/ Curiosità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Curiosità | 21 novembre 2015, 14:30

Poesie affisse per le vie di Finale: intervista in esclusiva all'autore Andrea Masiero

Il giovane, in arte Ma Rea oppure Stendiversomio, è stato nella cittadina ad agosto, dove ha messo in atto questa performance

Poesie affisse per le vie di Finale: intervista in esclusiva all'autore Andrea Masiero

Andrea Masiero, in arte Ma Rea oppure Stendiversomio: è lui l’autore delle poesie affisse per le vie di Finale Ligure. Savonanews giovedì aveva pubblicato i versi trascritti su un foglio plastificato che qualcuno aveva appeso ad un palo di via Andrea Silla. L’articolo aveva suscitato molti commenti tra i finalesi, che si chiedevano chi potesse essere il misterioso letterato.

Grazie all’aiuto di un lettore siamo riusciti a parlare al telefono con Andrea Masiero, autore errante dei versi. Nel corso di questi anni il ragazzo, originario di Ferrara, ha invaso con le sue poesie venticinque città, tra cui appunto Finale Ligure.

“Fino al 20 marzo scorso, spiega Andrea al telefono, sono rimasto un po’ nascosto, poi in occasione della mia laurea sono uscito allo scoperto. Io ho due pseudonimi, Ma Rea e Stendiversomio. Il primo è formato dalla fusione delle iniziali del mio nome e cognome. Un po’ più complesso la storia del secondo, che nasce dall’unione di stendibiancheria e la parola “versuro”, che vuol dire aratro”

“Quest’ultimo soprannome, prosegue il giovane, indica la mia modalità di operare, con questo strumento sollevo le zolle della mia psiche ed assemblo le cose. Quando sono asciutte le metto fuori ad asciugare: stendiversomio è la regia, mentre Ma Rea l’esecutore, in una sorta di gioco tra attore e regista”.

Andrea è stato a Finale Ligure in occasione di “The Epic Raindogs Poetry Night”, che si è svolta alla Fortezza di Castelfranco lo scorso agosto. Una giornata dedicato alla poesia, organizzato da Matisklo.

In occasione dell’evento ha quindi deciso di fare una delle sue performance e “invadere” pacificamente la città con i suoi versi, come il cartello appeso in via Silla, che hanno incantato i finalesi.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium