/ Speciale elezioni Albenga

In Breve

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Speciale elezioni Albenga | 15 maggio 2019, 19:04

Albenga, Calleri assente al confronto sulla sanità? Tomatis e Icardo attaccano: "Sarebbe un fatto grave"

"Il tema è molto sentito e i cittadini chiedono la possibilità di porci delle domande a riguardo" aggiungo i tre candidati sindaci

Albenga, Calleri assente al confronto sulla sanità? Tomatis e Icardo attaccano: "Sarebbe un fatto grave"

Si terrà giovedì 16 maggio alle ore 21,00 un confronto tra candidati sindaco sul tema sanità. Pare che all’incontro non parteciperà il candidato sindaco Gerolamo Calleri, così come riferito dall’organizzatore del dibattito e portavoce dei “Cittadini Stanchi”, Angelo Pallaro che aggiunge “Credo che questo sia un confronto molto importante, non solo perché fortemente richiesto dai cittadini, ma perché sarà incentrato su un tema fondamentale per la nostra città: la sanità”. 

Dichiarano gli altri candidati sindaci Riccardo Tomatis e Fausto Icardo: "Abbiamo appreso che il Gerolamo Calleri avrebbe deciso di non prendere parte al confronto. Se fosse vero crediamo che sarebbe molto grave. Il tema è molto sentito e i cittadini chiedono la possibilità di porci delle domande a riguardo. La risposta di Calleri non può essere quella che è stata data nell'incontro presso la sala San Carlo con l’arrivo del Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e l’Assessore regionale alla sanità Sonia Viale, gli stessi che, lo ricordiamo, in passato non hanno mai accettato gli inviti del  sindaco Giorgio Cangiano e della giunta ingauna". 

"Molte volte l'amministrazione ha chiesto Loro un confronto pubblico con la Città, sia sull’affidamento ad un gestore privato dell’Ospedale Santa Maria di Misericordia, che sui Centri Salute. Questo incontro è sempre stato negato. Ora, in campagna elettorale, hanno deciso di venire ad Albenga in una sala San Carlo occupata in gran parte dai sostenitori di Calleri e, quindi, di fronte ad un pubblico “a favore”, mentre Calleri decide di sottrarsi ad un confronto pubblico che, probabilmente lo preoccupa o intimorisce". 

"Un candidato sindaco crediamo che, come prima cosa, dovrebbe ascoltare i cittadini e rispondere alle loro domande specialmente su tematiche importanti come questa" concludono Tomatis, Distilo e Icardo.

CSPE

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium