/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 09 settembre 2020, 08:50

Seconda ondata di Covid-19. Arboscello (Pd): "Vaccini e ausilio delle farmacie ai medici di famiglia gli strumenti per evitarla"

Secondo il candidato dem alle prossime regionali "Regione Liguria non può farsi trovare impreparata all'autunno"

Seconda ondata di Covid-19. Arboscello (Pd): "Vaccini e ausilio delle farmacie ai medici di famiglia gli strumenti per evitarla"

"Regione Liguria non può e non deve farsi trovare impreparata al prossimo periodo autunnale". Questo è l'augurio, e al tempo stesso il monito, che il candidato alla carica di consigliere regionale per il PD, Roberto Arboscello, lancia osservando l'aumento rispetto ai mesi scorsi dei nuovi casi da Covid-19.

"Tutti noi ci auguriamo di non trovarci nuovamente di fronte a una situazione di emergenza - continua -, questo è l'auspicio, però occorre prevenire con tutte le misure possibile. La Liguria deve farsi trovare pronta a eventuali nuove criticità".

Duplice quindi la soluzione proposta da Arboscello, entrambe riguardanti la prevenzione e il controllo capillare del territorio dal punto di vista dei medici di base: "I temi fondamentalmente sono due. Il primo è quello sollevato da Federfarma, perché Regione Liguria non può farsi trovare impreparata come disponibilità di vaccini antinfluenzali. La patologia influenzale andrà a sovrapporsi a quella da Covid-19 e quindi sarà importante coprire la maggior parte dei cittadini, soprattutto le categorie a rischio con un vaccino che non può e non deve mancare nelle farmacie".

"Il secondo tema è quello di utilizzare le farmacie stesse come presidio territoriale - prosegue il candidato al fianco di Ferruccio Sansa - a supporto dei medici di famiglia. La normativa attuale non consente l'utilizzo dei locali delle farmacie da parte dei medici di famiglia: una norma transitoria, visto anche il periodo di emergenza, aiuterebbe in questo senso. Le farmacie essendo distribuite capillarmente sul territorio potrebbero mettere a disposizione i propri locali sia per l'effettuazione dei vaccini che dei test sierologici".

"Questi due strumenti sono fondamentali per la prevenzione di una nuova ondata di epidemia da coronavirus. Non entro nel merito delle decisioni dei medici di famiglia, ma dico che questi devono essere messi nelle condizioni di poter operare al meglio e su questo mi batto da tempo. Nella scorsa ondata sono stati lasciati soli a fronteggiare l'emergenza sul territorio, per questo la proposta delle farmacie deve andare nella direzione di agevolarli" conclude il candidato dem. 

Cpe

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium