/ Economia

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Economia | 11 marzo 2019, 14:50

Liguria, arriva il "baratto amministrativo": "sconti" sui tributi in cambio di servizi di pubblica utilità

Spiega Giovanni De Paoli (Lega), promotore della legge: "Con questo strumento i residenti hanno quindi la possibilità di sgravarsi di un eventuale debito contratto con la propria amministrazione comunale"

Liguria, arriva il "baratto amministrativo": "sconti" sui tributi in cambio di servizi di pubblica utilità

In Liguria arriva il cosiddetto "baratto amministrativo". Che cos'è? Ce lo spiega nel dettaglio Giovanni De Paoli, presidente IV Commissione Territorio e Ambiente e consigliere regionale Lega Nord Liguria-Salvini.

Commenta De Paoli: “Dopo l’approvazione all’unanimità in commissione e consiglio regionale nel novembre scorso, la giunta ligure ha istituito l’Albo del Baratto amministrativo. Ora tutti i Comuni possono deliberare riduzioni o esenzioni (per un periodo limitato e definito) riferite a specifici tributi in cambio di lavori di pubblica utilità, dando così una mano ai cittadini in situazioni di bisogno. Con questo strumento i residenti hanno quindi la possibilità di sgravarsi del debito con l’amministrazione comunale”.

Giovanni De Paoli (Lega) nel novembre scorso aveva proposto la legge regionale sul cosiddetto Baratto amministrativo.

“Ringrazio – ha aggiunto De Paoli - la giunta Toti e in particolare l’assessore Stefano Mai per avere istituito in breve tempo l’apposito Albo previsto dalla legge.

Si tratta di un importante strumento per aiutare i liguri e il territorio, in base al quale i Comuni, creando un apposito regolamento, hanno il potere di definire i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi di manutenzione, decoro, recupero e riuso, ma anche iniziative culturali , contenuti in appositi progetti presentati da cittadini singoli o associati che abbiano un interesse generale.

Inoltre, costituisce una soluzione alla difficoltà economica di reperire fondi per la manutenzione sul territorio”.

La “Legge De Paoli” prevede che Regione Liguria conceda contributi ai Comuni che attuino il Baratto amministrativo.

“Il Comune aderente – ha sottolineato De Paoli - avrà solo una piccola serie di obblighi. Dalla redazione formale del progetto lavorativo per il contribuente interessato e di quello relativo allo scomputo delle imposte, al controllo del regolare svolgimento del lavoro, all’individuazione dei luoghi e delle mansioni di intervento sul territorio di competenza, al rispetto della relativa normativa lavoristica”.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium