/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 15 aprile 2019, 09:01

Albenga: riparte il progetto "Non uno meno". Il sindaco Cangiano: "Oltre ad Anffas saranno coinvolti anche i ragazzi dell'E.L.Fo." (VIDEO)

Cangiano: “Siamo riusciti, da un lato a dare una contribuzione ulteriore, e dall’altro a portar avanti questa idea che ora ripartirà in un modo forse ancora più bello".

Albenga: riparte il progetto "Non uno meno". Il sindaco Cangiano: "Oltre ad Anffas saranno coinvolti anche i ragazzi dell'E.L.Fo." (VIDEO)

La notizia della chiusura del chiosco nel parco Peter Pan di Albenga e gestito dall’Anffas attraverso il progetto “Non Uno Meno” aveva amareggiato molti.

Ne erano nate anche alcune polemiche (LEGGI QUI), seguite da precisazioni (LEGGI QUI): il Chiosco non aveva chiuso, ma si era preso un periodo di pausa.

Il timore, però, era che questa pausa potesse diventare eterna, soprattutto se fossero prevalse le “ragioni economiche” su quelle “sociali” (il chiosco, infatti, non aveva bilanci in attivo).

L’amministrazione Cangiano, tuttavia, ha da sempre creduto nel progetto “Non uno Meno”, proprio per questo si è adoperata per continualo ed anzi potenziarlo.

“Non uno meno”, lo ricordiamo, ha come scopo l’inclusione sociale,  e vuole dare una possibilità ai ragazzi con disabilità di acquisire competenze e autonomie, di sentirsi responsabilizzati e soddisfatti del loro lavoro, oltre a quello di essere impegnati in attività che, per alcuni aspetti possono essere decisamente più “aperte” rispetto a quelle che si svolgono nei centri diurni. Non solo, infatti fondamentale è anche l’effetto che questi progetti generano nella società, in realtà come il Parco Peter Pan, ad esempio, “Non uno meno” oltre a fornire un servizio permette ai bambini e non solo, di poter guardare alla disabilità in un modo diverso e più inclusivo.

Afferma il sindaco Giorgio Cangiano :Il progetto “Non Uno Meno” riparte! Siamo molto orgogliosi di questo e penso possa essere una grande soddisfazione per tutta la città. Da che l’Anffas gestisce questo bar e il Parco Peter Pan le cose sono molto migliorate. Il parco è pulito e tenuto bene e la gente ci va con grande soddisfazione.”

I motivi che avevano portato alla momentanea chiusura sono legati, come detto, in particolare alle difficoltà economiche.

Spiega Cangiano: “Il bar viene gestito direttamente dai ragazzi dell’Anffas con grande soddisfazione, è vero che hanno avuto un momento di difficoltà, il problema è che devono basarsi sui consumi. A tal proposito invito tutti, compresi noi - anche io vado ogni tanto ma potrei farlo più spesso - a partecipare, andare e consumare perché in questo modo si può dare loro una mano.”

L’importanza del progetto, fortunatamente ha prevalso. Il chiosco verrà riaperto ed il progetto ampliato.

Spiega il sindaco: “Siamo riusciti, da un lato a dare una contribuzione ulteriore, e dall’altro, ragionando con loro, a portar avanti questa idea che ora ripartirà in un modo forse ancora più bello. Diventerà, infatti, anche un laboratorio dove, oltre ai ragazzi dell’Anffas, ci saranno anche quelli dell’Elfo. Molte realtà diverse potranno intervenire per darsi una mano e tenere il parco sempre più bello e più pulito. Non solo – prosegue Cangiano – i ragazzi interverranno sulle panchine pitturandole e cureranno interventi di piccola manutenzione arricchendo il progetto”.

Conclude Cangiano: “Colgo l’occasione per dire che a breve sarà sostituito anche quel gioco che è rotto. Invito tutti, però, ad avere più senso civico e non danneggiare i beni comunali.”

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium