/ Economia

Economia | 13 settembre 2022, 16:55

Occupazione in Liguria: Calà (Cgil) "Cresce il lavoro ma è povero e precario"

"L’83 per cento degli occupati mediamente ha un contratto di lavoro precario, con punte che nel settore del turismo superano il 90 per cento"

Occupazione in Liguria: Calà (Cgil) "Cresce il lavoro ma è povero e precario"

L’Istat ha licenziato oggi i dati sull’occupazione relativi al secondo trimestre 2022. I dati seppur positivi devono essere letti nel loro insieme “All’aumento quantitativo dell’occupazione non corrisponde l’aumento qualitativo – sottolinea Maurizio Calà Segretario Generale Cgil Liguria – l’83 per cento degli occupati mediamente ha un contratto di lavoro precario, con punte che nel settore del turismo superano il 90 per cento” L’aumento dell’occupazione registrato dall’Istat infatti è concentrato prevalentemente nel settore del turismo, comparto per sua natura ciclico e stagionale e con salari inferiori rispetto alla media dei comparti. A questo si aggiunge il calo dell’occupazione nell’industria manifatturiera, quella in senso stretto che rappresenta l’ossatura dell’apparato produttivo ligure, e che nel periodo di riferimento registra un calo di 3 mila occupati.

“E’ evidente che la ripresa, seppur positiva, rischia di non garantire quelle condizioni di benessere economico che mettano al riparo i liguri da un autunno che sarà tutt’altro che facile – conclude Calà – è necessario investire maggiormente nella capacità produttiva di questa regione a partire dal creare lavoro di qualità che possa garantire realmente condizioni di benessere a lavoratori e famiglie”

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium