Leggi tutte le notizie di A PROPOSITO DI... ›

A proposito di... | 04 febbraio 2021, 09:21

Lega guastafeste: Amoretti perde Santi

La rubrica di Bruno Lugaro

Pietro Santi

Pietro Santi

Primo guaio per Dario Amoretti. Il candidato in pectore del centro destra perde Piero Santi, il campione di preferenze a Savona. A far saltare il banco è stata la condizione posta dalla Lega di avere la poltrona di vicesindaco in caso di vittoria. Il nome sarebbe quello dell'assessore Maurizio Scaramuzza.

Santi, in questo caso, dovrebbe rinunciare a ciò che gli avevano promesso sia Giovanni Toti, sia Dario Amoretti e accontentarsi di un assessorato o della presidenza del consiglio comunale. Prospettiva che non lo soddisfa affatto. “Ho appreso anch'io della richiesta della Lega. Ho già fatto un passo indietro rinunciando alla candidatura a sindaco. Ora non intendo rinunciare al ruolo di vice. La mia storia di politico da sempre vicino alla gente parla per me. Non andrò a mendicare nulla ad Amoretti, ma deve essere chiaro che, qualora fosse accontentata la Lega io non sarei della partita”.

Santi a quel punto potrebbe lavorare ad una propria lista o più probabilmente non candidarsi, indirizzando i propri voti verso il centrosinistra. Basandoci sui risultati del passato la candidatura di Santi vale un migliaio di voti ed è quindi in grado di condizionare da sola l'esito delle prossime elezioni comunali.

Non a caso Amoretti aveva dichiarato nei giorni scorsi: “Santi sarebbe un ottimo vicesindaco”. Sembrava l'inizio di un idillio, poi è arrivata la Lega a reclamare legittimamente il secondo scranno di palazzo Sisto.

Amoretti, intanto, prosegue il dialogo con ex esponenti del Pd che potrebbero condividere la sua sfida.

Bruno Lugaro


Per contattare l'autore, scrivi a lugaro@savonanews.it

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium