Al direttore - 20 ottobre 2021, 17:07

Savona, cittadino vittima della recente alluvione: “A carico dei danneggiati l'onere del trasporto dei detriti. Cornuti e mazziati”

In una lettera al direttore, lo sfogo di R.B.

Savona, cittadino vittima della recente alluvione: “A carico dei danneggiati l'onere del trasporto dei detriti. Cornuti e mazziati”

 

Gentile direttore,
Sono una delle vittime della recente alluvione, oltre a quella del 1992.

Nello svuotare i locali danneggiati dall'alluvione, abbiamo posizionato i detriti (mobili, scarpe, bottiglie, persiane, damigiane, attrezzi elettrici etc) vicino al bidone della spazzatura a 5 metri dal portone. Nel fare le operazioni di sgombero e di pulizia, abbiamo ricevuto aiuto da amici, vigili del fuoco e  protezione civile per l'allagamento di un locale sotterraneo.

Questi ultimi ci hanno reso edotti delle "regole di sgombero" di ATA, secondo cui, chi sgomberava i locali da solo, senza aiuti di forze dell'ordine o volontari riconosciuti, avrebbe dovuto "conferire i rifiuti" al centro di raccolta sito di fronte al cimitero a oltre un chilometro di distanza. Nel caso opposto invece, non si sarebbe dovuto portare nulla in quanto sarebbero venuti i mezzi di ATA a ritirare i rifiuti. 

A oltre 15 giorni di distanza, nessuno si è visto e l'ATA, interpellata al telefono da un vicino preoccupato, ha detto che è compito nostro "conferire il rifiuto al punto di raccolta".

I detriti sono su un'area privata sotto la quale vi è la vasca di raccolta della fognatura, che va quindi sgomberata rapidamente. Ma di questo non importa a nessuno se non a noi che lì abitiamo.

In altre regioni questo comportamento si chiama "cornuti e mazziati".

È evidente che l'ATA-Azienda Tutela Ambiente, più che tutelare l'ambiente e i cittadini, pare più interessata a tutelare gli interessi di qualcuno, magari i vertici ormai in dismissione, evitando di spendere anche poche decine di euro per raccogliere i detriti di un evento alluvionale. Si preferisce lasciare a carico dei danneggiati l'onere del trasporto, sebbene gli stessi paghino già profumatamente il servizio di smaltimento rifiuti urbani.

Dopo aver rivissuto a meno di trent'anni un'altra alluvione, aver spalato fango per più di una settimana ed  aver subito ingenti danni economici, essere presi anche per i fondelli è troppo.

Questa è una situazione che non riguarda solo il mio caso, ma molte altre persone nelle zone interessate dall'alluvione.

 

Lettera al direttore

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU