/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 09 marzo 2021, 17:17

Discoteche, lontana la ripresa mentre Silb propone il 'modello olandese'

Il presidente Fasciolo rilancia un protocollo attuato nei Paesi Bassi: "Laddove c'è la volontà di ripartire le soluzioni si sono trovate"

Discoteche, lontana la ripresa mentre Silb propone il 'modello olandese'

Mascherine, distanziamento, 'bolle' composte da venticinque persone a gruppo e misurazione della febbre, ma anche tamponi a sorpresa e un braccialetto per rilevare il numero di contatti avuti.

Non sarà l'emblema della socializzazione, come in epoche normali dovrebbe essere, ma la soluzione sperimentata in una discoteca di Amsterdam sembra essere un modello da rilanciare per lasciar intravedere uno spiraglio di ripartenza ai tanti locali fermi da ormai un anno. Esclusa una parentesi estiva.

"Questo protocollo è la dimostrazione che quando un Comitato Tecnico Scientifico conosce la materia accetta e propone soluzioni: da noi questo manca" tuona il presidente regionale del Silb, Fabrizio Fasciolo, in viaggio a Roma per portare ancora una volta le istanze degli imprenditori rappresentati, non solo liguri.

"Qui la sensazione è che il ballo sia inteso come un qualcosa di cui poter fare a meno, senza considerare che dietro ad una serata vi sono imprese e famiglie di migliaia di lavoratori - continua il presidente del sindacato dei locali da ballo - Nel mentre l'Olanda è riuscita a trovare una soluzione laddove la cercava, anche per numeri ben più alti dei nostri".

A preoccupare i titolari dei locali da ballo sono invece i numeri, anche in questo caso stimati come molto elevati, dei colleghi che non ripartiranno più, e dovrebbero essere un 30% circa. 

Nel mentre si attendono ristori per i quali non si hanno certezze, così come per il futuro: "Per l'estate le fasce a rischio saranno vaccinate, nonostante ciò non abbiamo ancora un'idea, una linea guida, di come e se si potrà ripartire. Abbiamo proposto l'utilizzo di sistemi, già utilizzati negli aeroporti, che possano distruggere i droplets emessi dal respiro, aspettiamo novità" conclude Fasciolo.

Mattia Pastorino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium