/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 09 aprile 2020, 13:19

Bonus Regione per acquisto materiale informatico, la Cgil attacca: "Anche nell'emergenza studenti di serie A e B"

I sindacati rivolgono un appello alla giunta regionale: "Cambiare la gestione dei bandi rafforzando le risorse a disposizione delle istituzioni scolastiche"

Bonus Regione per acquisto materiale informatico, la Cgil attacca: "Anche nell'emergenza studenti di serie A e B"

"Partirà fra qualche giorno il bando della Regione Liguria per la distribuzione di Fondi Europei diretto alle famiglie per l’acquisto di materiale informatico o di servizi a sostegno della didattica a distanza" commentano in una nota Claudio Croci Segretario Generale Flc Cgil Liguria e Fulvia Veirana Segretaria Cgil Liguria. 

"Lo stanziamento è di 3,5 milioni di euro, la misura è completamente sovrapponibile a quella messa in campo dal Governo, con due sole differenze. Le risorse messe in campo a livello nazionale sono attribuite alle scuole. A loro spetta il compito di individuare le aree di difficoltà delle famiglie e quelle eventualmente generatesi nel rapporto fra la scuola ed i ragazzi. La Regione, invece, distribuisce i bonus direttamente alle famiglie, spezzando il delicatissimo rapporto che si sta costruendo in questa fase difficile e negando completamente il ruolo centrale delle Istituzioni scolastiche. Nel bando, poi, c’è un evidente squilibrio fra l’entità di contributi destinate ai ragazzi che frequentano la scuola pubblica e quelli che frequentano gli istituti privati". 

"Entrambe le scelte ci paiono in contraddizione con quanto un’Istituzione pubblica come la Regione dovrebbe fare: favorire il ruolo della scuola a partire da quella pubblica. Ma non è tutto. E’ stato pubblicato un bando per favorire l’innovazione delle imprese e sostenere lo smart-working che esclude totalmente le aziende impegnate nella formazione professionale".

"Così la Regione continua ad ampliare la forbice fra coloro che frequentano scuole con indirizzi diversi e fra scuole pubbliche e private. Anche nell’emergenza studenti di serie A e di serie B - concludono - Rivolgiamo un appello alla Giunta: siete ancora in tempo, cambiate la modalità di gestione dei bandi rafforzando le risorse a disposizione delle istituzioni scolastiche che rapidamente sosterranno le famiglie in difficoltà e coinvolgente tutti gli attori che svolgono un ruolo formativo". 

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium