/ 

In Breve

| 07 ottobre 2010, 11:05

Alluvioni tossico nocive (prima parte)

Quattro passi con Bertolaso tra Varazze e la Stoppani

La Stoppani, oggi.

La Stoppani, oggi.

Scusi, Bertolaso, nel 2010 è logico che succedano ancora cose del genere? "Accadrà pure nel 2020 e nel 2030, potete starne certi". Così il capo della Protezione Civile ieri mattina sulle sponde del torrente Arrestra, che segna il confine tra la provincia di Genova e quella di Sanona, tra il Comune di Varazze e quello di Cogoleto.

Vedi intervista http://www.youtube.com/watch?v=Da4uo9b6yp0

L'ottimismo di Bertolax è il profumo della vita. A pochi metri da noi il torrente ancora in vigore, compie una secca virata a destra, tirando poi dritto verso il mare.

Sulla parte esterna dell'ansa del torrente, dove la piena ha scaricato la sua potenza inghiottendo d'un sorso la strada, si è pensato bene di concedere un bel permesso a costruire ai proprietari dell'area: l' impresa Pietro Pesce Spa.

Una "riqualificazione e rifunzionalizzazione" dell'area Ex Cava di Mulinetto non si nega a nessuno. Un paio d'ore di pioggia in più e dei costruendo capannoni nell'astuto sito non sarebbe rimasta traccia. manco a dirlo il comune è ovviamente certificatissimo ISO 14001, nientemeno che dal RINA, che di acque se ne intende.

Possiamo ammirare le inappuntabili opere della foce del torrente Arrestra prima e dopo l'alluvione, nelle due foto seguenti.

    

Si era svolto l'happening con Bertolax a Varazze nella sede del Comune (a sua volta certificato ISO 14001, ci mancherebbe) Spiccavano in parata i mezzi fiammanti della protezione civile di Sanremo, puliti fino alle gomme, come se fango non esistesse. Mezzi come nuovi e scarpe pulite, anche mentre i pompieri stanno spalando fango nel vicino Hotel Cadiz di Varazze. D'altronde l'immagine è importante. E davanti al Comune c'è pure la diretta di Sky...

Nessuno però ha fatto caso alla massiccia fuoriuscita di idrocarburi che ha annerito in mattinata la foce del Teiro. Saran dettagli…

 

Nelle zone alluvionate, Bertolax si muove in punta di piedi: un corteo di 12 (dodici) auto dove non manca davvero nessuno. Lui, l'indispensabile scorta, ufficio stampa & funzionari al seguito e poi Carabinieri, Polizia, Vigili del Fuoco, Polizia Municipale, Guardia Forestale, Capitaneria di Porto e Prefetto e Commissario Stoppani, e ovviamente Protezione Civile a profusione.

Cliccare per vedere: http://www.youtube.com/watch?v=v7EmysRfbWI

La ex cava di Mulinetto che incombe sulla zona è oggi una discarica di rifiuti molto speciali, quelli della vicina Stoppani.    

Il cartello all'ingresso indica la proprietà della "Immobiliare Val Lerone Spa" fallita con provvedimento dell'Autorità Giudiziaria il 14/06/2007 (sede legale a Milano) che ben si sarebbe guardata dall'effettuare le bonifiche previste. L'impianto è abbandonato da tre anni, ma il cartello è ancora lì. Leggiamo: "rifiuti speciali pericolosi con contenuto max in CR VI (cromo esavalente n.d.r.) pari a 100 ppm". Una cancerogena enormità.

   

Ma all'indomani di un'alluvione come questa, e con i canali di gronda semi costruti (qualche anno fa dalla famiglia Mamone, prima del fallimento Stoppani) sarà tutto a posto? Non ci saranno rischi di percolamento di sostanze tossiche come il cromo esavalente alla memoria di Erin Brockovich? Bertolax non pare per nulla preoccupato, ma segnaliamo che le vasche in cemento destinate alla raccolta del percolato stesso, nel pomeriggio del 6 ottobre erano praticamente vuote.

Chissà, può darsi che nella concitazione ci abbiano dato una dritta sbagliata.

Ma il "bello" deve ancora cominciare... (fine prima parte)

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium