Attualità - 04 dicembre 2020, 14:44

Andora decide di dismettere il ruolo di capofila del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti del bacino andorese-dianese

La decisione maturata per il rischio di stallo dell’inizio del servizio, dopo la proposta di alcuni comuni imperiesi di gestire il servizio con un organo collegiale formato dai sindaci

Andora decide di dismettere il ruolo di capofila del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti del bacino andorese-dianese

Il comune di Andora ha deciso di dismettere il ruolo di capofila del Servizio di spazzamento, raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani del Bacino Andorese – Dianese, che coinvolge 12 comuni di cui 3 della provincia di Savona (Andora Stellanello e Testico).

Lo ha comunicato il sindaco, Mauro Demichelis con una nota scritta alla Provincia di Imperia, annunciando l’intenzione di procedere autonomamente all’avvio del servizio sul suo territorio, sottoscrivendo i contratti attuativi con le ditte vincitrici della gara di appalto comprensoriale. Una decisione maturata all’indomani della proposta di alcuni sindaci imperiesi di creare un organo collegiale formato dai sindaci per la gestione associata del servizio, con elezione fra di loro di un presidente, un vice presidente, un segretario e vice segretario. Un’ipotesi organizzativa non prevista che vede contraria Andora.

“Non sono mai d’accordo nel creare sovrastrutture politiche inutili, per la gestione tecnica di servizi - ha dichiarato il primo cittadino di Andora - Nel 2016 la Provincia di Imperia aveva chiesto al Comune di Andora di essere capofila per la gestione tecnica del servizio. Abbiamo investito molte risorse ed energie per la progettazione, atteso anni che il servizio fosse messo a gara poiché non c'era condivisione con alcuni Comuni imperiesi sulle modalità di raccolta e ora che la Provincia procede a sottoscrivere l’accordo quadro con le ditte vincitrici, non è tollerabile un ulteriore stallo. Non si era mai parlato in passato di creare un vertice politico per il coordinamento e la gestione associata, che avrebbe il solo risultato di rallentare i processi di scelta. Per spirito di servizio gli uffici hanno redatto un'ultima bozza di convenzione secondo quanto definito nelle ultime riunioni. Oggi pare che non vi sia più accordo, neppure su questa soluzione, da loro richiesta”.

Dal canto suo la Provincia di Imperia, ha sollecitato i comuni a sottoscrivere i singoli accordi successivamente alla firma dell'accordo quadro annunciata per il 9 dicembre prossimo.

“La mia priorità è avviare subito il nuovo servizio, moderno e rispondente alle esigenze degli Andoresi: lo abbiamo progettato a misura delle caratteristiche del nostro territorio – conferma il sindaco di Andora Demichelis – Gli uffici hanno già comunicato alle ditte vincitrici e agli altri comuni interessati, la nostra intenzione a sottoscrivere nei prossimi giorni il contratto e a procedere in autonomia per essere operativi con decorrenza dal 1° gennaio 2021. Ringrazio i comuni che hanno lavorato fino ad ora in maniera puntuale e fattiva a questo progetto: l'Ato comprensoriale, stabilito per legge, può essere una grande opportunità per offrire un servizio migliore a tutti i comuni che, pur con diverse caratteristiche e dimensioni, hanno diritto a una raccolta moderna ed efficiente”.

In quest'ottica, l'Assessorato all'Ambiente del Comune di Andora è già al lavoro per organizzare una campagna informativa dedicata ai cittadini.

"Inizia una nuova fase in cui la raccolta si inserirà in un progetto di tutela dell'ambiente che passerà anche da un'implementazione della raccolta differenziata - annuncia l'Assessore Maria Teresa Nasi - Il tutto organizzato in modo da tenere conto delle caratteristiche delle varie zone del comune".

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

SU