/ Solidarietà

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Solidarietà | 25 gennaio 2021, 15:00

"Non esistono giustificazioni per la Shoah". Il sindaco di Cosseria Molinaro ricorda la Giornata della Memoria

Il primo cittadino: "Non fu un sacrificio voluto, non va dimenticato e non va tenuto nascosto"

"Non esistono giustificazioni per la Shoah". Il sindaco di Cosseria Molinaro ricorda la Giornata della Memoria

“Quando si commemora una strage perpetrata per anni contro una razza, un popolo, un'etnia, il silenzio è l'azione che più si desidera per poter donare pace alle povere vittime uccise dalla follia umana”.

Questa la lettera inviata dal sindaco di Cosseria Roberto Molinaro in merito alla celebrazione del Giorno della Memoria. “Parlarne successivamente rischia di sovrapporsi ad altre date che ricordano altre stragi, con modalità e numeri differenti ma pur sempre efferate. A volte per lenire il senso di disagio e angoscia si può andare alla ricerca di una qualsiasi piccola colpa da poter addossare alle vittime quasi a tentare di trovare una "giustificazione". No, non vi sono giustificazioni”.

“Possono essere tacciati di aver fatto uccidere il nostro Messia Cristiano, che per secoli si sono sostituiti agli istituti di credito nel prestare denaro oppure erano diventati commercianti odiosi e ricchi ma non è affatto così. Se si sono adoperati nel commercio e nella finanza questo è dovuto a due cause: come per i musulmani anche ai cristiani era vietato guadagnare sul denaro, in secondo luogo molte attività erano proibite agli ebrei per cui si sono ingegnati in nuove attività non contemplate dai divieti medievali”.

“Questa Shoah e non olocausto perchè non è stato un sacrificio voluto, ma subito non va dimenticato e non va tenuto nascosto. Sono stati uccisi neonati, bambini, ammalati, donne, anziani e uomini. Costretti a lavori inumani, sono stati uccisi zingari, razze definite impure, oppositori politici e persone con disabilità fisiche e mentali e persone omosessuali”. Trattare questi argomenti divide tutt'ora: se io ricordo le vittime dei campi nazisti, e non ricordo le persone infoibate, o i condannati nei gulag sovietici, o le stragi in Cambogia o in Centro e Sudamerica o le nostre stragi avvenute in Italia, spesso veniamo identificati come appartenenti ad un orientamento politico. Tutte le stragi e tutti i dittatori sono da condannare sempre. Molte stragi avvenute in Italia a distanza di decenni non hanno ancora un nome di chi le abbia organizzate”.

"Ritornando agli anni '30 e soprattutto con l'inizio della Seconda Guerra Mondiale, gli aerei spia o di ricognizione angloamericani avevano la possibilità di scattare foto delle linee nemiche e anche dei campi di sterminio; le linee ferroviarie ferroviarie sulle quali passavano i treni carichi di persone rapite provenienti da tutti i paesi europei occupati e diretti nei vari lager, non sono stati minimamente colpiti dall'aviazione alleata. Mi chiedo perchè nessuna linea ferroviaria è stata attaccata dai bombardieri? Perchè si è tenuto nascosta fino quasi agli inizi degli anni 2000 la verità su queste orrende stragi?”.

“Forse se riuscissimo ad ottenere delle risposte obiettive su quel passato, potremmo (sia pure con fatica e con estrema lentezza) dare una spiegazione alle stragi che si sono succedute arrivando ai giorni nostri e presentando i colpevoli di fronte alle loro responsabilità”.

“Con una storia foriera di verità saremmo più forti nel contrastare fenomeni come quello emerso pochi giorni fa in Liguria e forse utopicamente potremmo trasmettere un messaggio di pace imposta alle nazioni più forti nei confronti delle popolazioni più deboli, concludendo una vera pace in Palestina con due popoli e due stati e non due popoli in guerra da 72 anni dei quali uno ridotto a vivere in campi profughi” conclude il primo cittadino Molinaro.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium