/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 06 aprile 2021, 11:34

L'anno scolastico volge al termine, ma per le famiglie degli studenti in DAD ancora nessun rimborso per gli abbonamenti ai mezzi pubblici

La determinazione dei rimborsi non spetta alle compagnie di trasporto pubblico (come Tpl Linea) ma alla Regione

L'anno scolastico volge al termine, ma per le famiglie degli studenti in DAD ancora nessun rimborso per gli abbonamenti ai mezzi pubblici

Ormai, ad aprile, si può dire che l’anno scolastico volge al termine. Un’altra annata non facile che, soprattutto per gli studenti delle scuole superiori, si è concretizzata in lunghi periodi di DAD (Didattica a Distanza).

Ma in tutto questo c’è una nota stonata per le famiglie, già penalizzate dalla crisi economica portata dal Coronavirus: infatti, al momento, per i loro studenti che sono rimasti a studiare più a casa che a scuola non è previsto alcun rimborso per gli abbonamenti dell’autobus.

Nel periodo di lockdown totale del 2020, infatti, tra le misure a sostegno delle famiglie era stata introdotta anche questa. E in molti davano per scontato che ciò si ripetesse anche nel 2021. Non necessariamente un rimborso totale, questo è ovvio, ma visto che i periodi a casa sono stati determinati da chiari e puntuali decreti, sarebbe bastato un rapido conteggio dei giorni di DAD e dei periodi in “zona arancione”, nei quali non si può lasciare il territorio comunale, per determinare un rimborso.

Anche la disamina sulle zone arancioni è importante: la Riviera Ligure, infatti, non è Milano, dove si possono percorrere in autobus anche decine di chilometri senza uscire dalla cinta urbana. La Liguria è fatta di tanti piccoli paeselli contigui, per cui non poter lasciare il comune di residenza significa, di fatto, non utilizzare i mezzi pubblici.

Ci racconta una mamma di Andora: “Ho chiesto informazioni direttamente agli uffici Tpl Linea. Il personale è stato chiaro, gentile e disponibile, ma mi ha spiegato che il titolo di viaggio è considerato un documento a valenza regionale per cui i decreti sul rimborso non spettano all’azienda, ma alla Regione Liguria. Gli uffici Tpl mi hanno anche spiegato di avere già presentato domanda per i rimborsi e di essere in attesa di risposta dalla Regione”.

A. Sg.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium