/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 30 novembre 2020, 14:30

In Consiglio Provinciale straordinario la discussione relativa alla qualità dell'aria nel comune di Cairo e comuni confinanti

Il presidente Olivieri: "Stiamo seguendo il Piano Regionale e siamo in contatto con ARPAL per ottimizzare gli interventi"

In Consiglio Provinciale straordinario la discussione relativa alla qualità dell'aria nel comune di Cairo e comuni confinanti

Si è tenuto questa mattina il Consiglio Provinciale in seduta straordinaria e pubblica convocato su richiesta del Gruppo PD Partito Democratico della lista "Savona Uniti per la Provincia": all'ordine del giorno la "Qualità dell'aria riguardo ai valori di presenza di Benzene e Benzo(a)pirene registrati nel comune di Cairo Montenotte e Comuni confinanti dal mese di gennaio 2020 a ottobre 2020". La convocazione di oggi è stata concordata direttamente durante la seduta del Consiglio del 20 novembre scorso per accelerare i tempi.

Provincia di Savona, Regione Liguria e comune di Cairo Montenotte, insieme ad ARPAL e Asl, hanno intensificato e continuano l'attività di mitoraggio e le iniziative per quanto di competenza, in attesa anche della sentenza da parte del Consiglio di Stato di Roma relativamente alla questione Italiana Coke.

Il 26 novembre scorso, infatti, c'è stata la discussione in Consiglio di Stato a Roma dell'appello della Provincia di Savona (e altri Enti) avverso la sentenza del TAR con riferimento al ricorso Italiana Coke. L'appello è stato trattenuto in decisione da parte del Collegio e la Provincia di Savona, unitamente e in completa sinergia con il comune di Cairo Montenotte e la Regione Liguria, sta continuando a lavorare alla relativa questione ambientale.

Durante il Consiglio di oggi, è stata esposta la sintesi relativa alla qualità dell'aria della Valbormida. ARPAL ha rilevato uno scostamento dei valori presso le centraline esistenti (i dati sono accessibili sul sito della Regione Liguria "Ambiente in Liguria") che definisce un peggioramento dei dati rispetto agli anni precedenti senza però configurare un reale superamento dei limiti di legge. Gli Enti competenti si sono comunque attivati chiedendo approfondimenti ad ARPAL per verificare la possibile causa dello scostamento di valori.

La stretta sinergia tra Enti, ai fini del costante monitoraggio e verifica dei dati, ha portato l'attivazione da parte di Regione Liguria del "Comitato piano azione ValBormida" che ha portato, lo scorso ottobre, alla emissione di un Piano d'Azione Regionale.

A seguito di una ampia discussione in Consiglio questa mattina è stata concorde la decisione di aggiornarsi per la stesura di ordine del giorno condiviso da portare a prossimo Consiglio Provinciale per impegnare Presidente e Provincia a proseguire nelle attività e a richiedere impegni e richieste concrete agli altri Enti.

Commenta il presidente della Provincia di Savona Avvocato Pierangelo Olivieri: "A seguito della richiesta da parte della Minoranza la Presidenza della Provincia ha convocato il Consiglio nella prima data utile in diretta durante la seduta del Consiglio precedente (20 novembre) concordando immediatamente per ottimizzare i tempi". 

"La questione riguarda una delle competenze fondamentali del Nostro Ente per la parte del Settore Ambientale, attività nella quale la struttura dell'Ente si applica con sistematicità in strutturale sinergia con Regione, ARPAL e ASL e per il fronte specifico territoriale con il comune di Cairo Montenotte. Sono tantissime le attività svolte come ricostruito dal 2018 e in particolare dal 2020 in poi. Una situazione particolare che ci ritroviamo per una serie di contenziosi pendenti, coordinati anche con il legale che ci segue abbiamo deciso come gestire con massima attenzione tutte le iniziative in questo periodo, siamo in costante contatto e ci muoviamo sulla base del nuovo Piano Regionale predisposto e siamo in contatto con ARPAL per ottimizzare una serie di interventi". 

"Sono sistematiche le richieste ai Soggetti operativi sul territorio e alle aziende e il contatto diretto con il comune di Cairo. La Presidenza si è confrontata varie volte e da ultimo in maniera particolare con il comune di Cairo per essere allineati su tutte le iniziative da assumere che consistono in una serie di sistematiche richieste ai soggetti monitorati e ispezioni, per quanto di competenza dell'ente, tenendo conto anche di quelle svolte per la parte Salute da Asl e per la parte Ambiente in sinergia con ARPAL e Comune di Cairo" prosegue. 

"La Provincia continuerà costantemente in questa maniera e ovviamente all'esito della sentenza che arriverà dal Consiglio di Stato, potremo attivare una serie di provvedimenti pieni - conclude - Alcuni indici di valori sono aumentati e sicuramente non è una dato positivo, stiamo cercando di intensificare tutti i monitoraggi nel contesto complessivo, le attività sono sistematiche di Provincia e ARPAL, (le rilevazioni sono di competenza di ARPAL) e un dato molto importante è la costituzione del Comitato fatto da Regione Liguria". 

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium