/ Sanità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sanità | 27 marzo 2020, 17:30

Spostamento punto nascite del Santa Corona, De Vincenzi: "Leggo incredulo la notizia e attendo la smentita in tempi brevi"

"Onestamente voglio pensare che non sia vero perché diversamente sarebbe una cosa a dir poco senza commento"

Spostamento punto nascite del Santa Corona, De Vincenzi: "Leggo incredulo la notizia e attendo la smentita in tempi brevi"

"Leggo la notizia che l’ASL 2 avrebbe deciso di spostare, già da metà aprile, il reparto di ostetricia e punto nascite dall’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure al San Paolo di Savona. Confidando nelle assicurazioni che mi sono state date solo poche ore fa, esercito il beneficio del dubbio e attendo dall’ASL 2 una smentita in tempi brevi". Così Luigi De Vincenzi, sindaco di Pietra Ligure.

"Onestamente voglio pensare che non sia vero perché diversamente sarebbe una cosa a dir poco senza commento - continua il primo cittadino - Spostare il punto nascite dal Santa Corona al San Paolo in fin dei conti solo perché mancano i pediatri, e magari sfruttare la tragica emergenza del Covid–19 e appigliarsi a piani di riordino ministeriali, ha dell’inverosimile. Sarebbe una decisione gravissima che oltre a minare profondamente la sussistenza del DEA di II livello, essendone il punto nascite elemento indispensabile, lascerebbe pesantemente sguarnito tutto il territorio da Imperia a Savona, entroterra compreso. Per come è conformata la Liguria e per come sono messe le sue infrastrutture equivale a privare di un presidio sanitario più che fondamentale una grande fetta di popolazione, con tutto ciò che ne consegue"

"Di questa eventualità se ne va parlando ormai da troppo tempo e da troppo tempo cresce la preoccupazione nella gente e negli operatori sanitari nei confronti di questa ipotesi che sarebbe giustamente vissuta come il più grave dei tanti depotenziamenti e depauperamenti che il Santa Corona ha subito negli ultimi anni e mi auguro vivamente che la notizia di oggi venga prontamente smentita  - conclude De Vincenzi – E non si dica che sarebbe una cosa provvisoria perché, come ben si sa, in Italia niente è più definitivo delle cose provvisorie".

Comunicato Stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium