/ Cronaca

Cronaca | 14 giugno 2011, 07:12

Alle parole seguano i fatti. Il MODA al sindaco di Savona: chiudere i gruppi a carbone e metanizzare

Dalla nuova Giunta Berruti è evidente che dopo le promesse elettorali sulla "completa metanizzazione" della Centrale a carbone Tirreno Power, tra l'altro già votata all'unanimità dal Consiglio Comunale in data 31/07/2007, ci aspettiamo finalmente la risoluzione di questo grave e annoso problema con la centrale che causa più del 70% dell'inquinamento della città di Savona e relativo comprensorio (studi regione Liguria 2006) con gravi danni anche all'economia turistica della riviera ligure

Alle parole seguano i fatti. Il MODA al sindaco di Savona: chiudere i gruppi a carbone e metanizzare

D'altra parte almeno dal 2005 questa "centrale in città" funziona in violazione della normativa AIA italiana ed europea per gli obsoleti e inquinantissimi gruppi a carbone 3 e 4, (Direttive AIA IPPC- 2005 e Dlgl. 128/2010) ed oggi si accetta che i vecchi gruppi a carbone possano continuare a inquinare con emissioni inquinanti ben al di sopra dei limiti AIA come ammesso dalla Regione stessa e come riconosciuto anche dal Ministero dell’Ambiente.

Ci lascia sconcertati quindi come sia stato possibile che ben due Comuni di Vado L. e di Quiliano ed il Comune capoluogo di Provincia, Savona non siano ancora riusciti a chiudere questi gruppi come invece è avvenuto con la totale chiusura al carbone della centrale Enel di Porto Tolle e con la chiusura del gruppo non a norma AIA della centrale T. Power di Civitavecchia....tutto questo è un vero mistero!!!!! Ricordiamo inoltre il collasso occupazionale in centrale da 556 a 224 unità nel passaggio da Enel (1985) ai privati di T. Power (2006)....all'epoca nessuno e neppure certi Sindacati, che oggi invocano il potenziamento a carbone per una manciata di posti di lavoro, difendevano l'occupazione!

Ribadiamo ancora una volta l’unica posizione eticamente accettabile, votata dal Comune di Vado e Quiliano nel 1990, da molti Comuni e anche dalla Provincia di Savona nel 1995 e nel 1998 e sostenuta anche da Ordine dei Medici, ACLI, ARCI, ecc., nei confronti di un territorio che da più di 40 anni è stato massacrato dall’inquinamento del carbone con una stima di almeno 20 morti/anno e costi esterni dell'inquinamento da carbone di circa 140 milioni di euro/anno (stima Ue) è :

DEPOTENZIAMENTO E METANIZZAZIONE O ALMENO METANIZZARE COMPLETAMENTE LA CENTRALE T. POWER SOSTITUENDO GLI OBSOLETI VECCHI GRUPPI A CARBONE (CHE VANNO IMMEDIATAMENTE CHIUSI) CON MODERNI GRUPPI A METANO (CCGT) DI UGUALE POTENZA VISTO L’INGENTE INVESTIMENTO DI CIRCA 1 MILIARDO DI EURO CHE T. POWER PREVEDE DI SPENDERE PER L’IMPIANTO.

Savona, 13 Giugno 2011

Dr. Virginio Fadda e Dr. Agostino Torcello

MODA savona

Com Moda Savona

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium