/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 30 maggio 2019, 12:40

Savona, indagine dei carabinieri sull'affidamento da parte di Ata dei servizi di raccolta rifiuti alla cooperativa "Il Miglio Verde"

A condurre le indagini è il sostituto procuratore Massimiliano Bolla: nel mirino degli inquirenti, secondo quanto trapelato, ci sarebbero tre persone indagate con l'accusa di turbativa d'asta.

Savona, indagine dei carabinieri sull'affidamento da parte di Ata dei servizi di raccolta rifiuti alla cooperativa "Il Miglio Verde"

Perquisizioni in corso, questa mattina da parte dei carabinieri del nucleo investigativo di Savona, relative ad un'inchiesta che riguarderebbe l'affidamento da parte di Ata dei servizi di raccolta rifiuti alla cooperativa "Il Miglio Verde".

A condurre le indagini è il sostituto procuratore Massimiliano Bolla: nel mirino degli inquirenti, secondo quanto trapelato, ci sarebbero tre persone indagate con l'accusa di turbativa d'asta tra cui l'amministratore delegato di Ata Matteo Debenedetti e la legale rappresentante del Miglio Verde Giovanna Alice. La vicenda riguarderebbe il servizio di spazzamento e cura del verde negli anni dal 2017 al 2019. 

Nell'indagine, ma per un altro filone, risultano indagati anche Francesco Alice (padre di Giovanna Alice) accusato di concorso in turbata libertà degli incanti e un impiegato di Arte, accusato di concorso in turbata libertà degli incanti e abuso d’ufficio. 

"Apprendiamo dagli organi di stampa le notizie relative a probabili nuovi filoni di inchiesta che coinvolgerebbero Ata - commentano in una nota il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio e l'assessore al Bilancio e alle Partecipate Silvano Montaldo - Non abbiamo ancora notizie ufficiali in merito ma, appena avremo elementi di certezza, adotteremo le azioni necessarie al fine di tutelare l'Ente e il patrimonio aziendale, soprattutto alla luce del momento estremamente delicato che la partecipata del Comune sta attraversando: ricordiamo che la prossima settimana il Tribunale di Savona dovrà valutare l’omologa del concordato e, se ci sarà un esito positivo, si potrà avviare un nuovo percorso della partecipata". 

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium