Elezioni comune di Albenga

Elezioni comune di Pietra Ligure

 / Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 14 marzo 2019, 13:39

Cairo, il museo della Ferrania cambia orari di apertura e tariffe

Lo comunica il Comune di Cairo Montenotte.

Foto pagina Facebook Città di Cairo Montenotte

Foto pagina Facebook Città di Cairo Montenotte

Il Museo della Ferrania cambia orari di apertura e tariffe. Lo comunica il Comune di Cairo Montenotte.

Si legge nella nota: “Il Ferrania Film Museum è aperto al pubblico. Sono attivi i nuovi orari di apertura e le tariffe deliberate nei giorni scorsi. Il museo è visitabile dal giovedì al sabato dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 14:30 alle ore 18:00. Le tariffe di ingresso sono le seguenti: intero: euro 5,00; ridotto: euro 3,00 (per visitatori da 6 a 16 anni, per gruppi scolastici e per società, associazioni, organismi convenzionati con il Comune). Ingresso gratuito per bambini fino a 5 anni”.

Il museo è situato nel rinnovato Palazzo Scarampi, situato in piazza Savonarola. È gestito dall’associazione "Ferrania Film Museum" con sede in via Borreani Dagna 33/2, con la quale il Comune ha stipulato una convenzione della durata sperimentale di un anno, con possibilità di estensione di un ulteriore periodo di tre anni.

Il museo della Ferrania è stato inaugurato lo scorso 15 settembre. Ideato come una sorta di percorso tra le stanze, il museo avente una superficie di circa 250 metri quadrati, si pone l'obiettivo di restituire i molteplici aspetti delle vicende industriali: la vita della fabbrica, la cultura d’impresa e le vicende societarie, il design e la comunicazione visiva, l’architettura, i prodotti e i brevetti, gli anni della guerra e quelli più recenti. Ma non è tutto, all'interno trovano spazio anche i vari comparti, dal fotografico al radiografico, la luce e il buio dei reparti, la grande stagione del colore e del cinema, e l'universo sociale di Ferrania, composto dal villaggio operaio, il pacco natalizio, il dopolavoro, le bocce e molto altro ancora. Inoltre, sono presenti gigantografie a parete, pannelli modulari e schermi multimediali, con testi, immagini, disegni.

Grazie all'accordo stipulato tra il Gruppo Messina e l'amministrazione, il museo contiene anche un primo corpo di reperti della fabbrica: macchine, strumenti di misura, vetreria, quaderni di consegna, oggettistica di vario tipo.

Graziano De Valle

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium