/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 23 settembre 2018, 11:55

Arrestato dai carabinieri il piromane dei boschi di Spotorno e Noli

Nella notte è finito in manette M.S., 57enne residente a Noli, colto in flagranza di reato mentre tentava di allontanarsi dalla Pineta di Spotorno subito dopo aver attivato un innesco incendiario costruito artigianalmente.

L'incendio boschivo tra Spotorno e Noli dello scorso 13 settembre

L'incendio boschivo tra Spotorno e Noli dello scorso 13 settembre

Nella nottata odierna, i Carabinieri della Compagnia di Savona e del Gruppo Forestale di Savona hanno arrestato per aver commesso il reato di incendio boschivo, M.S., 57enne residente a Noli.

A conclusione di una complessa e articolata attività d’indagine I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Savona, coadiuvati dai colleghi delle Stazioni di Noli, Spotorno e Forestale di Vado Ligure, hanno predisposto un apposito servizio di osservazione cogliendo in flagranza di reato M.S. mentre tentava di allontanarsi dalla Pineta di Spotorno, subito dopo aver attivato un innesco incendiario costruito artigianalmente.

I militari hanno prontamente bloccato l’uomo e sono riusciti finalmente a dare un volto ed un nome all’autore dei numerosi incendi che hanno bersagliato le aree boschive di Spotorno e Noli nelle ultime settimane, confermando le risultanze investigative raccolte sino a quel momento.

L’attività d’indagine era partita dal primo evento segnalato, avvenuto in data 13 settembre, quando nel pomeriggio si erano propagate le fiamme nella Regione Groppino del Comune di Noli: da subito la presenza di più focolai aveva fatto intuire non potesse trattarsi di fatti accidentali. Si pensi che il solo giorno 13 sono stati contati otto diversi punti di innesco.

Nei giorni seguenti, in data 17, 19 e 20 settembre sono state colpite rispettivamente: la Pineta di Spotorno, la località Ganduglia di Noli e Via dei Pini a Spotorno. In ogni tentativo messo in atto dal piromane, è stato fondamentale la segnalazione tempestiva dei cittadini e l’immediata attivazione della macchina dei soccorsi, che ha permesso lo spegnimento delle fiamme evitando che le stesse si propagassero alla vegetazione fino alle vicine abitazioni.

L’allarme creato da questi incendi è stato massimo, infatti, la presenza di molteplici punti di innesco, la loro dislocazione in zone non facilmente accessibili, la vegetazione di conifere e la prossimità con l’abitato hanno motivato il consistente impiego di risorse di uomini e mezzi dei diversi reparti dell’Arma che hanno permesso dapprima di individuare il piromane e successivamente di assicurarlo alla giustizia.

Sulla parte investigativa c’è il massimo riserbo, ma fondamentale per la soluzione del complesso caso è stata proprio la fattiva collaborazione tra l’arma territoriale della compagnia di Savona e i carabinieri forestali del gruppo Savonese.

L’arrestato, in attesa di udienza di convalida, è stato accompagnato presso il carcere di Imperia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium