/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 09 marzo 2020, 21:50

Emergenza Coronavirus: tutta Italia in 'zona rossa': Conte "#iostoacasa", scuole chiuse fino al 3 aprile

Misure stringenti del Governo. Ci si potrà spostare sul territorio nazionale solo per lavoro e gravi necessità. Vietate aggregazioni nei locali pubblici, ma no stop ai trasporti locali

Emergenza Coronavirus: tutta Italia in 'zona rossa': Conte "#iostoacasa", scuole chiuse fino al 3 aprile

Misure stringenti del Governo per contenere il contagio da coronavirus. Non ci sarà più una zona rossa, tutta Italia verrà uniformata nelle misure di contrasto. Lo ha annunciato pochi minuti fa il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. "Siamo ben consapevoli di quanto sia difficile cambiare le nostre abitudini, capisco le famiglie, i giovani ma tempo non ce n'è.  Ce lo fa dire il numeri crescenti dei contagi, dei deceduti, dei ricoverati e dei ricoverati in terapia intensiva. Le nostre abitudini vanno cambiate e vanno cambiate ora. Per il bene dell'Italia, per i nostri cari, per i nostri genitori, dei nostri nonni. Lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo se tutti collaboreremo. Misure ancore più forti e stringenti per contenere- ha spiegato il premier-  l'avanzata del coronavirus. La salute pubblica non può essere messa a repentaglio. Per questo sto per firmare un provvedimento dal nome 'ioresto a casa'. Non ci sarà più una zona rossa, zona uno o zona due della penisola. Ci sarà l'Italia. Ci si potrà spostare solo per tre ragioni ossia comprovate ragioni di lavoro, casi di seria necessità o motivi di salute".

Il presidente Conte ha quindi proceduto al "divieto assembramento all'aperto in locali aperti al pubblico. Non ci possiamo più permettere occasioni di aggregazioni che diventano occasioni di contagio. Sono consapevole della gravità, ma devo intervenire in modo più deciso per proteggere tutti noi e le persone più fragili e vulnerabili. Oggi è il momento della responsabilità. Non possiamo abbassare la guardia. Nel prendere queste misure dobbiamo pensare anche ai tanti medici e infermieri che stanno lavorando per contenere l'emergenze. Il futuro è nelle nostre mani. Ognuno deve fare la propria parte".

Chiuse le palestre e annullate le manifestazioni sportive, ma al momento nessun blocco dei trasporti pubblici locali.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium