/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 26 marzo 2020, 13:39

Infortunio sul lavoro al terminal di Vado, Filt-Cgil: "La sicurezza non diventi questione di secondo ordine"

L'uomo è stato colpito al volto da una protezione a causa del forte vento e trasportato al San Paolo di Savona, mentre non si interrompevano neppure momentaneamente le operazioni

Infortunio sul lavoro al terminal di Vado, Filt-Cgil: "La sicurezza non diventi questione di secondo ordine"

"La Filt Cgil di Savona riafferma con forza le proprie convinzioni espresse al Ministero dei Trasporti riguardanti la necessità di limitare le operazioni portuali ai beni di prima necessità". Comincia così la nota dal sindacato su un incidente sul lavoro verificatosi nella mattinata al terminal di Vado.

"In questo momento difficile le nostre attenzioni sono volte alla tutela della salute limitando i rischi del diffondersi del Covid-19, preservare l'operatività portuale per garantire i beni necessari (come alimentari, farmaci, prodotti per igiene) al territorio e supportare il personale medico e la Protezione Civile".

"Non di second'ordine deve divenire l'importanza della sicurezza sul lavoro, che rischia di aggravare la situazione delle strutture ospedaliere e del personale medico" continuano dalla Cgil.

"Con dispiacere registriamo un infortunio sul lavoro avvenuto questa mattina nel Terminal Container (Piattaforma Maersk) di Vado, dove un marinaio veniva colpito al volto da una protezione a causa del forte vento. Un episodio che sottolinea i lati meno nobili della filiera del trasporto, che pur di fronte al dolore di un lavoratore marittimo non dava indicazione ai lavoratori del terminal e della Culp di voler interrompere momentaneamente le operazioni per dare supporto alla persona" accusa la nota.

"In carenza di diverse disposizioni i portuali del terminal e della Compagnia Unica 'Pippo Rebagliati' hanno fermato le operazioni per permettere il primo soccorso e la ricostruzione dei fatti. Sembrerebbe apparire il messaggio, prontamente smentito dai lavoratori portuali, che l'appartenenza a categoria 'altra' renda quei lavoratori di seconda importanza, questa misura non viene riconosciuta dalla Filt-Cgil e dai portuali che hanno agito nel rispetto e nell'uguaglianza di tutti i lavoratori".

"Il marittimo soccorso e messo a riparo appena sopraggiunta l'ambulanza è stato scortato in banchina e trasportato d'urgenza all'ospedale S.Paolo. Un triste episodio che deve farci ragionare sull'importanza della pari dignità dei lavoratori soprattutto in un momento critico come questo" concludono dalla sezione trasporti del sindacato confederale.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium