/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 31 agosto 2020, 13:57

Autisti aggrediti sugli autobus Tpl, vertice in Prefettura: previsto un tavolo tecnico tra l’azienda e le forze dell’ordine (FOTO E VIDEO)

Per la sicurezza degli autisti sarà attiva a breve una app con la quale potranno contattare direttamente le forze dell’ordine e il 118 e entro la fine dell’anno tutti i mezzi saranno dotati di protezioni e telecamere

Autisti aggrediti sugli autobus Tpl, vertice in Prefettura: previsto un tavolo tecnico tra l’azienda e le forze dell’ordine (FOTO E VIDEO)

Un tavolo tecnico tra la Tpl, le forze dell’ordine e gli enti locali coordinati dalla Prefettura. Questa la sostanziale novità dopo la riunione di questa mattina nel Palazzo del Governo di Savona che vedeva al centro della discussione le ultime aggressioni subite dagli autisti a Finale Ligure sui mezzi di trasporto pubblico.

I sindacati da sabato scorso hanno proclamato lo sciopero fino alle 2.30 di oggi delle linee 40 e 40/, da lì la riunione per trovare una quadra sulla criticità, alla quale hanno partecipato il Prefetto Antonio Cananà, il vice prefetto Salvatore Mottola, il Questore Giannina Roatta, i rappresentanti delle forze dell’ordine e i segretari e rsu di Cgil, Cisl, Uil e Faisa.

L’azienda ha descritto le azioni che stiamo già facendo per garantire la sicurezza sul posto di lavoro: stiamo dotando tutti i mezzi delle paratie di protezione necessarie per proteggere l’autista e abbiamo le operazioni di verifica e di presidio da parte di guardie giurate specializzate (al momento 3 sul territorio)” spiega la presidente di Tpl Simona Sacone.

Non risulta sempre sufficiente a evitare questi episodi di aggressione che generano in noi grande dispiacere e rammarico per non essere riusciti ad avere un luogo sicuro per i nostri dipendenti. Quello che abbiamo richiesto è un’operazione congiunta con le forze dell’ordine per riuscire ad avere un loro ulteriore presidio sui mezzi. Bisogna che l’utenza sia preservata, però deve  anche sapere che il mezzo è un mezzo dove bisogna comportarsi in una maniera sicura” ha proseguito Sacone.

Si deve venire a creare una vera e propria mappatura dei casi con un rafforzamento dei presidi di polizia e su questo abbiamo trovato disponibilità da parte del Questore - spiegano Fabrizio Castellani (Filt Cgil), Giuseppe Gulli (Uiltrasporti), Davide Baccino (Fit Cisl) e Ermanno Chiapparo (Faisa Cisal) - alcune situazione imprevedibili sono difficili da risolvere ma possono essere evitate. Noi abbiamo riscontrato 7 episodi nel quale sono intervenute le forze dell’ordine e le ambulanze, ma sono molti di più quelli che non sono stati segnalati”.

Per la sicurezza degli autisti sarà attiva a breve una app con la quale potranno contattare direttamente le forze dell’ordine e il 118 e entro la fine dell’anno tutti i mezzi saranno dotati di protezioni e telecamere.

Al centro anche della preoccupazione dei sindacati l’inizio delle scuole il 14 settembre e l’evasione. L’azienda infatti è in contatto diretto con i dirigenti scolastici delle tre aree e nelle prime settimane saranno in vigore gli orari provvisori. Sull’evasione ritorneranno a breve le verifiche e le vendite dei biglietti a bordo, stoppati dall’emergenza Coronavirus

Stanno facendo dei vertici con gli istituti scolastici, abbiamo il timore che possa sfociare ulteriormente la problematica legata alla sicurezza, i lavoratori chiedono di lavorare in modo sereno senza essere picchiati, è un diritto legittimo che debba essere garantita non solo per gli autisti ma anche per i cittadini trasportati” spiega Giuseppe Gulli, Uiltrasporti.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium