/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 12 ottobre 2016, 14:30

Albenga verso l'acqua pubblica tra aumenti in bolletta e un debito da colmare con Ilce

Si è tenuta lo scorso 6 ottobre la commissione consiliare territorio e ambiente per parlare della formazione dell' Ambito Territoriale Ottimale Idrico Integrato, fissato un incontro con Ponente Acque per il prossimo 22 ottobre

Albenga verso l'acqua pubblica tra aumenti in bolletta e un debito da colmare con Ilce

Si è tenuta lo scorso 6 ottobre la commissione consiliare territorio e ambiente per parlare della formazione dell' Ambito Territoriale Ottimale Idrico Integrato.

La commissione è stata voluta e resa necessaria per la valutazione dell’adesione di Albenga a questa società consortile formata da Servizi Ambientali e Sca che gestirà il ciclo dell’acqua nell’ambito dell’Ato Savonese del Centro Ovest 3, cioè quello che va da Borgio Verezzi a Laigueglia.

Come ci aveva spiegato Alessandro Vignola, amministratore delegato di Ponente Acque, su tutto il comprensorio tra Laigueglia e Borgio Verezzi le uniche due società private sono la ILCE ad Albenga e la S. Lazzaro a Loano e, proprio ad Albenga, potrebbero sorgere i problemi consistenti relativi a tale adesione.

Il comune di Albenga, infatti, presenta un debito mai contestato nei confronti di ILCE che, nel 2009, ammontava a circa 8 milioni e 900 mila euro.

Afferma sul punto Camillo Enrile (ILCE) “Si tratta, come sappiamo, di un debito mai contestato negli ultimi 7 anni e se il comune deciderà di aderire a Ponente Acque dovranno comunque essere valutate delle soluzioni  per coprire tale somma”.

Oltre alla considerevole somma che il comune di Albenga dovrà corrispondere a Ilce, inoltre, anche altre le problematiche che potranno sorgere.

Spiega Manlio Boscaglia “Diverse le questioni che sono state trattate durante la riunione del 6 ottobre nella quale abbiamo fissato un incontro con Ponente Acque per il prossimo 21 ottobre nel quale valuteremo in maniera più approfondita e dettagliata i modi e i tempi affinché l’Ato inizi a funzionare”.

“Di certo non sarà una cosa semplice, ricordiamo che pende sull’Ato di ponente un ricordo al Tar, che c’è la legge Madia che impone dei limiti e delle difficoltà, che la rete idrica necessita di interventi importanti e che non c’è una cartografia della rete e che il passaggio comporterà un aumento delle tariffe”

Aveva già spiegato Vignola “I problemi da affrontare saranno tanti e la società dovrà sostenere forti investimenti. Il solo adeguamento dell’impianto di depurazione costerà oltre 20 milioni oltre agli interventi agli impianti in molti casi datati e carenti. – inoltre spiega - Fino ad oggi i vari Comuni hanno fatto pagare una bollettazione eccessivamente esigua, a fronte però di un mancato aggiornamento della rete. Risultato? Oggi quasi nessun acquedotto cittadino è a norma. Dovremo fare un piano trentennale di riforma di tutti gli impianti e questo graverà sulle tasche della gente: oggi nel nostro comprensorio abbiamo dei costi medi inferiori a 1 euro al metro cubo, a fronte di una media nazionale tra 2 euro e 2,50. Quindi le tariffe dovranno più che raddoppiare”.

Mara Cacace

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium