/ Economia

24 Ore

Cerca nel web

Economia | 02 agosto 2019, 16:28

Cosa fare e dove andare in Islanda?

Oggi vi parleremo di uno dei posti più affascinanti ed evocativi del mondo, un luogo ancora selvaggio ma di facile esplorazione, luogo che ha ispirato le menti e i sogni di tutti

Cosa fare e dove andare in Islanda?

Oggi vi parleremo di uno dei posti più affascinanti ed evocativi del mondo, un luogo ancora selvaggio ma di facile esplorazione, luogo che ha ispirato le menti e i sogni di tutti, isola nel nord del mondo che non mancherà di stupirvi con i suoi mille spettacoli naturali: stiamo parlando dell'Islanda, un'isola che aspetta solo voi!

Partiamo dicendo una cosa di fondamentale importanza: la potete girare nel modo che ritenete oppurtuno, ma il consiglio che ci sentiamo di darvi è un fatto al quale avrete probabilmente già pensato: trovare un noleggio auto in Islanda potrebbe rivelarsi una delle scelte più vincenti mai messe in atto. Provate a dare un'occhiata su www.autonoleggioislanda.it per avere subito un'idea chiara di quanto possa essere vantaggioso ed economicamente competitivo programmare di visitare l'intera isola in questo modo. 

ISLANDA IN MACCHINA, I POSSIBILI ITINERARI

Dunque, prima di tutto parliamo della durata del viaggio: difficilmente potrete fare un giro completo ed esaustivo in meno di dieci giorni, anche se alcuni propongono pacchetti di una settimana. Ecco, il nostro consiglio è quello di prenotare per almeno dieci giorni, anche se quindici sarebbero davvero perfetti per assaporare al meglio queste terre. Perché, dopotutto, non è certo un viaggio che si compie tutti i giorni, questo, quindi varrebbe la pena, per la (probabilmente) unica volta che la visiteremo, programmare la nostra permanenza in Islanda in modo che possa soddisfarci. Quindi parliamo di un itinerario spalmato su dieci giorni di viaggio on the road. L'aeroporto locale si trova a Keflavik, cittadina a sud della capitale Reykjavik: qui troverete il vostro autonoleggio in Islanda e potrete partire alla volta del Circolo d'Oro! Per prima cosa, come spesso accade in questo viaggio, troverete sulla vostra strada il parco del Thingvellir, che saprà senza dubbio come stupire i vostri occhi già prima di averlo raggiunto: il paesaggio che vi si parrà davanti sarà del tutto diverso da ongi cosa mai vista sino ad allora, vi sembrerà proprio di essere atterrati su un altro pianeta e, se così non sarà, vorrà dire che probabilmente è esattamente quella la vostra provenienza!

 

Dopo questo parco incredibile, potreste raggiungere la valle del Gaysir, il gayser più antico mai scoperto. Ecco un importante indizio circa la sua antichità: al giorno d'oggi i gayser si chiamano così proprio in onore suo, del Gaysir, re di tutte le fonti d'acqua che erompono in superficie! I gayser sono come delle eruzioni vulcaniche da pozze di acqua che vanno man mano a riscaldarsi in profondità, lasciando l'acqua soprastante nettamente più fredda: il calore nella fenditura trasforma parte dell'acqua ormai calda in vapore, creando una pressione che, quando raggiunge il limite, farà esplodere il tutto creando un incredibile effetto scenografico.

 

Dopo questa tappa obbligata, ecco che la cascata di Seljalandsfoss vi starà aspettando con la sua possibilità di percorrerla anche da dietro! Una vista davvero impagabile e un'emozione unica. Tappa assolutamente da non perdere. Percorrendo la ring road, la strada che appunto compie un giro attorno all'isola, si raggiungeranno poi le cascate di Dettifoss, che sono le cascate più potendi dell'intera Europa: sembra che anche questa attrazione naturale sia imperdibile, e noi non ce la perderemo. Dopodiché sarà la volta di un'altra cascata, Skogarfoss, altra imponente manifestazione idrica che vi permetterà di essere osservata direttamente da sotto. Un'esperienza incredibile, da lasciare senza fiato. Le sorgenti d'acqua saranno un po' ovunque sul vostro tragitto: dalle sorgenti comuni ai gayser, in più vi troverete su un'isola, quindi circondati da acqua ovunque: la vostra vacanza sarà senza dubbio a base d'acqua.

 

Ricordiamo, a questo proposito, di non acquistare acqua in bottiglia sull'isola: basterà avere una bottiglia a portata di mano e riempirla a qualsiasi rubinetto per avere acqua pura di sorgente, e non è un modo di dire.
Dopodiché potrete visitare i mille fiordi che questa isola spettacolare vi propone, sia i fiorni occidentali che i fiordi orientali, celebri e spettacolari, perfetti per essere immortalati nelle vostre foto ricordo! Oppure citiamo ancora la regione del Landmannalaugar, ai piedi del vulcano Hekla, per immortalare incredibili paesaggi densamente scenografici durante una giornata di trekking (se appassionati del genere). O ancora il vulcano Askja, che ha eruttato due sole volte e che vi promette un bacino idrico di grande potere suggestivo nel bel mezzo del parco nazionale del Vatnajokull. Ed eccoci arrivati a una delle attrazioni più suggestive dell'intero territorio islandese, la celebre Laguna Blu: insieme di acque azzurrissime e geotermali, esse formano quasi delle piscine dove potrete stare immersi e rilassarvi per ore in mezzo a uno degli spettacoli più incredibili mai visti. Per non parlare del fenomeno delle aurore boreali, visibile in alcuni periodi dell'anno da questa stupenda isola.


Ultimo consiglio da non sottovalutare: di fronte alla capitale Reykjavik sta questa piccola isola, Viðey Island, che varrebbe la pena vedere se avrete tempo a sufficienza: storia (alcune delle rovine più importanti di Islanda si trovano qui) e paesaggi in un connubio perfetto.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium