/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 29 aprile 2015, 16:00

Nove milioni di euro per l'occupazione giovanile in Regione da parte dell'UE

L’eurodeputato ligure Benifei ha contribuito in maniera decisiva alla rapida approvazione del provvedimento in qualità di relatore della proposta legislativa per il Gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo.

Nove milioni di euro per l'occupazione giovanile in Regione da parte dell'UE

Il Parlamento europeo ha approvato nella seduta plenaria di mercoledì 29 aprile l'aumento della quota di pre-finanziamento dell'Iniziativa a favore dell'Occupazione Giovanile (YEI) - una modifica al Fondo Sociale Europeo che permetterà di rendere disponibile da subito risorse pari a 1 miliardo di euro dal bilancio UE da destinare ai programmi rivolti ai giovani disoccupati. Si tratta di un aumento significativo (pari a circa 30 volte quanto originariamente stabilito dal Regolamento FSE) dei rimborsi anticipati (c.d. pre-finanziamento) che l'UE eroga agli Stati membri per l'esecuzione di tali progetti. Tale denaro viene dunque messo a disposizione degli Stati Membri dalla Commissione Europea immediatamente e in anticipo rispetto alla realizzazione effettiva dei progetti, per evitare problemi di liquidità.

Si tratta, dunque, di risorse subito disponibili in Italia; tali risorse aggiuntive verranno utilizzate per integrare la Garanzia Giovani e i programmi dedicati alla lotta alla disoccupazione giovanile.

Brando Benifei (PD), eurodeputato ligure, ha contribuito in maniera decisiva alla rapida approvazione del provvedimento in qualità di relatore della proposta legislativa per il Gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo.

In coordinamento col Ministero del Lavoro, in Liguria l´approvazione di questo provvedimento consentirà di avere 9 milioni di euro immediatamente disponibili con i rimborsi anticipati per i progetti destinati al lavoro giovanile, rispetto alla quota iniziale di poco più di 400mila euro. Dunque, un aumento consistente del denaro a disposizione della Liguria e dell`Italia, ottenuto grazie a un rapido lavoro parlamentare e, nel caso del relatore S&D Benifei, anche con un rapporto costante con la Rappresentanza Permanente del governo italiano a Bruxelles.

La situazione riguardo ai NEET in Liguria è grave come in molta parte d´Italia: nel 2013, i giovani liguri che non studiano o non lavorano d'età compresa tra i 15 e i 24 anni sono 23.084; rispetto al 2004 aumentano del 63,8% (pari a +8.987 unità). L´Iniziativa a favore dell`Occupazione giovanile in Liguria ha un potenziale bacino di utenza di 50 mila giovani. L'aumento della somma del pre-finanziamento servirà dunque a dare una scossa sostanziale all'avanzamento della Garanzia Giovani che, secondo gli ultimi dati distribuiti dal Ministero, non raggiunge le 10.000 adesioni individuali in tutta la Regione. Il ruolo degli Enti locali e il loro coordinamento con il Ministero del Lavoro saranno pertanto essenziali nei prossimi mesi, così com'è assolutamente fondamentale procedere a una sburocratizzazione del processo di adesione ai progetti per le imprese private e un investimento deciso in una campagna di promozione e pubblicizzazione della Garanzia Giovani in Liguria. 

Dettaglio Liguria

Risorse YEI destinate pari a 27,2 milioni di euro.

50 mila giovani tra i 15 e i 29 anni sono i potenziali destinatari di misure attivate nel campo della accoglienza, formazione, accompagnamento al lavoro, tirocini, servizio civile, autoimpiego, mobilità professionale e bonus occupazionali, nel dettaglio:

Accoglienza, presa in carico, orientamento: 1.816.000,00 euro

Formazione: 9.075.480,00 euro

Accompagnamento al lavoro: 3.934.700,00 euro

Tirocinio extra curriculare, anche in mobilità geografica: 5.025.350,00 euro

Servizio civile regionale: 501.500,00 euro

Sostegno all'auto-impiego e all'auto-imprenditorialità: 3.276.400,00 euro

Mobilità professionale transazionale e territoriale: 798.465,00 euro

Bonus occupazionale: 2.779.000,00 euro

La Regione ha anche un proprio Piano Giovani che, per alcune azioni, estende il limite di età fino ai 35 anni.

In Liguria, nel 2013, i Neet tra i 15 e i 24 anni sono 23.084; rispetto al 2004 aumentano del 63,8% (pari a +8.987 unità). È la variazione percentuale maggiore:

  • la classe 18-29, che nel 2013 conta 41.699 giovani, è aumentata del 54,3% (+14.676 unità);
  • quella 15-29, composta nel 2013 da 43.047 giovani, dal 2004 cresce del 52% (+14.722 unità),
  • infine, quella 15-34, nel 2013 di 61.483 persone, del 32,5% (+15.059 unità), unico valore distante dalla media del Nord ovest che per questa classe conta un aumento ben del 41%.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium