/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 12 febbraio 2021, 13:40

Ciclismo: allenamenti nella Baia del Sole per l'Androni Giocattoli Sidermec, grande esclusa dal Giro 2021

Gli atleti del team guidato da Gianni Savio giunti in riviera in vista del prossimo Trofeo Laigueglia

Foto di Silvio Fasano

Foto di Silvio Fasano

Saranno le strade della Baia del Sole a lenire la delusione della Androni Giocattoli Sidermec, una delle squadre di punta del ciclismo italiano, giunta ad Alassio per allenarsi in vista dell'imminente Trofeo Laigueglia (in programma il prossimo 3 marzo) ma anche per sbollire la rabbia dovuta all'esclusione dal Giro d'Italia 2021.

Rcs Sport, società che organizza la corsa rosa, ha infatti reso note le wild card assegnate a tre formazioni italiane: Bardiani Csf Faizané, Eolo-Kometa e Vini Zabù. Grande assente dunque la formazione del manager Gianni Savio, un team che ha sempre onorato le proprie partecipazioni al Giro con le prestazioni degne di nota dei suoi alfieri.

L'ambiente della riviera sarà quindi utile sia per l'allenamento che per ritrovare serenità: gli atleti, accompagnati dal team manager Gianni Savio e dal P.R. Fabio Marzaglia soggiorneranno in ad Alassio sino al 24 Febbraio. Presenti le stelle Simon Pelloud e Simone Ravanelli. Ad accoglierli è stato Renato Bellia, assieme al sindaco Melgrati, l'assessore allo Sport Roberta Zucchinetti e al presidente GESCO Igor Colombi.

La Androni Giocattoli Sidermec è reduce dal doppio successo ottenuto in Venezuela, al giro "Vuelta Tachira", dove Matteo Malucelli si è imposto nella gara inaugurale e Simon Pellaud in quella conclusiva. Forte rimane però il rammarico per l'esclusione dal Giro d'Italia:

"L’amarezza e la rabbia che provo sono enormi - aveva commentato Gianni Savio appena appresa la notizia - Considero questa esclusione una vergogna sportiva, perché negli ultimi quattro anni siamo stati la miglior squadra Professional italiana nel ranking mondiale Uci e nella Ciclismo Cup, quindi le altre formazioni che hanno ricevuto la wild card erano inferiori a noi. È davvero una beffa non poter esser al Giro quest’anno che si partiva nella mia Torino: l’unico aspetto che mi ha fatto piacere sono stati i tanti messaggi di solidarietà ricevuti con ogni mezzo".

Roberto Vassallo - foto Silvio Fasano

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium