturazione della Centrale ENEL di Vado. Secondo il manager del gruppo Ferruzzi, Lorenzo Panzavolta, l’impianto, insieme ad altri5, era oggetto di una trattativa che doveva portare nelle casse del PCI-PDS, della DC e del PSI una tangente miliardaria”.

 

 

Parve così spiegato perché fin dagli anni Ottanta – e prima – c’era così tanto interesse a realizzare l’ampliamento e a costruire il Megaterminal carbonifero. Proprio mentre uscivano sui giornali queste pesanti accuse, Vado e Quiliano cedettero alle intriganti iniziative dell’Enel.

La Presidenza del Comitato dei Garanti della VII Unità Sanitaria Locale – con una lettera del 12 febbraio 1993 inviata alla Provincia e alla Procura – denunciava la condotta vergognosa dei Comuni di Vado e Quiliano e della Provincia che non erano ancora riusciti a fermare la sperimentazione a carbone ed anzi erano favorevoli ad una ristrutturazione invece che una conversione totale al metano.

Nel maggio 1995 il Procuratore Maurizio Picozzi inviò avvisi di garanzia a tre esponenti del partito PCI-PDS e ad un addetto alle pubbliche relazioni dell’Enel. Il motivo? Stando alla Procura della Repubblica dal 1987 al 1992 il PCI-PDS “avrebbe ottenuto finanziamenti illeciti dall’Enel camuffati dall’acquisto, a prezzi maggiorati, di spazzi pubblicitari nell’ambito del Festival dell’Unità come scrisse “La Stampa”; e oltre a questo Picozzi contestava “la mancata denuncia alla presidenza della Camera dei deputati delle somme incassate”. Gli esponenti PDS respinsero le accuse, sostenendo che tra federazione provinciale PCI PDS e Enel non intercorsero mai rapporti di interesse. L’articolo su “La Stampa” evidenziava come “eventuali finanziamenti illeciti potrebbero essere un’onda di ritorno di accordi a livello nazionale (negli atti dei giudici di Mani Pulite compare la centrale Enel di Vado Ligure) ma nell’inchiesta non se ne trova cenno”. I tre del PCI-PDS rientrarono già nell’inchiesta sui finanziamenti illeciti tramite la Festa dell’Unità che interessavano l’Italgas.

 

 

…Le centraline della rete ENEL non erano ancora a norma di Legge e la Provincia di Savona pubblicò uno studio sull’inquinamento ambientale utilizzando i dati di tale rete dando così un’immagine migliorativa – cioè falsa – della qualità dell’aria…

 

 

 

 

 

Quando nel 1999 l’ex Assessore Regione all’Ambiente Nicolò Alonzo (Democratici di Sinistra), nel PIANO REGIONALE RIFIUTI del novembre di quell’anno, progettò la combustione dei rifiuti della Liguria come Cdr (Combustibile da Rifiuti) nella Centrale a carbone di Vado, alla quale sarebbe seguita una produzione di diossina e metalli pesanti in pieno centro abitato spaventosa, a molti parve una follia o una provocatoria boutade. Ma non si trattava affatto di uno scherzo. Tutto venne bloccato dal tempestivo intervento del Ministero dell’Ambiente, ma è doveroso sottolineare – seppur triste e squallido – che già nel passato parte della spazzatura di Milano era stata bruciata “segretamente” nella centrale a carbone di Vado. Le Centrali a carbone sono le uniche, infatti, in cui si possono bruciare rifiuti solidi. Nell’allegato de Il sole 24 ore del 16 marzo 1996 era data per certa la combustione di rifiuti milanesi in centrale….

 

 

L’Enel e il Comune di Milano erano da tempo in trattative per costruire una centrale elettrica alimentata a rifiuti; a Milano, comunque, erano in fase di progettazione almeno due inceneritori nuovi. Tuttavia riguardo alla combustione di rifiuti si era decisamente andati oltre la pianificazione, in quanto venne scritto che “una buona quantità di spazzatura di Milano parte segretamente e viene bruciata in via sperimentale nelle centrali Enel a carbone di Vado Ligure (Savona) e Fusina (Venezia-Marghera)”.

Come documentato in un articolo del 23 dicembre 1998 de “Il Secolo XIX”, si era progettata la combustione a La Spezia e a Vado di vecchi copertoni della Pirelli. Le fumate nere che fuoriuscivano dalle ciminiere alla fine degli anni Novanta erano popolarmente conosciute come gli spurghi di tale combustione.

Ma che cosa avvenne veramente? Su “Il Secolo XIX” si poteva leggere: “L’Enel ha fatto un accordo con la Pirelli per bruciare nelle sue centrali i copertoni usati – un combustibile particolarmente calorico – a costo zero”

 

 

Con gli anni Duemila la società Tirreno Power è subentrata all’Enel nella gestione della centrale e a partire dal 2004 iniziò grandi lavori di riammodernamento dell’impianto, con la sostituzione di parte del gruppo a carbone con uno a metano. In occasione della cessione della centrale ai privati, il Ministero dell’Ambiente impose temporaneamente limiti molto restrittivi obbligando la combustione sui gruppi 1 e 2 non ancora ristrutturati di olio senza tenore di zolfo (STZ) in attesa di una rapida ristrutturazione dei gruppi 1 e 2 per il metano…

 

 

 

 

 

Nel 2001 si apprese che le centraline provinciali per i controlli dell’inquinamento atmosferico gestite da Provincia e ARPAL erano rimaste bloccate da ben 18 mesi a causa di un guasto al sistema informatico, rendendo così impossibile il monitoraggio ambientale.

Nello stesso anno, nel volume 14 del NOTIZIARIO della Società Lichenologica Italiana presso il Museo Nazionale di Scienze Nazionali di Torino, apparve un articolo del professor Massimiliano Lupieri dell’Università di Trieste:

“Biomonitoraggio della qualità dell’aria presso la centrale di Vado Ligure (SV) tramite licheni epifiliti come bioindicatori e bio- accumulatori”. ciò che allarmò fu la quantità di vanadio presente in concentrazioni elevate attorno alla fascia costiera; il vanadio è prodotto dal carbone combusto e le elevate quantità presenti in centro abitato andrebbero quindi ricollegate direttamente alla centrale…

 

 

Nel 2003 comparvero alcuni risultati riguardo all’inquinamento atmosferico. Nelle CONCLUSIONI della relazione dell’ARPAL del Dipartimento Provinciale di Savona intitolata “ Relazione riassuntiva sulla qualità dell’aria monitorata nel Comune di Savona” relativa agli anni 2000-2001 e 2002 si leggeva “La valutazione dei dati di qualità dell’aria, monitorata nel Comune di Savona nel triennio 2000-2003 rappresenta complessivamente una situazione positiva, infatti, non si riscontrano situazioni particolarmente critiche…”.

Ma nella relazione dell’ARPAL non comparivano assolutamente dati ed elaborazioni relative a molti importanti inquinanti che dovrebbero essere attentamente monitorati per legge dalla rete pubblica di centraline ed in particolare spiccava l’assenza delle PTS (polveri totali sospese). Il MODA fornì l’elenco delle misurazioni mancanti nella relazione ARPAL…

 

 

continuarono a funzionare completamente i gruppi a carbone, esempi di una progettazione ormai vetusta in quanto risalenti alle teorie in campo energetico datate circa mezzo secolo fa e da più di vent’anni del tutto fuori progettazione in tutto il mondo Occidentale

Il pubblico poté così appurare come dalle centrali a carbone fuoriescano non meno di 67 sostanze inquinanti (48 almeno portatrici di tumori e 55 in grado comunque di arrecare gravi disturbi al sistema nervoso);

le più gravi sarebbero l’arsenico ed il mercurio. Per quanto riguarda l’esposizione alle Pm 2,5 – e, ripeto, secondo i medici tutti i cittadini della piana ne respirano incontrollatamente quantità oscene ogni ora – basterebbero poche ore a loro contatto, inalandole o assorbendole in altro modo, per avvelenare il sangue e quindi gli organi. “I filtri in circolazione garantiscono soltanto l’eliminazione delle polveri grossolane, le cosiddette Pm 10, ma non delle micropolveri, le più insidiose per l’uomo”.

Ugo Trucco, presidente provinciale dei medici savonesi, chiarì che siccome l’Ordine dei medici deve garantire la tutela dei cittadini contro rischi di inquinamento, è ovviamente contro l’ampliamento della centrale…

 

 

 

 

 

“La Commissione di Via nazionale ha dato il benestare all’ampliamento a carbone perché la centrale si trova in una zona già classificata dalla Regione come ‘inquinata’”. Così esordiva l’articolo de “la Stampa” del 21 dicembre 2008, firmato da Ermanno Branca, inerente alle decisioni della commissione che per più di un anno aveva tenuto in considerazione il progetto di ampliamento.

E l’articolo si rifaceva alle informazioni tratte dal verbale della commissione. Lo sgomento e l’incredulità, oltre che aver preso piede tra i Verdi e tutti gli altri gruppi di contestazione (e tra i medici…), lasciò decisamente di stucco i cittadini. “Che razza di motivazione è?” chiedeva qualcuno; oppure: “Allora è vero che è una zona inquinata!”.

 

 

 

 

 

 

 

Commenti dell’autore Giovanni Borrello:

 

“Siamo la città dalle centotre ciminiere”; siamo la fucina che consente e ha consentito per decenni che il resto della Liguria, quella che conta, potesse essere conosciuta in tutto il mondo. Noi siamo la Liguria che non si vuol guardare, la cruda realtà che mostra ai forestieri quanto sia costata e continua a costare la libertà da inquinamento di tutti gli altri cittadini rivieraschi.

Siamo come i dimenticati dei manicomi, i disgraziati dei reparti mutilati di guerra, i malati delle corsie di oncologia. Siamo quelli che non si devono vedere. Non si deve sapere come viviamo, altrimenti… altrimenti verremmo ancora accusati di diffondere il panico tra la gente in maniera ingiustificata…”

 

 

 

“mentre leggevo “Un indovino mi disse” di Tiziano Terzani, mi imbattei in una frase-illuminazione: “la storia esiste solo se qualcuno la racconta”. Ecco, molto semplicemente se non avessi scritto in appendice al libro anche la narrazione del quartiere dei Griffi prima di essere profanato e calpestato dalle ciminiere, della sua storia e di tutte le problematiche inerenti l’inquinamento della centrale nessuno sarebbe mai venuto a conoscenza del quartiere inteso non come semplice insieme di palazzine attaccate all’impianto, ma come nucleo sopravvissuto di una contrada sacrificata da un certo tipo di politica per la causa del “progresso”, termine evanescente e ambiguo molto in voga quarant’anni fa come oggi…”

 

 

 

 

 

“…Oh, me lo ricordo bene com’era Vado ai tempi d’oro. Fai conto che quando ero ragazza prendevo il treno per andare da dei miei cugini di Noli, quando la ferrovia passava sulla costa, e appena si arrivava a Vado chiudevano tutti i finestrini anche se si moriva di caldo perché c’era un’odoraccio acre che non si poteva respirare. Me lo ricordo bene, sai. Per me i vadesi sono sempre stati un mistero, sembra che non si rendano conto della pericolosità della cosa…”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Contributi di Associazioni e Partiti all’uscita del libro sulla storia della centrale a carbone,

“All' ombra delle Ciminiere” di Giovanni Borrello.

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA  - FEDERAZIONE DEI VERDI

 

Spett. Redazioni,

domani esce l'atteso libro sulla storia della centrale a carbone, “All' ombra delle Ciminiere” di Giovanni Borrello.

I verdi della provincia di Savona consigliano a tutti la lettura di questo libro, che nonostante denunci un fatto tragico come l' avvelenamento di un' intera provincia con i fumi della centrale di Vado, narra una storia che cattura ed emoziona lasciandoci una grandissima malinconia.

 

Questo libro è scritto nella consapevolezza del disastro ambientale e ripercorre 60 anni di storia di un paese. Ridà dignità al paese di Vado, alla sue importanti radici artistiche, culturali e sociali.

Un libro senza astio, che descrive come la vita continui nonostante tutto all' ombra delle ciminiere. La volontà di riscatto dei cittadini che non fuggono da questo territorio avvelenato ma che rivendicano il diritto alla salute.

Gli allarmi della politica sulla pericolosità della centrale: comunicati sempre uguali che si ripetono a distanza di anni senza risolvere nulla. Storie di tangenti, di veleni che uccidono senza mai trovare un colpevole: in altre parole, la banalità del male.

Un libro che bisogna leggere per voler bene a questo paese coraggioso di 8.000 abitanti, per aiutare  davvero Vado Ligure a rinascere.

A Vado Ligure ai suoi abitanti, dopo la lettura di questo libro dedico a nome dei verdi una frase di speranza di Martin Luther King:

"Io confido che ciò che uomini egoisti hanno distrutto, uomini non egoisti ricostruiranno"

Simona Simonetti

(presidente Federazioni Verdi della Provincia di Savona)

 

 

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA  - RIFONDAZIONE COMUNISTA

 

 

L'uscita del libro "All'ombra delle ciminiere" pone nuovamente l'accento sul tema della centrale di Vado Ligure e Quiliano. Un volume estremamente interessante che ripercorre la storia di Vado e delle "ciminiere" fino ai giorni nostri con testimonianze, un vasto archivio giornalistico e soprattutto con dati drammatici quanto chiari.

I quaranta anni di carbone a Savona descritti nel libro pongono con forza l'accento sull'ampliamento, proposta che andrebbe a legare per altri 50 (e forse più) anni la nostra provincia al carbone.

Possiamo permetterci un secolo di carbone? Un aspetto in controtendenza rispetto alle politiche energetiche attuate dalla stragrande maggioranza dei paesi europei e non solo.

Anche per questo siamo assieme a comitati e associazioni per ribadire il nostro no all'ampliamento.

Marco Ravera - Segretario provinciale Rifondazione Comunista

Franco Zunino - già Assessore regionale all'Ambiente, Consigliere comunale a Savona

 

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA  - MOVIMENTO 5 STELLE

 

 

Domani esce "All'ombra delle ciminiere", l'inquietante racconto di 40 anni di carbone e di tumori a Savona, di chi ha autorizzato la costruzione di una centrale a carbone tra le case, di chi ha colpevolmente nascosto i dati sanitari permettendo che questo orrore continui tuttora.

E' dagli anni '70 che è iniziata una "sperimentazione" a carbone presso la centrale termoelettrica di Vado. Da allora si sono succeduti dichiarazioni, propositi di conversione a metano, impegni della politica di vario genere, eppure, a distanza di quarant'anni, e dopo che l'ambiente e la popolazione hanno proprio "sperimentato"

letteralmente sulla propria pelle i danni del carbone e i problemi collegati, la centrale è ancora lì.

Dappertutto nel mondo si punta sempre di più il dito contro il famigerato combustibile fossile e la sua presunta economicità, ma all'ombra delle due ciminiere è addirittura possibile decidere per un ampliamento, ancora esistono sindacati e istituzioni che tirano diritto, senza alcun motivo che non sia il profitto di pochi, verso una strada che ci fa ripiombare nel '800.

Ma il tempo non è passato invano, nel tempo si sono accumulati dati sempre più drammatici, che gridano vendetta, e narrano di come quella combustione abbia letteralmente divorato la salute di un territorio. Questo libro, oltre che una narrazione di come eravamo e di ciò che abbiamo lasciato distruggere, è un chiaro, pesante e circostanziato atto d'accusa contro questo triste e lungo percorso carico di

debolezze e farcito di colpevoli e compiacenti silenzi.

 

Ufficio Stampa

MoVimento 5 Stelle Savona

COMUNICATO STAMPA  - WWF

 

Presentazione del libro 'All'ombra delle ciminiere' . Il WWF : è ora di cambiare. I dati preoccupanti sull'inquinamento e la mortalità sono un segnale tangibile.

Il WWF plaude per l'incomiabile iniziativa culturale.

Alla vigilia della presentazione del libro intitolato “All'ombra delle ciminiere”, il WWF Liguria nella persona del Presidente regionale Piombo Marco, nel ribadire la totale contrarietà all'ampliamento della Centrale a carbone di Vado ligure, invita la cittadinanza e gli organi istituzionali in primis la Regione Liguria, ma anche i Comuni (ricordiamo che tutti i 18 Comuni interessati hanno deliberato contro, oltre che partiti, associazioni, personalità locali, ordine dei medici, curia) a dare un contributo diretto e fattivo a “fermare il carbone”, data la loro capacità di influire sulle scelte nazionali alla luce dei loro poteri concorrenti. Dopo 40 anni di carbone nato come sperimentazione a Savona e dintorni è ora di cambiare rotta.

Il rispetto per la vita e per l’ambiente non può e non deve far parte di un mero gioco di interessi politici ed economici, ma deve invece far parte dei valori primari ed inalienabili di ogni popolo civile.

Il libro  descrive una storia di 40 anni di pesante inquinamento a Savona con gravissimi danni all'ambiente e alle persone, ma non solo, anche di omissioni, imposizioni, gravi e compiacenti sottostime, tangenti, indagati.

 

QUATTRO BUONI MOTIVI PER DIRE NO AL CARBONE
Il WWF, inoltre, ricorda almeno 4 buoni motivi per de-carbonizzare l’Italia: 
1) la migliore tecnologia a carbone (impropriamente detto “pulito”) emette livelli di anidride solforosa, malgrado la presenza di desolforatori, ben 140 volte superiori a quelli emessi da un impianto a ciclo combinato a gas; 

2) le emissioni di polveri fini (PM) risultano ben 71 volte superiori rispetto a quelle di impianti a gas, anche con l’introduzione di filtri a manica; 
3) la combustione del carbone costituisce una delle principali cause di inquinamento da Mercurio, che entrando nella catena alimentare crea gravi danni alla salute umana, e rilascia anche altre svariate decine di sostanze tossiche inquinanti, tra cui Arsenico, Cromo e Cadmio, che sono anch’esse causa di gravi patologie; 
4) le emissioni di carbonio di una centrale a carbone “pulito” sono praticamente doppie rispetto a quelle di una centrale a ciclo combinato a gas.

 

WWF Liguria

Il Presidente  Piombo Marco

COMUNICATO STAMPA  - ARCI

 

Domani esce l'atteso libro sulla storia della centrale a carbone,  “All' ombra delle Ciminiere” di Giovanni Borrello.

Ho avuto la possibilità di leggere in anteprima queste 236 pagine dense di fatti, nomi, dati, il tutto documentato in modo inconfutabile.

Il libro fornisce una chiave di lettura completa, che con piglio giornalistico ci apre gli occhi e la mente su oltre 40 anni di mistificazioni, orrori, connivenze.

C'è poco da fare, bruciare carbone per produrre energia avvelena, l'aria, l'acqua, i nostri corpi, i rapporti umani, la democrazia, la verità.

In questo libro non si risparmia nessuno, perchè Borrello vuole fornirci le prove che le colpe non sono solo delle aziende che si sono succedute alla gestione, ma soprattutto di chi avrebbe il compito di vigilare ed impedirne l'inquinamento.

Le testimonianze dei malati di cancro e sui malati di cancro valgono più di dati e statistiche, basta questo per dire basta.

 

Giovanni Durante

Presidente provinciale Arci Savona

 

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA  - UNITIPERLASALUTE

 

Da domani tutti potranno leggere il libro di Giovanni Borrello dal titolo “All'ombra delle ciminiere” di cui consigliamo la lettura.

Un libro che ripercorre circa 60 anni della storia della nostra, un tempo, bella vallata. Un territorio che purtroppo ha subito oltre 40 anni di carbone con le conseguenze ormai evidenziate ed attestate  da studi medici e scientifici.

Un libro che ci fa tornare indietro nel tempo e ci fa ricordare con emozione e nostalgia  questa valle  quando era ancora verdeggiante e rigogliosa.

In questi anni vi sono state molte lotte per difendere questa terra, lotte condotte da Associazioni e Comitati, che continuano ora più che mai,  perché i cittadini non si arrendono e questa terra la amano.

Tra questi, da anni ormai si batte anche la nostra associazione “Uniti per la Salute”, che  teniamo a sottolineare,  scevra da personalismi, ovviamente non è guidata  dal portavoce, come si potrebbe desumere da un passaggio del libro, ma da un consiglio direttivo composto da nove persone, che esprimono in modo univoco e compatto le legittime aspirazioni dei numerosi soci iscritti e delle migliaia di cittadini che hanno condiviso e sottoscritto le istanze di contrarietà al carbone.

Con questo spirito il consiglio ha aderito alla spontanea aggregazione di associazioni, partiti e comitati che hanno deciso di attivare insieme atti di diffida ed azioni concrete a tutela dei cittadini e del territorio.

Ci congratuliamo con l’autore ed auguriamo al nuovo libro  la fortuna editoriale che merita.

 

Il Presidente Unitiperlasalute

Emilia Piccardo

 

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA  - LIBRERIA UBIK

 

Finalmente in libreria l'attesissimo libro sulla storia della centrale a carbone di Vado Ligure, di chi è costretto a viverci sotto da una vita, la storia dei bambini che giocano a pochi metri dagli impianti perché nessuno ha avuto mai il coraggio di raccontar loro la verità. 'All'ombra delle ciminiere' appunto, un ombra scura come il carbone, e che insieme al carbone ti porti dentro, come un’onta.

E' sì la storia di 40 anni di pesante inquinamento a Savona con gravissimi danni all'ambiente e alle persone, ma non solo, anche di omissioni, imposizioni, gravi e compiacenti sottostime, tangenti, indagati.

E' la storia delle tante parole usate per decenni da manager e amministratori accondiscendenti, o perlomeno indulgenti, per giustificare, legittimare e perpetuare lo scempio ambientale di 5.000 tonnellate di carbone bruciate ogni giorno.

La storia di quando i Sindacati facevano le lettere alla Procura contro la centrale (tutelando gli interessi dei cittadini), e non si allineavano invece supinamente sulle posizioni dell’azienda.

La Magistratura (che ha già a disposizione il materiale del libro) sta indagando, e ha aperto due filoni di inchiesta per i gravissimi reati di lesioni colpose e omicidio colposo plurimo.

La centrale ha iniziato a funzionare negli anni ’70 in via sperimentale, e continua a funzionare ancora oggi, pur non essendo allineata alle normative in materia e benché sia ancora priva della obbligatoria Autorizzazione Integrata Ambientale.

Peraltro la centrale, come emerge nel libro, è stata illecitamente usata in passato, e forse lo sarà anche in futuro, anche per bruciare rifiuti e copertoni.  Quante volte, vedendo uscire il fumo dalle ciminiere, o sentendo una puzza diversa, gli abitanti si sono chiesti spaventati cosa si starà bruciando. Tra le righe del libro, forse, la risposta: “in quelle ciminiere forse si stanno bruciando i nostri diritti, il diritto e all’autodeterminazione, il diritto alla vita e alla salute sanciti dalla Costituzione Italiana, si sta bruciando la nostra capacità di indignazione, la nostra possibilità di scegliere democraticamente l’ambiente in cui far vivere i nostri figli”.

Perché dobbiamo morire in silenzio per non ostacolare gli interessi economici di un grande gruppo privato?

 

Stefano Milano

Libreria UBIK

 

 

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA  - NUOVO FILMSTUDIO

 

Esce domani “All’ombra delle ciminiere”, un saggio attento sulla centrale a carbone. La storia e la geografia dei luoghi, le cifre, le testimonianze, le proposte inascoltate costituiscono la dettagliata ossatura di un libro, che passa ai raggi X il legame fra carbone e tumori.

Da un decennio, ormai, il problema della centrale a carbone è diventato insostenibile.

Da quando le cifre e l’esattezza dei dati ci hanno confermato giorno dopo giorno che dietro ogni numero c’è un dramma di morti premature;

da quando 5.000 tonnellate di carbone bruciate ogni giorno lasciano la loro polvere nei magazzini delle farmacie sempre più occupate per l’approvvigionamento di medicinali antitumorali;

da quando si è scoperto che la fabbrica non risulta ancora provvista delle necessarie autorizzazioni;

da quando, quotidianamente, scopriamo un nuovo sgradito “ospite” nelle famiglie di amici e conoscenti;

da quando i numeri diventano enormi come le vittime già accertate e come quelle che purtroppo piangeremo fra qualche anno, perché malgrado tutte le istanze il nero veleno è preferito per la presunta e limitata economicità.

 

S.Renato Allegra

Nuovofilmstudio

 

 

 

 

Si all’energia solare, no al carbone

 

 

 

 

 

 

Mercoledì 14 dicembre, ore 18  Libreria Ubik:

“L’energia elettrica

la facciamo insieme”

Per la produzione diffusa e la democratizzazione dell’energia elettrica.

A cura del GAF (Gruppo di acquisto fotovoltaico)

 


  

 

La lotta al carbone si fa anche con il consumo critico: è possibile promuovere la produzione di energia elettrica con fonti rinnovabili.

E’ possibile quindi smettere di finanziare con le nostre bollette coloro che producono energia curandosi solo dei propri profitti e trascurando l'ambiente e la salute dei cittadini.

 

Ciascuno di noi cittadini può passare all'azione concreta in tre mosse.

-1) cambiare il proprio fornitore di elettricità, scegliendo un produttore di energia proveniente al 100% da fonti rinnovabili: basta una lettera raccomandata e non serve fare nessuna modifica al proprio contatore o impianto di casa.

-2) finanziare collettivamente con azionariato popolare la realizzazione di nuovi impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili: anche chi non può avere un impianto privato a casa propria può essere produttore di energia pulita!

-3) per chi ha a disposizione una superficie di tetto per un impianto fotovoltaico: unendosi con altre persone può fare parte di un "Gruppo d'Acquisto Fotovoltaico" e avere così maggiore facilità a superare difficoltà burocratiche ed economiche attraverso il supporto di un team di professionisti che seguirà le varie fasi di realizzazione di ogni impianto.
La cooperativa Retenergie nasce nel 2008 con l'obiettivo di promuovere processi di democratizzazione dell'energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili e con un basso impatto ambientale.

I soci savonesi di Retenergie propongono ai comitati, associazioni e singoli cittadini di condividere questo cammino. Vi invitiamo ad una serie di incontri che si terranno sul nostro territorio nei prossimi giorni, l’ultimo mercoledì 14 dicembre alla libreria Ubik.

Cooperativa Retenergie - Gruppo d'Acquisto Fotovoltaico di Savona

Referenti: Tommaso Gamaleri (0192091402),  Marco Lima (3409327716)

Scrivere a:  gaf.savona@retenergie.it
Per informazioni:
http://www.retenergie.it

Da Report: http://www.youtube.com/watch?v=uSvb1ks3J6U

 

 

com. Ubik

Ti potrebbero interessare anche:
SU