/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 29 giugno 2020, 12:10

Vandalismo sulle spiagge libere di Spotorno: divelti gli stalli alla francese

L'episodio si è verificato nella notte. La dura e amara condanna del sindaco Fiorini: "Il rammarico è forte, atti come questo sono una profonda mancanza di rispetto pure verso se stessi"

Vandalismo sulle spiagge libere di Spotorno: divelti gli stalli alla francese

Un'amara scoperta ha dato il buongiorno al lunedì di Spotorno, dove alcuni vandali nella notte hanno devastato gli "stalli alla francese" presenti nelle spiagge libere spotornesi per permettere ai fruitori dei tratti di litorale pubblici di potersi godere una giornata al mare nel pieno rispetto delle distanze utile a contrastare il diffondersi dell'epidemia da Covid19.

Lo scenario presentatosi agli occhi dei primi avventori è stato desolante, con un groviglio di corde e paletti che ha preso il posto di un'ordinata, e apprezzata dagli avventori, organizzazione dell'arenile.

"Il danno economico è molto contenuto - ha commentato dopo il sopralluogo il sindaco Mattia Fiorini -, ciò che ci lascia profondamente amareggiati è il gesto in quanto tale. Una mancanza di rispetto totale verso la comunità, dopo gli sforzi compiuti dall'amministrazione ben conscia dell'importanza che hanno in questa fase le risorse da destinare a questo genere di gestione".

"Se danneggi un qualcosa di cui molto probabilmente hai usufruito nei giorni precedenti non hai rispetto per te stesso né per gli sforzi fatti per rendere fruibile un servizio come l'accesso alla spiaggia" attacca il primo cittadino rivolgendosi agli autori dell'irrispettoso gesto. 

I vigili urbani intanto hanno avviato le indagini per risalire ai colpevoli, acquisendo le immagini delle telecamere di sorveglianza. Intanto da luglio si intensificheranno i controlli di giorno, un'eventualità non prevista nottetempo. 

"L'alternativa sarebbe chiudere le spiagge - aggiunge il primo cittadino -. Si tratta di un atto di vandalismo profondamente stupido e assurdo. In questo mi unisco alle parole del collega Arboscello che nei giorni scorsi ha denunciato fatti simili: ci vuole più rispetto per il bene pubblico" conclude Fiorini.

Mattia Pastorino

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium