/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 15 marzo 2018, 15:14

UIL-Fpl: un congresso a Zuccarello per "affrontare uniti le grandi sfide di domani"

Oltre 100 partecipanti a questa riunione sindacale che coinvolgeva le segreterie di Savona e Imperia sotto l'unica bandiera del Ponente, per parlare di sanità e trasporti, di crisi occupazionale e di elezioni RSU

UIL-Fpl: un congresso a Zuccarello per "affrontare uniti le grandi sfide di domani"

Una straordinaria partecipazione di pubblico: oltre 100 presenti, tra delegati, iscritti e ospiti, un teatro “Quinzio Delfino” di Zuccarello gremitissimo, per il 5° convegno UIL-Fpl del Ponente Ligure, segreteria di questa sigla sindacale nata dalla fusione dei nuclei delle province di Imperia e di Savona.

Milena Speranza, oggi segretario del Ponente (e precedentemente di Imperia), nella sua relazione introduttiva, concisa ma efficace, che ha ricevuto il plauso di tutti i presenti e i complimenti dei vari relatori che si sono avvicendati, ha ben riassunto questi 14 anni, dal 2004 a oggi, da lei trascorsi in carica come segretario, tra sfide vinte e altre che arriveranno in futuro.

"Oggi qui ci sono circa cento delegati e tanti ospiti - ha affermato Milena Speranza, segretario generale UIL Fpl Ponente Ligure - il bilancio non posso che definirlo più che positivo. La presenza di tutti questi nostri lavoratori, che sono anche delegati, dà il senso di quello che stato il lavoro fatto dalla UIL Fpl in questi anni, non assolutamente da me sola: insieme a me c'è un gruppo che lavora, un gruppo che lavora dal 2005 e poi, dall'ultimo anno, ci siamo uniti al territorio di Savona. Un grande gruppo che lavora, una bella squadra che spero possa essere oggi stesso riconfermata. Le sfide di domani? Quelle che che ho già un po' determinato con la mia relazione: un lavoro onesto, un lavoro pulito, superare questo momento di lavoro malato, questo lavoro precario. Un'attenzione particolare ai servizi perché il pubblico impiego si occupa di servizi, come la sanità, importantissimi per il cittadino e un'attenzione maggiore a quella che dev'essere appunto l'attenzione che le istituzioni pubbliche e le parti politiche devono dare al cittadino lavoratore".

"Soprattutto nella mia categoria - ha concluso Milena Speranza - il principio è stato sempre quello di essere molto onesti e trasparenti con i lavoratori: non apprezziamo coloro che in questo momento vanno in giro per raccattare qualche voto alle prossime RSU e che appunto fanno una politica della menzogna. Noi non siamo per la politica della menzogna, ma siamo per portare la realtà tra i lavoratori e un po' di giustizia lavorativa e sociale".

Hanno partecipato: i Segretari territoriali Francesco Bertolo, Gianni Ferraris, Giuseppe Marziano, Riccardo Ronca, Giacomo (Mino) Vernazza, dal Segretario organizzativo Monica Laura e dal Tesoriere Mauro Boetto, il Segretario Generale della UIL di Genova e Liguria Mario Ghini, Il Segretario Generale della UIL FPL di Genova e Liguria Aldo Ragni, Il Segretario Generale della UIL Ponente Ligure Emanuele Guastavino, Il Segretario Generale della UIL di La Spezia Nadia Maggiani, i Segretari Regionali della UIL FPL Genova e Liguria Paola Profumo, Carlo Benvenuto e Graziella Librandi, il Segretario della UIL FPL di La Spezia Massimo Bagaglia ed i Segretari Territoriali della della UILTUCS, della UILTRASPORTI, della FENEALUIL, della UILM, della UILCEM, della UILCOM, della UILPA e della UILPENSIONATI.

Un continuo susseguirsi di interventi, tutti sintetici e mirati, ha visto avvicendarsi di fronte al palco esponenti di tutte le categorie della UIL, dalla sanità (uno degli argomenti-principe del congresso, ma non solo), ai trasporti (tema “caldissimo” in questi giorni), fino ai diritti dei pensionati.

Il tutto è stato ben sintetizzato da Emanuele Guastavino, segretario UIL del Ponente, che ha ricordato: “In questa fase di arretramento occupazione e di crisi economica, la nostra vera scommessa sarà porre la massima attenzione su tutte le categorie”. Guastavino ha poi ribadito che: “La nazione sta vivendo un vero e proprio attacco al welfare. Noi non siamo contrari in modo aprioristico al concetto di privatizzazione, a patto che essa si riveli un investimento mirato a un valore aggiunto, non un modo per far retrocedere tutti i diritti per i quali abbiamo lottato”.

Questi concetti sono alla base di quello che Mino Vernazza, segretario territoriale, ha descritto come “Un movimento sindacale basato su valori laici e riformisti. Noi, ricordiamocelo sempre, non siamo rivoluzionari, perché una rivoluzione porta con sé distruzione, dolore e ferite. Il mondo invece deve essere in continua evoluzione riformandosi”.

In merito al concetto di coesione, anche Franco Paparusso, di UILtrasporti, ha ricordato: “Io nasco come portuale ma grazie alla UIL ho scoperto tutto un mondo, fatto di categorie e di realtà diverse tra loro ma con tanti punti di contatto. Ed è su questo che dovremo puntare veramente in futuro: la massima unione tra le categorie”.

L’avvicendarsi degli interventi ha comunque offerto il giusto spazio per un minuto di silenzio in memoria di Francesco Prevosto, stimato, tra le tante cariche, anche come consigliere comunale di Sanremo, deceduto a gennaio a soli 66 anni (leggi QUI).

Il ciclo di interventi della mattinata è stato chiuso da Mauro Boetto, tesoriere UIL-Fpl del Ponente ma anche sindaco di Giustenice, che ha sottolineato l’importanza delle elezioni per le RSU del prossimo 17-19 aprile: “In mezzo a tanti venditori di fumo, noi conquisteremo la fiducia, non solo dei nostri iscritti, ma di tutti i lavoratori, dicendo chiaramente e senza segreti come stanno le cose”.

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium