/ Economia

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Economia | 11 novembre 2019, 17:10

Come abbassare il colesterolo con gli integratori

Gli integratori naturali che consentono di abbassare la colesterolemia sono un toccasana sia per chi ha eccesso di colesterolo nel sangue, sia per i cosiddetti soggetti borderline

Come abbassare il colesterolo con gli integratori

L’ipercolesterolemia è quella condizione per cui nel sangue è presente una quantità eccessiva di colesterolo LDL, il cosiddetto colesterolo cattivo. Questa sostanza viene prodotta naturalmente dal nostro corpo, mentre circa il 25-30% lo assumiamo con la dieta. Normalmente più grassi assumiamo con la dieta e minore sarà la produzione del colesterolo da parte del nostro organismo, e viceversa. In un numero elevato di soggetti però questo meccanismo si sbilancia e l’equilibrio si rompe.

I dati relativi al nostro paese dimostrano che il problema può divenire importante; basti pensare all’allarme in Liguria di diversi anni fa e agli open day organizzati presso gli ospedali per incentivare le misurazioni di colesterolo, glicemia e altri valori importanti per la salute.

Cosa succede quando il colesterolo è alto

Di per sé una quantità elevata di colesterolo nel sangue non porta a sintomi diretti. Il problema sta nel fatto che una concentrazione di colesterolo cattivo superiore a 200 mg/dl nel sangue è riconosciuta come tra i più importanti fattori di rischio per numerose malattie del sistema cardiocircolatorio, soprattutto per quanto riguarda la formazione di placche all’interno delle arterie, ma anche per ciò che concerne l’infarto o l’ictus. Esistono dei soggetti, circa 1 ogni 500, che hanno un’elevata quantità di colesterolo nel sangue per fattori ereditari. Per tutti gli altri invece il problema è correlato soprattutto all’eccesso di calorie assunte nel corso della giornata, alla quantità elevata di grassi saturi presenti nella dieta, così come al fumo. Ci sono poi specifiche patologie che portano all’aumento del colesterolo nel sangue, così come l’utilizzo di alcuni farmaci.

Abbassare il colesterolo

In linea generale chi presenta valori di colesterolo cattivo nel sangue eccessivi deve intervenire rapidamente per diminuirli. Il modo migliore consiste nel modificare il proprio stile di vita. Esistono infatti numerosi studi che dimostrano come consumare meno grassi saturi e meno calorie ogni giorno porti a migliorare il tasso di colesterolo nel sangue. Allo stesso modo l’attività fisica regolare, le abitudini alimentari che prevedono un elevato consumo di vegetali, la diminuzione del peso corporeo sono tutte abitudini che abbassano rapidamente la colesterolemia, ristabilendo di fatto l’equilibrio di cui abbiamo parlato prima.

Produrre meno colesterolo

Numerosi studi recenti hanno dimostrato che si può agire anche sulla produzione endogena di colesterolo da parte del nostro corpo. Sono infatti disponibili integratori alimentari che aiutano ad abbassare la colesterolemia, in quanto stimolano l’organismo a diminuirne la produzione. Inoltre favoriscono la presenza di HDL, il cosiddetto colesterolo buono. Questa molecola funge infatti da spazzino, rimuove le placche aterosclerotiche e il colesterolo LDL dal sangue, convogliandolo al fegato e permettendone così l’espulsione. Gli integratori che abbassano il colesterolo sono a base vegetale, esistono infatti sostanze naturali che favoriscono l’abbassamento della produzione di colesterolo. Ad esempio consumando lievito di riso rosso il colesterolo viene mantenuto a livelli ottimali, senza modificare il proprio stile di vita.

Chi dovrebbe utilizzare questi integratori

Gli integratori naturali che consentono di abbassare la colesterolemia sono un toccasana sia per chi ha eccesso di colesterolo nel sangue, sia per i cosiddetti soggetti borderline, ossia persone che hanno costantemente una quantità di colesterolo nel sangue vicina ai 220 mg/dl. Ovviamente chi ha un reale eccesso di colesterolo dovrebbe usare gli integratori e anche modificare il proprio stile di vita, in modo da accelerare la diminuzione della colesterolemia.

Richy Garino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium