Leggi tutte le notizie di DICA 33 ›

Il Salvadente | 01 novembre 2020, 09:56

Come potete aiutarci a mantenervi sani (curarvi in sicurezza dipende anche da voi)

Da parte di noi dentisti, la sensibilità a combattere le infezioni, è oramai una realtà consolidata

Come potete aiutarci a mantenervi sani (curarvi in sicurezza dipende anche da voi)

Cari Lettori, questa volta parleremo di come salvare i denti, ma anche il resto del corpo che li porta a spasso…

Anche oggi i notiziari segnalano un gran numero di persone positive al Corona virus, quindi è dovere di ciascuno di noi fare del proprio meglio per contrastare la diffusione del contagio, senza che questo ci costringa a trascurare altri aspetti della nostra salute.

Da parte di noi dentisti, la sensibilità a combattere le infezioni, è oramai una realtà consolidata: siamo, tra le categorie di medici che lavorano in libera professione, quelli generalmente più attrezzati quanto a dispositivi di sterilizzazione dello strumentario; era già nostra routine l’applicazione di misure per combattere la diffusione delle infezioni, a tutela dei pazienti e di noi operatori (ho acquistato la mia prima autoclave insieme alla mia prima poltrona da dentista quando, nel 1990, ho aperto i mio studio) ed anche in questo caso, siamo in grado di offrire un buon livello di sicurezza.

Si aggiunga che, in questo periodo, applicando i suggerimenti del Ministero della Salute, abbiamo implementato i nostri protocolli operativi per ridurre le occasioni di contagio anche al di fuori delle zone operative (cioè della sala con la “poltrona del dentista”), applicando la seguente strategia:

  • Distanziare gli appuntamenti affinché i pazienti non debbano condividere la sala di attesa
  • Eliminare le riviste e gli oggetti non facilmente igienizzabili anche nelle zone non operative
  • Far indossare le soprascarpe a chiunque acceda allo studio
  • Riporre gli oggetti personali e gli indumenti dei pazienti in sacchetti monouso che riconsegniamo a fine seduta
  • Misurare la temperatura a tutti prima di farli accedere alla struttura

 

Tutto questo viene preceduto dal nostro screening telefonico in cui si chiede ai pazienti segnalarci se loro, o le persone con cui sono a contatto, presentino sintomi riconducibili alla malattia ed è proprio in questa occasione che voi potete fornire un grandissimo aiuto: so che, a forza di sentirle, certe domande diventano noiose e può venire naturale rispondere “automaticamente” che “va tutto bene”. È invece indispensabile che rispondiate con la massima sincerità, ponendo attenzione a tutto ciò che viene chiesto. Se poi c’è qualche situazione sulla quale nutrite dei dubbi, è importante che ce la segnaliate, faremo il possibile per darvi i giusti consigli.

“Ma cosa devo controllare prima di confermare il mio appuntamento dal dentista per il giorno dopo?” direte voi… semplice: poche cose facilmente controllabili da chiunque: se anche una sola di queste si verifica, chiedete di rinviare il vostro appuntamento fino a situazione normalizzata

 

  • Avete febbre superiore a 37,5?
  • Avete difficoltà a percepire gli odori e/o i sapori?
  • Avete tosse secca?
  • Avete diarrea?
  • Avete congiuntivite?
  • Avete mal di gola?
  • Vi sentite stanchi?
  • Avete indolenzimento con dolore ai muscoli?
  • Qualcuno della vostra famiglia, dei vostri colleghi di lavoro, dei compagni di scuola dei vostri figli è risultato positivo al virus?

Se vi riconoscete, in una o più di queste situazioni, non agitatevi: in questa stagione i sintomi potrebbero essere portati da “normale” influenza. Non arrischiatevi però ad avvicinare altre persone fino a che la situazione non sia stata chiarita, possibilmente con l’aiuto del vostro medico di famiglia. Un comportamento imprudente potrebbe portare molte persone a pagarne le conseguenze, mentre poche attenzioni da parte di tutti possono dare un contributo fondamentale per arginare l’epidemia.

 

Se avete altre domande scrivetemi a dottore@attiliovenerucci.it , risponderò privatamente e, se l’argomento sarà di interesse generale, potrà essere il tema di un prossimo Salvadente

Buona domenica!

 

Dr. Attilio Venerucci

Prof. A contratto c/o

Master in Laser Dentistry

Università degli Studi di Genova

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium