/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 08 luglio 2020, 10:24

PPI di Cairo attivato come ambulatorio per i codici bianchi, Pasa (Cgil): "L'ennesima presa in giro. Vergogna"

"E’ uno scandalo che da 5 anni a questa parte non si sia provveduto a una programmazione adeguata nel comparto sanitario da parte della Regione"

PPI di Cairo attivato come ambulatorio per i codici bianchi, Pasa (Cgil): "L'ennesima presa in giro. Vergogna"

"Privatizzazione degli ospedali di Cairo Montenotte e Albenga. La decisione della Regione Liguria di attivare da lunedì 13 luglio all'ospedale San Giuseppe di Cairo un ambulatorio di prima accoglienza, dove si cureranno i codici bianchi per 12 ore al giorno è l'ennesima presa in giro. Vergogna, vergogna e ancora vergogna". Questo l'attacco di Andrea Pasa, segretario generale Cgil Savona.

"E’ uno scandalo che da 5 anni a questa parte non si sia provveduto a una programmazione adeguata nel comparto sanitario da parte della Regione Liguria. Il personale sanitario che lavora nei due ospedali merita rispetto. Negli ultimi cinque anni l'amministrazione regionale ha fatto solo disastri nella Sanità Ligure e soprattutto savonese, già drammaticamente fragile dopo i tanti troppi tagli del passato". 

"L'amministrazione regionale volta le spalle a migliaia di cittadini e a tutta la Val Bormida e al ponente savonese. Solo pochi giorni fa in occasione dell'audizione in commissione regionale  Alisa, Asl e Regione Liguria si erano impegnati con Cgil, Cisl e Uil, le lavoratrici e i lavoratori dell'ospedale di Cairo Montenotte e i sindaci del comprensorio di convocare un incontro apposito per discutere del futuro degli ospedali di Cairo e Albenga e delle riattivazione dei servizi". 

Niente di tutto questo è accaduto. L'assessore regionale alla sanità si nasconde e non mantiene gli impegni sulle riaperture dei reparti dei due ospedali. Ancora una volta la Regione Liguria prende in giro istituzioni locali, cittadini, lavoratori e organizzazioni sindacali. È necessario che tutte le amministrazioni comunali dei due comprensori socio sanitario, Val Bormida e albenganese, alzino la voce, indipendentemente dall'appartenenza politiche".

"La regione Liguria fino ad ora non ha minimamente tenuto conto della volontà del territorio. La nostra provincia non vuole nessuna ulteriore privatizzazione in sanità. I due ospedali devono essere potenziati - come il resto dei nosocomi savonesi - tutti i lavoratori devono ritornare a lavorare a Cairo, si devono riattivare tutti i servizi pre Covid  e prevedere ulteriori investimenti del pubblico per garantire la salute a tutti i cittadini". 

"Basta chiacchiere. Basta promesse non mantenute. Basta prendere in giro i cittadini le istituzioni locali e i lavoratori - conclude Pasa - Il pubblico può e deve funzionare. Quando non funzione è perché è gestito da incompetenti e dilettanti". 

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium