/ Eventi

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | 05 novembre 2013, 10:33

Albenga, domenica al via rassegna di danze popolari con "Bala' in Riva a U Ma'"

Appuntamento alle 16,30 nel Salone Opere Parrocchiali a Campochiesa

Albenga, domenica al via rassegna di danze popolari con "Bala' in Riva a U Ma'"

E' una realtà: le danze popolari della tradizione sono diventate di moda. Tra queste l'occitano che, fino qualche anno fa, si ballava soltanto in Piemonte, nelle vallate del cuneese. Queste danze sono l'espressione della storia e della cultura del popolo dell'Occitania, la cui parlata è la lingua d'OC, la lingua dei trovatori. Territorio che si estende dai Pirenei alle Alpi e comprende tutto il sud della Francia, la Valle di Aran in Spagna e 16 vallate piemontesi. Attraverso il tempo si sono tramandate musiche e coreografie e con esse, storie e leggende. Ridar vita adesso a queste antiche tradizioni, non è soltanto una moda, ma un riscoprire il piacere di socializzare, condividere emozioni e vivere momenti in cui si dimenticano problemi e stress. 
BALA’ IN RIVA A U MA’  promuove queste danze con feste in piazza e serate nelle sale.
Domenica 10 novembre alle ore 16,30 al Salone Opere Parrocchiali, Regione Rapalline a Campochiesa di Albenga, ci sarà una bella festa con ingresso libero per far conoscere le danze folk occitane ed internazionali, poi per chi vorrà entrare nel vivace e numeroso mondo dei ballerini sarà organizzato un corso base di balli folk e occitani condotto da Sara Santi.  
Inoltre, lunedì 11 novembre, iniziano per l'Unitre di Borghetto al Salone delle feste, i corsi di avvicinamento, a cadenza settimanale, il lunedì dalle 17 alle 19 per 13 appuntamenti.  
Ma non solo occitano, il  24 novembre alle ore 17, sempre al Salone delle Feste di Borghetto, ci sarà il primo stage di danze internazionali. Balli facili, di matrice francese, irlandese, greca israeliana... Fa sempre piacere trovarsi in viaggio e poter partecipare, con una danza o due, ad una festa locale. Magari non si conosce la lingua, ma la musica e la danza non hanno bisogno di parole, è il linguaggio universale che ci accomuna tutti.  Uno sguardo, un sorriso, una stretta di mano e ci si comprende a meraviglia.  La serata del 24 novembre alle ore 21,30 sarà conclusa da balli occitani con il gruppo musicale Destartavelà.

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium